“QUESTO POSTO E’ SOLO PER EBREI”: LE SORGENTI DELL’APARTHEID IN CISGIORDANIA.

0

I coloni  si sono impossessati di dozzine di sorgenti in Cisgiordania, tutte in terra privata palestinese, e ne stanno tenendo lontani i proprietari. Rina Shnerb, un’adolescente ebrea, è stata assassinata la settimana scorsa presso una di esse.

English version

Gideon Levy  and Alex Levac -30 Agosto 2019

Immagine di copertina: soldati presso una sorgente della West Bank

Cosa potrebbe esserci di più idilliaco della vista di una gorgogliante sorgente naturale che sgorga dalle colline e scorre tra massi scoscesi, acque cristalline che scorrono silenziosamente in una piccola piscina dove le persone  si tuffano con allegria?

Cosa potrebbe esserci di più innocente di genitori e bambini che sguazzano in uno stagno naturale di acqua verde, il gorgoglio dell’acqua che si mescola con  le grida di gioia?

E cosa potrebbe esserci di più commovente del  cartello  posizionato accanto a una di queste sorgenti: “Cari escursionisti, benvenuti ad Anar Springs, costruite grazie a un intenso lavoro dei giovani del [vicino insediamento di] Niria.  Noi che amiamo  questo luogo, abbiamo una piccola richiesta: vestirsi in modo da rispettare tutti i visitatori, tenendo in considerazione  i bisogni dell’Altro. Abbiamo costruito il sito per il tuo bene e per il bene del popolo di Israele. Il nostro obiettivo è che tutti possano fare escursioni e godere insieme delle sorgenti.

Il cuore si gonfia per le parole “amanti di questo luogo”, “considerazione per i bisogni dell’altro”, “godere insieme delle sorgenti “. L’umanità è felice, la natura è spettacolare, ma questa sorgente, come tutte le altre nella West Bank, è stata rubata ai suoi proprietari. Derubata. Saccheggiata. Con una crudezza e una violenza da  pugno allo stomaco. Il “tutti” e la “considerazione” – quelle parole si riferiscono solo agli ebrei.

In queste sorgenti di apartheid, le acque rubate non devono essere addolcite. Dalle finestre delle loro case, i proprietari palestinesi possono solo guardare con disperazione i loro uliveti trascurati che sono stati costretti ad abbandonare all’insaziabile avidità dei signori della terra, e le sorgenti che vi sgorgano  accanto  e che sono state anch’esse rubate loro.

I boschi se ne sono andati, le fonti se ne sono andate, la giustizia è sparita. E tutto, ovviamente, sotto l’egida dello Stato e delle sue istituzioni.

Secondo Dror Etkes, fondatore di Kerem Navot, un’organizzazione che studia la politica fondiaria israeliana in Cisgiordania, oggi nella Cisgiordania centrale ci sono più di 60 sorgenti che i coloni hanno sequestrato come parte di un progetto di saccheggio  iniziato 10 anni fa. I lavori di abbellimento e ristrutturazione di circa la metà di esse sono stati completati, l’espropriazione è diventata totale, ai palestinesi viene impedito persino di avvicinarsi alle sorgenti e alle loro terre. Altre  sorgenti prese di mira dai coloni sono in varie fasi di acquisizione.

Una piscina ad Anar Springs, precedentemente chiamata Ein a-Shuna. Chi è bandito da tali luoghi, chiediamo a un soldato. “Arabi”, dice. “Questo posto è solo per ebrei.” Alex Levac

Etkes spiega che il sequestro delle sorgenti fa parte di un piano ambizioso di portata molto più ampia: assumere il controllo dei rimanenti spazi aperti in Cisgiordania. Questo viene fatto attraverso la creazione di zone di balneazione e di percorsi escursionistici, la designazione di tombe di figure spirituali ebraiche come “siti sacri” e lo sviluppo di aeree per picnic, tutti su terre private di proprietà palestinese. L’obiettivo: isolare i villaggi palestinesi invece di isolare gli insediamenti e, naturalmente, acquisire sempre più terra.

Venerdì scorso questa impresa criminale ha richiesto un prezzo elevato: le acque gorgoglianti  si sono macchiate di rosso: il sangue di Rina Shnerb, un’adolescente uccisa da un ordigno esplosivo improvvisato posizionato vicino alla sorgente di Ein Bubin; anche suo padre e suo fratello  sono rimasti feriti nell’esplosione.

Questa settimana abbiamo girovagato per la terra delle sorgenti scortati da Etkes, che ha una profonda familiarità con il territorio. (Nel 2012, Etkes  scrisse un rapporto sul furto delle sorgenti naturali per l’OCHA, l’agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di questioni umanitarie.) Conosce ogni nuovo recinto per pecore costruito segretamente dai coloni e conosce ogni roccia.

I panorami  sono affascinanti, ma la verità che nascondono è tale da fare ribollire il sangue. Molte di queste sorgenti rubate questa settimana sono deserte, nonostante le vacanze per gli studenti delle yeshiva, forse a causa della paura a seguito dell’attacco a Ein Bubin, che si trova vicino all’insediamento di Dolev e al villaggio palestinese di Deir Ibzi. Un lungo sentiero roccioso conduce al sito che i coloni chiamano Danny’s Spring, dal nome di Danny Gonen, uno studente che fu ucciso qui quattro anni fa, dopo aver fatto un tuffo.

Ovviamente, I coloni costruirono il sentiero collinare fino alla fertile valle senza averne l’autorizzazione. Il sentiero attraversa un uliveto che appartiene agli agricoltori di Deir Ibzi. Gli alberi sono ora trascurati e abbandonati, il terreno intorno ad essi è incolto e sono spuntati cespugli spinosi. Gli agricoltori hanno accesso alla loro proprietà solo due o tre giorni all’anno, come testimonia  lo stato d’abbandono. Tutta la discesa nella valle dove sgorga la  sorgente è stata saccheggiata. Una sorgente, un sentiero sabbioso – un languido boschetto. All’improvviso, a metà del sentiero deserto, alcuni soldati armati si lanciano verso di noi dagli ulivi. Accesso vietato, zona militare chiusa!

Di nuovo sulla strada principale, una grande bandiera israeliana si agita nel vento. Benvenuti nel blocco di insediamenti Dolev-Talmonim.

Anche il boschetto di proprietà degli agricoltori del vicino villaggio di Al-Janiya è stato distrutto. La loro sorgente naturale, Ein al-Masraj, nel centro del boschetto, è ora conosciuta come Ein Talmon e il  sentiero che conduce lì attraversa il territorio recintato dell’insediamento Talmon e la sua serie di “quartieri” satellitari non autorizzati.

Il Fondo Nazionale Ebraico dichiara che questo è il  ”sentiero  del circuito intorno alle Talmonim Springs”. Lungo il sentiero  vietato ai palestinesi, gli ulivi abbandonati sono antichi, e stanno appassendo. La fonte  rubata sembra ben curata, ma un mucchio di immondizia si accumula senza pietà attorno ad essa.

Il  sentiero verso la sorgente di Ein Bubin, dove Rina Shnerb è stata uccisa da un ordigno esplosivo improvvisato. Alex Levac

Una donna dall’aspetto giovanile e tre ragazze di Dolev stanno facendo il bagno, completamente vestite e con il fazzoletto in testa. Le ragazze chiamano la donna nonna. Una borsa della spesa del supermercato Rami Levy giace a terra. La separazione di genere è di rigore in queste sorgenti; la donna si offre di uscire dall’acqua in modo che possiamo entrare. Nelle vicinanze, le rovine di una fattoria palestinese testimoniano silenziosamente un passato perduto per sempre. “Un ebreo non rinfresca un altro ebreo”, è il graffito scarabocchiato su un muro.

Talmon separa il bosco dal villaggio palestinese a cui appartiene. “In cerchio in cerchio, festeggiamo in cerchio, siediti, siediti e alzati”, cantano allegramente la donna e le ragazze.

Una borsa di Doritos vuota rotola sul terreno.

Coloni adolescenti sono seduti a un tavolo da picnic JNF con indosso delle  T-shirt con la scritta “l’esperienza di corsa nei paesaggi biblici”. L’avamposto dei coloni sopra di noi si chiama Givat Habreicha (Hill of the Pool). Ville con vista sull’acqua. Nell’insediamento è stata costruita una base militare  per motivi di sicurezza.

I cartelli nell’oliveto di Mazra’a al-Kibiliya, ad est dei Talmons, indicano qualcosa chiamato Vineyard Hill. Tutta questa scena surreale è completata da un enorme elefante di poliestere in cima alla collina. Tra le case di Mitzpeh Haresha ci sono indicazioni che portano alla sorgente di Haresha. “Alle nuove famiglie: benvenute, nel nome di Dio. Siamo felici  del vostro arrivo. Con affetto, la famiglia di Haresha.

In nome di Dio e per amore di Dio, hanno rubato anche questa sorgente.

Un soldato se ne va di corsa, un bambino  si dondola su un’altalena, un veicolo delle forze di difesa israeliane su cui è montato un misterioso dispositivo  perlustra la valle in cui venerdì scorso  è avvenuto l’attacco.

Haresha Spring è molto vicino alle case di Mazra al-Kibiliya ed è pericoloso andarci, ci dice un soldato. I coloni vanno lì armati.

Ancora un’altra  sorgente che non appartiene più ai suoi proprietari. “Una sorgente con due corsi d’acqua freschi e cristallini, di solito profondi tre metri“, promette il portale dei coloni Land of the Springs. “Grazie alla gioventù di Neria, la comunità vicina, per l’informazione.”

Saliamo a Zayit Ra’anan (letteralmente “oliva fresca”), un altro avamposto di coloni di Talmon.

Sì, c’è davvero un posto simile. Non lontano da lì si trova la tomba di uno sheikh, Nebi Anar, e dopo di essa il sentiero scende attraverso uliveti forzosamente abbandonati fino alle Anar Springs, i cui nomi originali sono Ein a-Shuna ed Ein al-Batama.

I coloni hanno qui costruito tre piscine una in fila all’altra  e  come negli altri posti, tutto è splendidamente costruito e ben curato. C’è anche un cartello con un numero di telefono da chiamare in caso di emergenza. Ma’ayan Hagefen, Ma’ayan Hana’arim, Ma’ayan Neria: le piscine sono ombreggiate da piante di vite.

Accanto  c’è un  frutteto di proprietà dei palestinesi.

Ein al-Ze’ira, alias Ateret Spring. Alex Levac

Un gruppo di ragazzi di Neria e Dolev è in acqua. Stanno parlando della promessa del primo ministro di costruire 300 case a Dolev, un premio di consolazione per l’attacco di venerdì scorso. ”Fratello, è come la sua promessa di costruire 300 case a Beit El“, dice un giovane in tono sprezzante. Questa è la conversazione a bordo piscina.

Le case a più piani del villaggio di Deir Amar si affacciano sulle piscine; da ogni finestra, gli abitanti del villaggio possono vedere i giovani coloni che si divertono nella loro sorgente perduta. Non è difficile immaginare cosa provino. Anche qui gli alberi dei palestinesi sono uno spettacolo pietoso; sembrano chiedere aiuto.

“Qui verranno costruite altre due pozze,” fratello “, dice uno dei giovani in acqua. “Mio padre ha sentito l’esplosione venerdì. Si potevano  vedere le ambulanze in arrivo dal nostro balcone.”

Una  borsa di un supermercato giace accanto alla terza piscina. Un gruppo del quotidiano religioso-sionista Makor Rishon è qui per scrivere  una storia sulle sorgenti.

Certamente avranno un punto di vista totalmente diverso. La musica araba delle case di Deir Amar si diffonde dolcemente attraverso la valle.

Anche la costruzione della strada che porta qui non era autorizzata. I coloni non si sono nemmeno preoccupati di espropriare la terra, osserva Etkes; semplicemente  hanno costruito la strada come se la proprietà fosse loro.

Al mattino, lungo la strada di fronte all’insediamento di Nili, Etkes salta improvvisamente sul sedile del conducente come se fosse stato morso da un serpente: aveva notato  un grande  recinto per il bestiame che solo pochi giorni prima non c’era. Un’area di deposito per il grano, un camion per dormire, un generatore e un contenitore per l’acqua – un altro avamposto di coloni sta per essere istituito, insieme all’annessione di grandi parti di pascoli a beneficio dei nuovi pastori.

Nel frattempo, sopra Anar Springs, un bulldozer sta sgombrando della terra a Neria. Dirigendosi a nord lungo la strada verso gli avamposti dei coloni di Kerem Re’im e Nahliel  vediamo tavoli da picnic in un boschetto deserto.

Svoltiamo verso Wadi al-Zarka, alias la Blue Valley. Un cartello  dell’Agenzia di Sviluppo delle Nazioni Unite  indica che questo è l’unico posto dove i coloni hanno fallito nella loro opera di acquisizione: hanno cercato di  occupare la sorgente sul pendio della collina, ma la presenza permanente di palestinesi e la mancanza di una strada per soli coloni ha finora impedito loro di attuare il programma. Ma basta solo aspettare.

La sorgente di Ein al-Qus, ribattezzata Ma’ayan Meir dal nome di un convertito ebreo . Alex Levac

A Ein al-Ze’ira, alias Ateret Spring, ci sono riusciti . “Donato con amore” è scritto sul tavolo da picnic vicino alla piscina vuota, fornito da “Binyamin Tourism” – chiamato così per il territorio assegnato a quella tribù nella Bibbia. È difficile pensare a una maggiore ironia. Solo l’enorme bandiera palestinese che sventola in alto  nel vento nella nuova città di Rawabi ci ricorda dove siamo.

Il nostro viaggio termina alla sorgente di Ein al-Qus, ribattezzata Ma’ayan Meir dal nome di un “convertito” ebreo, sotto il villaggio di Nabi Saleh, noto per le sue proteste contro l’occupazione.

Alcuni soldati stanno proteggendo un padre ultraortodosso di Modi’in Ilit, che è qui con i suoi due figli. Il trio è impegnato a raccogliere pesciolini dall’acqua con dei sacchetti di plastica. Abbiamo chiesto ai soldati a chi è vietato venire qui. “Agli Arabi”, ha risposto immediatamente uno di loro, aggiungendo, “Questo posto è solo per ebrei”.

Le parole di una canzone di Yoram Taharlev sono incise su una targa all’ombra di un fico: “Un pezzo di paradiso, una fetta di cielo / Nulla chiedo solo una piccola pietra / Su cui poggiare la testa / Nel ombra dell’olivo / E riposare per 40 anni

 

Trad Grazia Parolari “contro ogni specismo, contro ogni schiavitù” – Invictapalestina.org

 

“Questo posto è solo per ebrei”: le sorgenti dell’apartheid in Cisgiordania.

“Questo posto è solo per ebrei”: le sorgenti dell’apartheid in Cisgiordania.

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.