Rapporto da Gaza: Morte e distruzione

0

Pubblicato il  da AbuSara

http://palsolidarity.org
11 Luglio 2014 | International Solidarity Movement, Charlie Andreasson | Gaza, Palestina Occupata

Siamo riusciti a ottenere un passaggio in un blindato Land Rover appartenente a giornalisti francesi, ed a velocità folle siamo andati attraverso incroci con il solo clacson come protezione. L’obiettivo era il campo profughi di Jabalya, con l’ultimo bersaglio colpito uccidendo con un drone.

Le ambulanze hanno lasciato il luogo poco dopo che siamo arrivati, ed i vigili del fuoco erano sul punto di andarsene dalla macchina. O quello che era stato una volta un’auto.

immagine1

Ciò che era di fronte a me era un disastro completo con parti in metallo intrecciate. Anche se il vero shock e disgusto è venuto quando ho visto la targa. Finiva con 22. Era stato un taxi.

image

Abbiamo fatto un giro con un altro giornalista di Kamal Hospital, dove sono stati presi i corpi dei tre uomini, Mahmoud Walaid, Hazim Balouska, Alaa Abdelnabi. Su una barella era uno degli uomini, fatiscenti, bruciato, senza identità trovata, pronto per  essere messo in frigo.

image

Ma ci sono stati problemi. Il deposito era pieno. Troppe persone sono state uccise negli ultimi tre giorni da quando la “Operazione bordo Difensivo” ha cominciato.

Mentre sto scrivendo il numero di persone uccise è di 80 [il numero è salito], lo stoccaggio a freddo è pieno, in attesa di loro funerali.

Due corpi giacevano sulla stessa barella.

Ora non abbiamo più avuto una macchina della stampa per chiedere un passaggio. In taxi, ci siamo diretti al valico di frontiera di Erez, che abbiamo sentito era stato attaccato in precedenza.

Era la prima volta che avevo visto il cancello stare spalancato sul lato palestinese, e l’edificio appariva deserto. Non abbiamo fatto un passo fuori dal taxi.

Camminare nella zona verso la parte israeliana del valico di frontiera, anche se è un chilometro più in là, non è una buona idea.

Invece siamo andati a un altro dei bersagli bombardati da Israele il giorno prima. Di fronte a una stazione di benzina c’è stato un enorme cratere tra alberi di agrumi rovesciati e rotti, e dal condominio accanto ad esso, un albero di limoni appeso a testa in giù con le radici incastrate sul tetto.

image

Ci siamo guardati l’un l’altro, e tutti abbiamo sentito che era abbastanza morte e distruzione per un giorno, e quando il conducente ha chiesto se volevamo andare al successivo luogo bombardato, abbiamo detto no a una voce sola.

http://reteitalianaism.it/public_html/index.php/2014/07/11/rapporto-da-gaza-morte-e-distruzione/

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.