RACCONTI ORRIBILI DI RAGAZZE PALESTINESI NELLE CARCERI ISRAELIANE

622

tratto da: http://www.infopal.it/racconti-orribili-di-ragazze-palestinesi-nelle-carceri-israeliane/

28/6/2021

MEMO. In un lungo corridoio, agenti dell’intelligence israeliana stavano in piedi e applaudivano sarcastici mentre i carcerieri portavano Mays Abu Ghosh ammanettata in una cella per gli interrogatori militari, riferisce l’agenzia Anadolu.

“Mi stavano prendendo in giro, dicendo che sarei morta durante l’interrogatorio”, ha detto Mays all’agenzia Anadolu.

Durante il suo ciclo mestruale, Mays è stata legata alla sedia per le mani e alle caviglie, con il corpo allungato nella posizione della “banana”, per ore, rendendole impossibile dormire.

“Non potevo camminare, i carcerieri mi tenevano in cella”, ha aggiunto Mays.

Le mani di May sanguinavano costantemente a causa delle catene. Ha rifiutato di essere sottoposta a un’altra sessione di interrogatorio militare, quindi l’ufficiale dell’intelligence ha afferrato Mays e l’ha sbattuta contro il muro.

Mays ha continuato: “Non mi hanno fornito tamponi o biancheria intima di cui avevo bisogno in questo periodo delicato”.

33 giorni di tortura.
Gosh, 24 anni, del campo profughi di Qalandiya, è una studentessa di giornalismo e media all’Università di Birzeit, arrestata il 29 agosto 2019 e poi sottoposta a orribili torture, in isolamento per 33 giorni, presso il centro di interrogatorio Al-Maskobiya.

Durante la sua reclusione presso la famigerata struttura, ha perso 12 chili.

“Gli agenti cercavano costantemente di convincermi che ero impazzita e che stavo cercando di uccidermi, quindi hanno portato assistenti sociali, ma in realtà erano altri agenti”, ha raccontato Mays.

Quando quegli agenti erano in cella con Mays, ha mostrato loro le ferite e i lividi che aveva subito a causa degli abusi a cui era stata sottoposta e ha chiesto loro: “Chi è che si vuole uccidere? Io sono una studentessa e voi mi state imprigionando”.

Mays chiedeva spesso antidolorifici per alleviare i dolori alla testa e ai muscoli, ma di solito le venivano negati.

Durante le sessioni di interrogatorio, gli ufficiali hanno deliberatamente costretto Mays a sentire le urla dei detenuti sottoposti a torture fisiche durante gli interrogatori militari, minacciandola anche che ciò che sarebbe accaduto con lei sarebbe stato ancora più orribile.

“Mi hanno minacciato che sarei uscita di qui morta o paralizzata, e hanno anche minacciato di violentarmi”, ha detto.

(Foto: Mays Abu Ghosh (C) [@YourAnonCentral/Twitter]).

 

© Agenzia stampa Infopal
E’ permessa la riproduzione previa citazione della fonte “Agenzia stampa Infopal – www.infopal.it”

 

Racconti orribili di ragazze palestinesi nelle carceri israeliane

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.