Rapiti cinque operatori di Medici senza frontiere

SIRIA

Rapiti cinque operatori di Medici senza frontiere

3  gennaio 2014

immagine1

Dopo un raid aereo a Raqqa, in Siria, il 7 dicembre 2013. (Nour Fourat, Reuters/Contrasto)

Cinque operatori di Medici senza frontiere sono stati rapiti nel nord della Siria il 2 gennaio. Il responsabile della comunicazione di Msf, Michael Goldfarb, non ha chiarito se i cinque sono stati presi in ostaggio dai ribelli o dal governo e non ha voluto dire la nazionalità dei rapiti per non metterli in pericolo. Secondo Goldfarb i medici sono stati catturati “per essere interrogati”.

Medici senza frontiere ha sei ospedali e quattro centri sanitari nel nord della Siria, scrive l’Afp, e gestisce anche un programma per distribuire medicinali e dare consulenza agli altri ospedali locali.

Secondo fonti dell’opposizione siriana citate dal El País gli operatori rapiti sono europei, e tra di loro c’è anche un medico spagnolo. La stessa fonte, un portavoce del gruppo di opposizione Ahrar al Sham identificatosi come Abu Hasan, ha aggiunto che gli operatori di Msf sono stati catturati in un ospedale nella provincia di Latakia dai militanti dello Stato islamico dell’Iraq e del Levante (Isil), un gruppo legato ad Al Qaeda. Tra i sequestrati ci sono anche persone di nazionalità tedesca e francese.

Rapiti cinque operatori di Medici senza frontiere

http://www.internazionale.it/news/siria/2014/01/03/rapiti-cinque-operatori-di-medici-senza-frontiere/

Contrassegnato con i tag:

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam