Ragazzina di Gaza che ha bisogno di un trapianto viaggia senza genitori dopo che Israele ha negato loro i permessi

0

 

05/03/2018

La salute di Inam è peggiorata l’anno scorso a causa dell’accumulo di acqua nel suo corpo, non lasciando ai medici altra scelta che rimuovere il rene sinistro [foto gentilmente concessa da Salwa al-Attar]


28 febbraio 2018

BETHLEHEM (Ma’an)Una ragazzina palestinese è stata costretta a viaggiare senza i genitori da Gaza fino alla centrale città di Ramallah, nella Cisgiordania occupata, dove è previsto che riceva un trapianto di rene.
La tredicenne Inaam al-Attar è arrivata al Palestine Medical Center di Ramallah City con suo zio, da cui riceverà il rene, dopo che ai suoi genitori è stato negato il permesso di viaggiare assieme a lei dall’enclave costiera assediata.

Inaam al-Attar (a sinistra) con il governatore di Ramallah Laila Ghannam (a destra)

Il governatore di Ramallah, Laila Ghannam, ha dato il benvenuto ad al-Attar, filmata da diversi canali di notizie palestinesi mentre in ospedale piangeva dicendo di voler vedere la sua mamma.

Mercoledì pomeriggio un funzionario dell’agenzia di stampa Wafa dell’Autorità Palestinese (AP), ha dichiarato che i funzionari di collegamento palestinesi sono riusciti ad ottenere dai funzionari israeliani il rilascio di un permesso per Salwa al-Attar, mamma di Inaam, per uscire dalla Striscia di Gaza e raggiungere  sua figlia.
All’inizio di questo mese Al Mezan Center for Human Rights, Amnesty International, Human Rights Watch, Medical Aid for Palestinians (MAP) e Physicians for Human Rights Israel (PHRI) hanno rilasciato una dichiarazione congiunta con cui denunciano il minimo storico di permessi rilasciati da Israele per i palestinesi che cercano cure mediche vitali fuori da Gaza, sottolineando “l’urgente necessità che Israele metta fine alla sua chiusura decennale della Striscia di Gaza”.
Le autorità israeliane hanno approvato permessi per visite mediche solo per il 54 % di coloro che hanno presentato domanda nel 2017, il tasso più basso da quando l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha iniziato la raccolta di dati nel 2008.
L’Oms ha riferito che 54 palestinesi, 46 dei quali malati di tumore, sono deceduti nel 2017 in seguito a rifiuto o ritardo dei loro permessi.
Gaza, spesso paragonata a una “prigione a cielo aperto” per i suoi oltre 2 milioni di abitanti affollati in 365 chilometri quadrati, ha subito un decennio di isolamento e privazioni reso ancora peggiore da tre devastanti operazioni militari israeliane e dalle continue lotte politiche fra fazioni palestinesi.

Nel 2012 le Nazioni Unite avvertirono che Gaza potrebbe diventare inabitabile entro il 2020 se non ci saranno cambiamenti nelle tendenze in corso. Ma il nuovo rapporto, pubblicato nel 2017 dall’ONU, riferisce che “la vita per il palestinese medio a Gaza sta diventando sempre più infelice” e che per la maggior parte dei gazawi il territorio potrebbe essere già invivibile.

Traduzione: Simonetta Lambertini – invictapalestina
Fonte: http://www.maannews.com/Content.aspx?id=779896

 

 

 

Ragazzina di Gaza che ha bisogno di un trapianto viaggia senza genitori dopo che Israele ha negato loro i permessi

Ragazzina di Gaza che ha bisogno di un trapianto viaggia senza genitori dopo che Israele ha negato loro i permessi

…………………………………………………

Gazan girl in need of transplant travels without parents after Israel denies permits

FEB. 28, 2018 4:39 P.M. (UPDATED: MARCH 1, 2018 2:37 P.M.)

Inaam al-Attar (left) with governor of Ramallah Laila Ghannam (right)

BETHLEHEM (Ma’an) — A Palestinian girl was forced to travel without either of her parents from Gaza to the central occupied West Bank city of Ramallah on Tuesday, where she is scheduled to receive a kidney transplant.

Thirteen-year-old Inaam al-Attar arrived to the Palestine Medical Center in Ramallah City with her uncle, who she is receiving the transplant from, after her parents were denied permission to travel with her from the besieged coastal enclave.

The governor of Ramallah, Laila Ghannam, welcomed al-Attar, who was filmed by several Palestinian news channels crying in the hospital saying she wanted to see her mother.

On Wednesday afternoon, official Palestinian Authority (PA)-owned Wafa news agency said that Palestinian liaison officials were able to receive approval from Israeli officials to allow Salwa al-Attar, Inaam’s mother, to leave the Gaza Strip to be with her child.

Earlier this month, Al Mezan Center for Human Rights, Amnesty International, Human Rights Watch, Medical Aid for Palestinians (MAP), and Physicians for Human Rights Israel (PHRI) released a joint statement saying the record-low rate of permits issued by Israel for Palestinians seeking vital medical treatment outside Gaza “underlines the urgent need for Israel to end its decade-long closure of the Gaza Strip.”

Israeli authorities approved permits for medical appointments for only 54 percent of those who applied in 2017, the lowest rate since the World Health Organization (WHO) began collecting figures in 2008.

WHO reported that 54 Palestinians, 46 of whom had cancer, died in 2017 following denial or delay of their permits.

Gaza, which has often been compared to an “open air prison” for its more than 2 million inhabitants crowded into 365 square kilometers, has suffered from a decade of isolation and deprivation, made all the worse by three devastating Israeli military operations, and persistent intra-Palestinian political strife.

In 2012, the UN warned that Gaza could become uninhabitable by 2020 if current trends were not altered. However, new report released in 2017 by the UN said that “life for the average Palestinian in Gaza is getting more and more wretched,” and that for the majority of Gaza’s residents, the territory may already be unlivable.

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.