REPORT SETTIMANALE DELLE VIOLAZIONI DEI DIRITTI UMANI COMMESSE DA ISRAELE NEI TERRITORI PALESTINESI OCCUPATI 14-20 GENNAIO 2021 #IsraeliCrimes

0
362

tratto da: Beniamino Benjio Rocchetto

venerdì 22 gennaio 2021  14:46

PCHR – 21 gennaio 2021
https://www.facebook.com/pchrgaza/

– Palestinese muore nella prigione israeliana

– Uso eccessivo della forza delle Foi in Cisgiordania e Gerusalemme Est occupata: 18 palestinesi feriti, tra cui un bambino e una donna

– Attacchi aerei israeliani sulla Striscia di Gaza: 1 civile ferito; una casa e terreni agricoli danneggiati

– Sono state riportate due sparatorie delle Foi contro palestinesi e terreni agricoli, e una volta contro pescherecci orientali e occidentali della Striscia di Gaza

– In 58 incursioni delle Foi in Cisgiordania, compresa Gerusalemme Est occupata: 72 civili arrestati, inclusi 6 bambini e 3 donne

– 11 carrelli stradali danneggiati a Jenin, avvisi di demolizione serviti a una moschea e una scuola a Hebron

– Gerusalemme est occupata: una casa auto demolita

– Attacchi di coloni in Cisgiordania: un bambino ferito, due veicoli incendiati e 100 piantine di ulivo sradicate

– Le Foi hanno stabilito 77 posti di blocco militari temporanei in Cisgiordania e hanno arrestato 4 civili palestinesi su detti posti di blocco

SOMMARIO

Le forze di occupazione israeliane (IOF) hanno continuato a commettere crimini e violazioni a più livelli contro i civili palestinesi e le loro proprietà, inclusi raid nelle città palestinesi caratterizzati da un uso eccessivo della forza, aggressioni, abusi e attacchi contro i civili che sono per lo più condotti dopo mezzanotte e nelle prime ore del mattino. Questa settimana, Maher Theeb Ibrahim Sa’sa ’(44 anni), imprigionato da Israele e condannato all’ergastolo, è morto nella prigione di Rimonim. Sa’sa ’, padre di 6 figli di Qalqilya, era malato e aveva una malattia polmonare, è stato imprigionato nel 2006 e condannato a 25 anni. Ha trascorso 15 anni in prigione. La morte di Sa’sa getta luce sul generale deterioramento delle condizioni di vita di migliaia di palestinesi nelle carceri israeliane e sull’entità delle misure punitive praticate contro questi prigionieri, in particolare nel ritardare le cure mediche, nell’incuria medica e nel disprezzo delle loro esigenze mediche, in particolare per i detenuti con malattie pericolose e croniche. Questa è una flagrante violazione della responsabilità dell’occupazione di fornire condizioni di detenzione umane e assistenza medica ai prigionieri come da articoli 85 e 125 della Quarta Convenzione di Ginevra.

Inoltre, questa settimana si è assistito a una continua escalation di attacchi da parte dei coloni, principalmente lanci di pietre contro case e veicoli civili in Cisgiordania. Inoltre, le demolizioni delle Foi di case e proprietà palestinesi sono continuate in Cisgiordania, compresa Gerusalemme Est occupata.

Questa settimana, il PCHR ha documentato 157 violazioni del diritto internazionale dei diritti umani e del diritto internazionale umanitario (DIU) da parte delle Foi e dei coloni dell’oPt.

– Sparatorie da parte dell’IOF e violazione del diritto all’integrità fisica:

Le Foi hanno ferito 18 palestinesi, tra cui un bambino e una donna, facendo un uso eccessivo della forza contro i civili in Cisgiordania: 11, incluso un bambino, sono stati feriti negli attacchi delle Foi a due proteste pacifiche a Kafr Qaddum – Qalqilya; 2 sono rimasti feriti in un attacco delle Foi durante una protesta ad Al-Mughayyir, Ramallah; una donna è stata ferita in un attacco a una protesta a Hebron; e 3 palestinesi hanno riportato ferite vicino al muro di annessione a Qalqilya; un altro palestinese è stato ferito nell’incursione delle Foi a Teqoa, Betlemme.

Nella Striscia di Gaza, un palestinese ha riportato ferite e una casa è stata danneggiata negli attacchi aerei delle Foi contro il campo profughi di Maghazi orientale nel centro di Gaza; inoltre, i terreni agricoli sono stati danneggiati in attacchi aerei simili su Rafah orientale e Khan Younis.

Sempre a Gaza, sono state riportate due sparatorie delle Foi su terreni agricoli a est di Khan Younis, e una volta su pescherecci al largo della costa settentrionale di Gaza.

– Incursioni delle Foi e arresti di civili palestinesi:

Le Foi hanno compiuto 58 incursioni in Cisgiordania, inclusa Gerusalemme est occupata. Quelle incursioni includevano incursioni di case civili e sparatorie, allettando la paura tra i civili e attaccando molti di loro. Durante le incursioni di questa settimana, 72 palestinesi sono stati arrestati, inclusi 6 bambini e 3 donne.

Nella Striscia di Gaza, le Foi hanno condotto un’incursione limitata nel Khan Younis orientale.

– Demolizioni:

Il PCHR ha documentato 5 incidenti:

Gerusalemme est occupata: casa autodistrutta Beit Hanina

Jenin: 11 carretti stradali assaliti vicino al muro di annessione ad ‘Anin

Hebron: avviso di demolizione notificato a una scuola e una moschea a Kherbet Um Qassa

Nablus: 9 avvisi di demolizione e cessazione della costruzione notificati a Duma

– Attacchi di coloni:

I lavoratori sul campo del PCHR hanno segnalato e documentato 5 episodi di violenza da parte dei coloni:

Ramallah: due veicoli incendiati a Turmus Ayya

Hebron: attacchi dei coloni ai pastori, 100 piantine di ulivo sradicate a Yatta orientale; pietre lanciate sui veicoli che percorrono la Bypass Road (60).

Nablus: un bambino ferito in un attacco alle case a Madama.

– Politica di chiusura israeliana e restrizioni alla libertà di movimento:

La Striscia di Gaza subisce ancora la peggiore chiusura nella storia dell’occupazione israeliana dell’oPt poiché è entrata nel 14° anno consecutivo, senza alcun miglioramento nella circolazione di persone e merci, condizioni umanitarie e con conseguenze catastrofiche su tutti gli aspetti della vita.

Nel frattempo, le Foi hanno continuato a dividere la Cisgiordania in cantoni separati con strade chiave bloccate dall’occupazione israeliana dalla Seconda Intifada e con posti di blocco temporanei e permanenti, dove i movimenti civili sono limitati e sono soggetti ad arresto.

– Sparatorie e altre violazioni del diritto alla vita e all’integrità fisica

Intorno alle 13:15 di giovedì 14 gennaio 2021, le Foi sono entrate nel campo profughi di Aqabat Jaber, a sud-ovest di Gerico, nel centro della Cisgiordania. Un gruppo di giovani palestinesi si è riunito vicino all’ingresso principale del campo e ha lanciato pietre contro le Foi di stanza lì. Le Foi hanno sparato immediatamente e indiscriminatamente bombolette di gas lacrimogeni e bombe sonore contro i lanciatori di pietre e li hanno inseguiti per le strade del campo. Di conseguenza, molti civili sono stati soffocati a causa dell’inalazione di gas lacrimogeni. Le Foi hanno anche arrestato ‘Abed al-Rahman Khaled Saleh (20) e si sono ritirate in seguito.

Intorno alle 16:00, una forza militare israeliana accompagnata da dozzine di soldati israeliani si è trasferita nel villaggio di Tuqu, a est di Betlemme. Le Foi hanno chiuso gli ingressi del villaggio e stabilito posti di blocco militari in diverse aree. Hanno quindi perquisito i civili palestinesi, controllato i loro documenti di identità e ostacolato il loro movimento. Durante il quale, un certo numero di giovani palestinesi si sono riuniti e hanno lanciato pietre e bottiglie vuote contro le Foi, che hanno risposto con pesanti proiettili di gomma e bombolette di gas lacrimogeni. Di conseguenza, un uomo di 22 anni è stato colpito da un proiettile di gomma al piede e ha ricevuto cure in ospedale.

Intorno alle 11:00 di venerdì 15 gennaio 2021, i residenti del villaggio di Al-Mughayyir, a nord-est di Ramallah, nel centro della Cisgiordania, hanno organizzato una protesta pacifica contro le terre minacciate di confisca nell’area di Ras al-Teen, vicino all’ingresso orientale del villaggio. Nel frattempo, le Foi sono arrivate nell’area e hanno sparato proiettili di gomma, bombolette di gas lacrimogeni e bombe sonore contro i manifestanti. Violenti scontri sono scoppiati tra i manifestanti e le Foi. Di conseguenza, un maschio di 21 anni è stato colpito da un proiettile di gomma alla gamba e un maschio di 19 anni ha subito ferite da schegge di gas lacrimogeno nella sua mano e ha ricevuto cure sul posto.

Intorno alle 12:30, le Foi, di stanza all’ingresso nord del villaggio di Kafr Qaddum, a nord di Qalqilya, hanno soppresso una protesta pacifica organizzata da dozzine di giovani palestinesi. Le Foi hanno inseguito i giovani palestinesi riuniti nell’area, si sono scontrati con loro e hanno sparato contro di loro con proiettili di gomma, bombe sonore e bombolette di gas lacrimogeni. Di conseguenza, 5 manifestanti sono stati colpiti da proiettili di gomma e con punta di spugna; uno di loro è stato ferito all’addome mentre il resto agli arti inferiori.

Dopo la preghiera del venerdì, dozzine di giovani palestinesi insieme ad attivisti per la pace internazionali e israeliani hanno organizzato una protesta pacifica all’ingresso del villaggio di al-Tawana, a est di Yatta, a sud di Hebron, per protestare contro la demolizione delle case e la confisca delle terre e in solidarietà con Haroun Abu ‘Arram (23), che è stato colpito e ferito al collo dalle IOF senza alcuna giustificazione. I manifestanti hanno alzato bandiere palestinesi, cantato slogan e chiuso la tangenziale (60), ostacolando il movimento dei coloni. Nel frattempo, un gran numero di Foi è arrivato nell’area, ha spinto severamente i manifestanti a disperderli e ha sparato contro di loro bombe acustiche e bombolette lacrimogene. Di conseguenza, Siham ‘Atiyia Abu’ Arram (45) ha subito ferite da schegge di bomba al piede destro e ha ricevuto cure sul posto. Inoltre, molti manifestanti sono soffocati a causa dell’inalazione di gas lacrimogeni. Le Foi hanno anche arrestato Suliman ‘Eid Yamen Hathaleen (68 anni) e lo hanno portato in un campo militare nell’insediamento di “Mitzpe Yair”. Hathaleen è stato rilasciato più tardi.

Intorno alle 07:50 di sabato 16 gennaio 2021, le Foi, di stanza lungo il recinto di confine di Gaza con Israele, a est di Khan Yunis, hanno aperto il fuoco su terreni agricoli, a est del villaggio di Al-Fukhari; non sono state riportate vittime.

Alle 14:30 circa di sabato 16 gennaio 2021, le Foi, di stanza all’ingresso nord del villaggio di Kafr Qaddum, a nord di Qalqilya, hanno soppresso una protesta pacifica organizzata da dozzine di giovani palestinesi. Le Foi hanno inseguito i giovani palestinesi riuniti nell’area, si sono scontrati con loro e hanno sparato contro di loro con proiettili di gomma, bombe sonore e bombolette di gas lacrimogeni. Di conseguenza, 6 civili, compreso un bambino, sono stati colpiti da proiettili di gomma e spugna.

Intorno alle 20:00, le cannoniere israeliane di stanza al largo di Waha Shore, a nord-ovest di Beit Lahia, a nord della Striscia di Gaza, hanno inseguito i pescherecci palestinesi che navigavano entro 3 miglia nautiche, hanno aperto il fuoco intorno a loro, causando paura tra i pescatori e costringendoli a fuggire. Non sono state segnalate vittime.

Intorno alle 07:00 di domenica 17 gennaio 2021, le Foi, di stanza lungo la recinzione di confine di Gaza con Israele, a est di Khan Yunis, hanno aperto il fuoco su terreni agricoli, a est del villaggio di Khuzaʽa; non sono state riportate vittime.

Intorno alle 06:00 di lunedì 18 gennaio 2021, un drone israeliano ha lanciato un missile contro un terreno agricolo nel quartiere di Abu Haddaf nella zona di al-Qarara, a nord-est di Khan Yunis. Pochi minuti dopo, un aereo da guerra israeliano ha sparato un missile nella stessa area, provocando un grande buco sul terreno e danneggiando diversi alberi.

Più o meno nello stesso periodo, aerei da guerra israeliani hanno sparato 3 missili contro un terreno agricolo vicino alla moschea di al-Rayan nel villaggio di al-Shoka, a est di Rafah, causando danni materiali a 6 dunums di terra coltivata a verdure. Cinque dunum appartengono a Mohammed Mousa Abu Mu’amer e un dunum appartiene a Mohammed Marzouq Abu Mu’amer. Non sono state segnalate vittime.

Intorno alle 10:30 di martedì 19 gennaio 2021, le Foi di stanza al cancello Eyal stabilito vicino al muro di annessione, a nord di Qalqilya, hanno aperto il fuoco contro i lavoratori palestinesi, che hanno tentato di entrare in Israele per lavoro. Di conseguenza, 3 lavoratori sono stati colpiti da proiettili vivi agli arti inferiori.

Intorno alle 22:50, i carri armati israeliani di stanza lungo la barriera di confine di Gaza con Israele, a est del centro della Striscia di Gaza, hanno sparato un proiettile di artiglieria contro un punto di controllo del confine appartenente a gruppi armati palestinesi, a est del campo di Maghazi. Allo stesso tempo, un proiettile di artiglieria è caduto sulla casa di Rafat Muhareb Mahmoud ‘Abed al-Jawad (60), che si trova a 1500 metri dalla recinzione di confine nel blocco “B” nel campo di Maghazi. Di conseguenza, la casa a 2 piani ha subito danni parziali. Inoltre, il figlio di Rafat Mohammed (19) è stato ferito alla gamba sinistra dopo la dispersione del rublo.

Intorno alle 16:00 di mercoledì 20 gennaio 2021, il prigioniero Maher Daib Ibrahim Sa’sa ‘(44 anni), condannato all’ergastolo, è morto nella prigione israeliana di Rimonim 3 giorni dopo aver ricevuto il vaccino contro il Coronavirus. Va notato che Sa’sa ‘era un padre di 6 bambini che vivevano a Qalqilya. Sa’sa ’è stato arrestato dal 2006 ed è stato condannato all’ergastolo da 25 anni. Ha scontato 15 anni nelle carceri israeliane. Sa’sa ’ha subito danni ai polmoni. Jamal ‘Abdullah Shaker Jebara (43), cugino di Maher, ha detto al ricercatore sul campo del PCHR che: “l’ufficio di collegamento li ha informati che Maher è morto 3 giorni dopo aver ricevuto il vaccino contro il Coronavirus, e la sua causa di morte è ancora sconosciuta. Jamal ha aggiunto che l’ufficio di collegamento li ha informati che il cadavere di Maher verrà trasferito all’istituto forense di Abu Kabir. La Commissione per gli affari dei detenuti e il Club dei prigionieri della società palestinese hanno dichiarato in una dichiarazione congiunta che non ci sono dettagli chiari sulla morte di Maher, e seguiranno il caso per identificare la causa della morte. La dichiarazione affermava che Sa’sa ‘aveva ricevuto un vaccino contro il Coronavirus, sottolineando che aveva problemi di salute. La morte di Sa’sa ‘getta luce sul deterioramento delle condizioni di migliaia di detenuti palestinesi nelle carceri israeliane e mostra misure punitive adottate contro di loro, in particolare ritardandone le cure, negligenza medica e mancanza di cure per centinaia di pazienti che soffrono di malattie croniche e malattie gravi. Questa è una grave violazione degli obblighi di Israele di fornire condizioni di detenzione umanitaria e assistenza medica ai detenuti palestinesi ai sensi della Quarta Convenzione di Ginevra, in particolare degli articoli 85, 125.

– Incursioni e arresti:

Giovedì 14 gennaio 2021:

Intorno all’01: 00, le Foi sono entrate ad Abu Dis, a est della Gerusalemme est occupata. Hanno fatto irruzione e perquisito la casa di Lo’ay Fayez Arabiya (26) e lo hanno arrestato.

Intorno alle 04:00, le Foi sono entrate nel villaggio di Beit Ta’mir, a sud-est di Betlemme. Hanno fatto irruzione e perquisito la casa di Lo’ay Jamil Soman (25) e lo hanno arrestato.

Nello stesso periodo, le Foi sono state rinforzate con diversi veicoli militari e si sono trasferite nel villaggio di Kafr Malik, a nordest di Ramallah, a nord della Cisgiordania. Decine di soldati schierati in tutti i quartieri del villaggio. Hanno fatto irruzione e perquisito diverse case, e hanno circondato la casa di Zaher Hamayel (57), dopo aver rotto la porta principale della casa, senza perquisirla. Successivamente, le Foi hanno arrestato (6) civili: Ahmed Fayez Ba’irat (26), Mohye Faris Hamayel (23), Eman Faraj Ba’irat (27), Ja’far Mohammed Safa e Maher Hamayel. Nelle ore mattutine, le Foi hanno rilasciato gli ultimi 3 arrestati e hanno consegnato alla famiglia di Mohammed Hamayel un invito a fare riferimento ai servizi segreti israeliani nella prigione di “Ofer”.

Intorno alle 4:40, le Foi sono entrate nel villaggio di al-Mughayyir, a nord-est di Ramallah, in Cisgiordania. Si sono schierati nei quartieri e nelle strade, hanno stabilito posti di blocco agli ingressi del villaggio e hanno sparato bombe sonore mentre pattugliavano i quartieri. Le Foi hanno fatto irruzione e perquisito dozzine di case e arrestato (16) civili, tra cui due bambini, e li hanno portati nel luogo in cui si trovavano i veicoli militari all’ingresso orientale del villaggio. Le Foi li hanno interrogati per quattro ore consecutive, prima di rilasciare 6 civili; Ayman Abu Alia e suo figlio Bassam, Mo’ath Rasmi Abu Alia e suo fratello Ayoub, Na’san Feras Na’san e Shadi Belal Na’san. Tuttavia, 10 civili, compresi due bambini, sono stati tenuti in detenzione. Il PCHR conserva i nomi degli arrestati.

Intorno alle 11:00, le Foi sono entrate nel quartiere di at-Tur, a est della Città Vecchia di Gerusalemme Est occupata. Hanno fatto irruzione e perquisito due case appartenenti a Hamza Zaki Khwais (18) e Nader Mohammed Abu Laban (22) e li hanno arrestati.

Intorno alle 22:00, le Foi sono entrate nel quartiere di at-Tur, a est della Città Vecchia di Gerusalemme Est occupata. Hanno fatto irruzione e perquisito la casa di Adnan Mohammed Abu al-Hawa (19) e lo hanno arrestato.

Intorno alle 14:00, le Foi hanno arrestato Mohammed Rabah Abu Dawoud (28), dopo averlo fermato a un checkpoint militare stabilito all’ingresso meridionale di Hebron.

Le Foi hanno effettuato (3) incursioni nei villaggi di Dura, Halhul e Beit Kahil nel governatorato di Hebron. Non sono stati segnalati arresti.

Venerdì 15 gennaio 2021:

Intorno alle 02:00, le Foi sono entrate a Isawiya, a nord-est di Gerusalemme est occupata. Hanno fatto irruzione e perquisito la casa di Mohammed Abu Rajab (18) e lo hanno arrestato.

Più o meno nello stesso periodo, le Foi sono entrate a Tulkarm, a nord della Cisgiordania, e si sono fermate al centro del villaggio. Hanno fatto irruzione e perquisito diverse case e arrestato Fawzi Mohammed Sakallah (30) e Ra’fat Mohammed Abu Sharifa (26), di Tulkarm.

Intorno alle 16:00, le Foi, di stanza a un checkpoint militare a est della Gerusalemme est occupata, hanno arrestato Mohammed ‘Ammar al-Hadra (18), dal quartiere di at-Tur, mentre attraversava il checkpoint.

Intorno alle 23:00, le Foi sono entrate ad at-Tur, a est della Città Vecchia di Gerusalemme Est occupata. Hanno fatto irruzione e perquisito la casa di Mohammed Abu Sbitan (21) e lo hanno arrestato.

Sabato 16 gennaio 202:

Intorno all’01: 00, le Foi sono entrate nel quartiere di at-Tur, a est della Città Vecchia di Gerusalemme Est occupata. Hanno fatto irruzione e perquisito due case appartenenti a Mahmoud Ahmed Abu al-Hawa (22) e Ameer Maher Abu Jum’a (21), e li hanno arrestati.

Intorno alle 02:00, le Foi sono entrate a Isawiya, a nord-est della Gerusalemme est occupata. Hanno fatto irruzione e perquisito la casa di Mohammed Tha’er Mahmoud (27) e lo hanno arrestato.

Intorno alle 22:00, le Foi sono state dispiegate nei quartieri della Città Vecchia di Hebron, hanno arrestato Abdul Aziz Mohammed Abu Snaina (18) e lo hanno portato al centro investigativo nell’insediamento di “Kiryat Arba”, a est di Hebron.

Le Foi hanno effettuato due incursioni nei villaggi di Yatta e Deir Sammit nel governatorato di Hebron. Non sono stati segnalati arresti.

Domenica 17 gennaio 2021:

Intorno alle 03:00, le Foi sono entrate nella zona di al-Karkafi, a Betlemme. Hanno fatto irruzione e perquisito la casa di Jabra Matious (27) e lo hanno arrestato.

Intorno alle 11:00, le Foi hanno arrestato Alaa Monther Najeeb (22), mentre camminava in via al-Wad nella città vecchia occupata di Gerusalemme est e lo ha portato al centro di polizia di al-Qishleh in città.

Intorno alle 14:00, le Foi, di stanza alla fine di al-Wad street, vicino al cancello di al-Majlis “Nathir”, una delle porte della moschea di Aqsa, nella città vecchia di Gerusalemme est occupata, hanno arrestato Jehad Naser Qaws (26), mentre era presente in zona. Le Foi lo hanno portato al centro di polizia di al-Qishleh in città.

Intorno alle 15:00, le Foi sono entrate nel villaggio di Jabel Mukaber, a sud-est della Gerusalemme est occupata. Hanno fatto irruzione e perquisito la casa di Mohammed Eid Mashahra (49) e lo hanno arrestato insieme a sua moglie, Khitam Mashahra (42). Va notato che Mohammed ha due fratelli; Ramadan e Fahmi Mashahra che stanno scontando 20 vite nelle carceri israeliane.

Lunedì 18 gennaio 2021:

Intorno all’01: 00, le Foi sono state rinforzate con diversi veicoli militari e sono entrate a Beit Kahil, a nord di Hebron. Hanno fatto irruzione e perquisito la casa di Eisa Hussain ‘Asafra (22) e lo hanno arrestato.

Intorno alle 02:00, le Foi sono state rinforzate con diversi veicoli militari si sono trasferite nel campo profughi di al-Fawwar, a sud di Hebron, e si sono posizionate al centro del campo. Hanno fatto irruzione e perquisito la casa di Salah al-Dein Mahmoud Abu Warda (16) e lo hanno arrestato. Va notato che il 10 maggio 2020 è stato ferito dalle schegge del proiettile israeliano, che gli ha causato una frattura alla gamba sinistra e lo ha portato a subire un intervento chirurgico.

Più o meno nello stesso periodo, le Foi si sono trasferite a Madama, a sud-est di Nablus. Hanno fatto irruzione e perquisito diverse case e arrestato ‘Ameed Mohammed Qat (20).

Più o meno nello stesso periodo, le Foi sono state rinforzate con diversi veicoli militari e si sono trasferite a Deir Sammit, a sud-ovest di Dura, a sud-ovest del governatorato di Hebron. Hanno fatto irruzione e perquisito la casa di Abdul Hameed Abdul Majeed al-Sharawna (19) e lo hanno arrestato.

Più o meno nello stesso periodo, le Foi sono state rinforzate con diversi veicoli militari e si sono trasferite a Hebron e si sono fermate nell’area del quartiere di al-Sheikh. Hanno fatto irruzione e perquisito la casa di Tayseer Mohammed Abu Sbaih (33) e lo hanno arrestato.

Intorno alle 03:30, le Foi sono entrate nel villaggio di Kobar, a nord di Ramallah. Hanno fatto irruzione e perquisito due case appartenenti a Husam Atta Zibar (33) e Othman Sabah Zibar (45) e li hanno arrestati. Le IOF li hanno rilasciati più tardi.

Intorno alle 04:30, le Foi sono entrate nel villaggio di al-Mughayyir, a nord-est di Ramallah. Hanno fatto irruzione e perquisito la casa di Lo’ay Abed Abu Alya (17) e lo hanno arrestato.

Intorno alle 07:10, le Foi sono state rinforzate con diversi veicoli militari e bulldozer si sono spostate di 100 metri a est del villaggio di Fukhkhari, a est di Khan Yunis. Hanno livellato e setacciato le terre adiacenti alla recinzione di confine con Israele per ore, poi si sono ridistribuiti all’interno della recinzione.

Martedì 19 gennaio 2021:

Intorno alle 02:00, le Foi sono entrate nel villaggio di Salim, a nord-est di Nablus. Hanno fatto irruzione e perquisito diverse case e arrestato Abdul Rahman Eyad Jabbour (21) e suo fratello Adham (18).

Intorno alle 03:30, le Foi sono entrate nel villaggio di Kafr Ra’i, a sud di Jenin. Hanno fatto irruzione e perquisito diverse case e arrestato Bassam Nabeel Diab (30) e suo fratello Belal (26).

Intorno alle 04:20, le Foi sono entrate nel campo profughi di al-Am’ari, a sud di al-Bireh, a nord del governatorato di Ramallah. Hanno fatto irruzione e perquisito la casa di Mo’tasem Ramadan Jad al-Haq (22) e lo hanno arrestato. Va notato che Jad al-Haq è un ex prigioniero.

Intorno alle 12:30, le Foi sono entrate nel campo profughi di Aqabat Jabr, a sud-ovest di Gerico. Nel frattempo, decine di giovani si sono radunati e hanno lanciato pietre contro i veicoli israeliani, che hanno risposto sparando lacrimogeni, inseguito i lanciatori di pietre e arrestato Bara ’Mohammed al-Hindi (12).

Intorno alle 15:00, le Foi sono entrate nel villaggio di Isawiya, a est della Gerusalemme est occupata. Hanno fatto irruzione e perquisito diverse case e arrestato (8) civili tra cui un uomo con sua moglie e figli. Gli arrestati sono: Naser Darwish (18), Arafat Ahmed Mustafa (35), Wasim Nayef Obaid (55), sua moglie, sua figlia e i suoi figli, Nayef (32), Amro (19) e Mohammed Na’el Obaid (27). Successivamente, le Foi hanno rilasciato Naser Darwish e Nayef Obaid.

Intorno alle 19:00, le Foi sono entrate nel villaggio di Hizma, a nord-ovest della Gerusalemme est occupata. Hanno fatto irruzione e perquisito la casa di Abdul Karim Salem al-Khatib (16) e lo hanno arrestato.

Le Foi hanno effettuato (4) incursioni a Zububa, a ovest di Jenin; Kafr Qalil e Tal, a sud-ovest di Nablus, e il villaggio di Fara’ata, a est di Qalqilya. Non sono stati segnalati arresti.

Mercoledì 20 gennaio 2021:

Intorno alle 02:00, le Foi sono entrate nel campo profughi di Tulkarm, a nord della Cisgiordania, e si sono fermate al centro del campo. Hanno fatto irruzione e perquisito diverse case e arrestato Yehya Mohammed Owda (24).

Intorno alle 02:00, le Foi sono entrate ad Asira al-Shamaliya, a nord di Nablus. Hanno fatto irruzione e perquisito diverse case e arrestato Esmat Jameel al-Shouli (73).

Intorno alle 02:30, le Foi sono entrate nel villaggio di Anabta, a est di Tulkarm, e si sono fermate nel centro del villaggio. Hanno fatto irruzione e perquisito diverse case e arrestato Mohammed Yousef Mezyed (20) e Tayseer Abdul Dayem al-Zeq (52).

Intorno alle 14:00, le Foi sono entrate nel villaggio di Isawiya, a nord-est della Gerusalemme est occupata. Hanno fatto irruzione e perquisito diverse case e arrestato Mohammed Wasim Obaid (30).

Le Foi hanno effettuato (3) incursioni a Hebron, Yatta e Beit Kahil, nel governatorato di Hebron. Non sono stati segnalati arresti.

Espansione degli insediamenti e violenza dei coloni in Cisgiordania, compresa Gerusalemme est occupata

– Demolizione e confisca di proprietà civili

Venerdì sera, 14 gennaio 2021, Fawwaz Abu Hammad ha auto-demolito la sua casa a Beit Hanina, a nord di Gerusalemme est occupata, in base alla decisione del comune israeliano presumibilmente di costruire senza licenza.

Abu Hammad ha detto di aver iniziato a costruire la sua casa nel 2007 da solo e di aver terminato nel 2010. Pochi mesi dopo si è trasferito con la sua famiglia, ma è stato perseguitato dal comune israeliano, che gli ha imposto multe di 43.000 ILS e ha emesso un decisione amministrativa di demolire la sua casa. Abu Hammad ha detto che negli ultimi 10 anni ha tentato molte volte di concedere in licenza la sua casa ed è riuscito a congelare la decisione di demolizione; tuttavia, il tribunale israeliano nella sua ultima udienza tenutasi lo scorso settembre ha tentato di multarlo con 35.000 ILS in modo da rinviare la decisione di demolizione di altri 6 mesi. Si è rifiutato di pagare perché non può permetterselo ed era assolutamente sicuro che il Comune israeliano non avrebbe concesso in licenza la casa. Abu Hammad ha aggiunto che ha dovuto auto-demolire la sua casa, risparmiandosi multe extra. Abu Hammad ha anche affermato di aver affittato un bulldozer per demolire la sua casa di 130 mq oltre ad accorciare la recinzione che circonda la sua terra da 150 centimetri a 60 centimetri come stabilito dal tribunale israeliano, costandogli circa 28.000 ILS. Abu Hammad ha notato che viveva in casa con sua moglie, 2 figlie, la nuora e i suoi 2 figli, il cui padre era morto.

Intorno alle 06:00 di domenica 17 gennaio 2021, le Foi sono entrate nel villaggio di ‘Anin, a ovest di Jenin, a nord della Cisgiordania. I soldati hanno attaccato i proprietari di 11 bancarelle vicino al muro di annessione nella zona di al-Thaher vicino alla ‘Anin School for Boys, a ovest del villaggio. I proprietari si guadagnano da vivere con queste bancarelle, dove vendono generi alimentari per i lavoratori diretti a lavorare in Israele attraverso i buchi nel muro. I soldati hanno espulso i proprietari delle bancarelle e sabotato il contenuto con il pretesto del lavoro illegale nell’Area C. Va notato che il 16 dicembre 2020 le Foi hanno notificato ai proprietari delle bancarelle di rimuoverle. Le bancarelle appartengono a Radi, Mahmoud e Mohammed Yahiya Khadour; Osayd, Yazid e Walid Yousif ‘Issa; Isma’il Khalil Yasin; “Asem Dawwas” Issa; Hakam e Ashraf Hussein Yasin; e Mohammed Nader ‘Issa.

Intorno alle 10:00, le Foi, sostenute da un veicolo militare e da un veicolo dell’amministrazione civile israeliana, si sono spostate a Kherbet Um Qessah, a est di Yatta, a sud di Hebron. L’ufficiale dell’Amministrazione Civile ha consegnato ai cittadini un avviso ai sensi del decreto militare n. 1797 per demolire la scuola di Um Qessah che è stata costruita nel 2020 da donazioni di famiglie e organizzazioni su un’area di 183 metri quadrati oltre a un cortile costruito in lamiera su un’area di 70 metri quadrati e bagni mobili. Quaranta studenti studiano presso la scuola dalla prima alla quarta elementare oltre a 10 kg bambini con 7 membri del personale. L’ufficiale ha anche consegnato un altro avviso per la moschea della zona che è in costruzione e composta da una lastra di cemento e pilastri su un’area di 120 mq. Da notare che l’Ordine Militare n. (1797) concede ai cittadini 96 ore per presentare i documenti ufficiali di licenza per le strutture notificate, e non è abbastanza tempo per preparare un fascicolo legale.

Intorno alle 09:00 di lunedì 18 gennaio 2021, le Foi, accompagnate da un SUV dell’Amministrazione Civile, si sono spostate nel villaggio di Douma occidentale, a sud-est di Nablus, a nord della Cisgiordania. Le autorità israeliane hanno consegnato 9 avvisi di sospensione dei lavori di costruzione e demolizione a 9 cittadini con il pretesto di costruzioni illegali nell’Area C.

– Attacchi dei coloni ai civili palestinesi e alle loro proprietà

Verso l’01: 00 di giovedì 14 gennaio 2021, un gruppo di coloni dell’insediamento di “Shiloh” stabilito nelle terre palestinesi del villaggio di Turmus Ayya, a nord-est di Ramallah, si è intrufolato nella periferia orientale del villaggio. I coloni hanno dato fuoco a 2 veicoli e li hanno bruciati completamente. Nel frattempo, gli abitanti del villaggio si sono riuniti per spegnere il fuoco ed espellere i coloni dal villaggio. Le Foi sono immediatamente intervenute per proteggere i coloni e chiamare un rinforzo della polizia oltre a confiscare i 2 veicoli che appartengono ad ‘Awwad Ibrahim al-Kowk.

Intorno alle 09:00 di sabato 16 gennaio 2021, un gruppo di coloni dell’insediamento “Mitzpe Yair” stabilito nelle terre palestinesi di Yatta orientale, a sud di Hebron, ha attaccato i pastori nelle terre pastorali di She’ab al-Butm e al-Tawamin aree e ha lanciato pietre contro di loro, costringendo i pastori ad andarsene temendo ulteriori attacchi.

Intorno alle 22:00, un gruppo di coloni nell’insediamento “Kiryat Arba” stabilito sulle terre palestinesi confiscate, a est di Hebron, ha lanciato pietre contro i veicoli palestinesi che viaggiavano sulla Bypass Road 60, ne ha fermati alcuni e non ha permesso loro di passare, in presenza di grandi forze di soldati israeliani nell’area per proteggere i coloni.

Intorno alle 14:45 di domenica 17 gennaio 2021, circa 20 coloni dei gruppi “Price Tag” si sono fatti strada dall’insediamento “Yitzhar” stabilito nelle terre palestinesi del villaggio di Madama, a sud-est di Nablus, a nord della Cisgiordania, hanno attaccato civili case nella periferia sud-orientale del villaggio. Di conseguenza, le finestre di una casa appartenente a Mashhour Mohammed ‘Abdel Rahim Qet e sua figlia di 10 anni, Hala, sono state ferite al volto mentre stava uscendo dalla casa vicina di suo zio Rasmi. È rimasta sorpresa dalla presenza dei coloni tra le case che lanciavano pietre. È stata portata all’ospedale Rafidia di Nablus per essere curata mentre i coloni se ne andavano dopo che gli abitanti del villaggio si erano riuniti per affrontarli.

Martedì mattina presto, 19 gennaio 2021, un gruppo di coloni dell’insediamento “Avigayil” stabilito nelle terre palestinesi di Yatta orientale, a sud di Hebron, ha sradicato e danneggiato 100 piantine di olivo, piantate 3 anni fa su un terreno di 8 dunum a She area di ab al-Butm, a est di Yatta, a sud di Hebron. La terra appartiene ad ‘Ali Mahmoud Abu’ Eram. La polizia israeliana è arrivata sul territorio e ha ordinato ad Abu ‘Eram di recarsi nel suo ufficio nell’insediamento di “Kiryat Arba”, a est di Hebron, per presentare una denuncia.

– Politica di chiusura e restrizioni alla libertà di circolazione di persone e merci:

La Striscia di Gaza subisce ancora la peggiore chiusura nella storia dell’occupazione israeliana dell’oPt poiché è entrata nel 14° anno consecutivo, senza alcun miglioramento nella circolazione di persone e merci, condizioni umanitarie e con conseguenze catastrofiche su tutti gli aspetti della vita.

Cisgiordania:

Oltre a 108 posti di blocco permanenti e strade chiuse, questa settimana si è assistito all’istituzione di ulteriori posti di blocco temporanei che limitano le merci e le persone 77 posti di blocco temporanei, dove hanno perquisito i veicoli dei palestinesi, controllato i loro documenti e arrestati 4 di loro. Le Foi hanno chiuso molte strade con cubetti di cemento, cancelli di metal detector e banchi di sabbia e hanno rafforzato le loro misure contro il movimento delle persone ai posti di blocco permanenti militari.

Gerusalemme:

Giovedì 14 gennaio 2021, le Foi hanno stabilito 2 posti di blocco agli ingressi dei villaggi di al-Jib e Jaba, a nord-ovest della Gerusalemme est occupata.

Domenica 17 gennaio 2021, le Foi hanno istituito un checkpoint all’ingresso del villaggio di Biddu, a nord-ovest di Gerusalemme est occupata.

Ramallah:

Giovedì 14 gennaio 2021, le Foi hanno chiuso con banchi di sabbia l’ingresso orientale del villaggio di Al-Mughayyir, a nord-est di Ramallah, e l’hanno riaperto sabato 15 gennaio 2021.

Venerdì 15 gennaio 2021, le Foi hanno istituito un checkpoint all’ingresso del villaggio di Nabi Salih, a nord-ovest della città.

Sabato 16 gennaio 2021, le Foi hanno istituito un checkpoint all’ingresso del villaggio di Nabi Salih.

Martedì 19 gennaio 2021, le Foi hanno stabilito un checkpoint nella piazza del villaggio di Ein_Siniya.

Betlemme:

Giovedì 14 gennaio 2021, le Foi hanno stabilito 4 posti di blocco all’ingresso settentrionale e occidentale del villaggio di Tuqu, all’ingresso occidentale del villaggio di Husan e vicino all’incrocio al-Nashnash, a sud di Betlemme.

Venerdì 15 gennaio 2021, le Foi di stanza al checkpoint di al-Container, a est di Betlemme, hanno rafforzato le loro misure. Hanno anche stabilito 3 posti di blocco all’ingresso del villaggio di Beit Jala, all’ingresso del villaggio di Marah Rabah e vicino all’incrocio al-Nashnash, a sud di Betlemme.

Sabato 16 gennaio 2021, le Foi hanno stabilito 6 posti di blocco all’ingresso del villaggio di Beit Jala, vicino a una torre di guardia militare stabilita vicino alla moschea di Belal Ben Rabah, a nord di Tulkarm; all’ingresso dei villaggi di Beit Fajjar e Tuqu, vicino all’incrocio al-Nashnash, e nell’area di ‘Aqabet Hasna, a sud di Betlemme.

Domenica 17 gennaio 2021, le Foi hanno chiuso il cancello del metal detector istituito all’ingresso del villaggio di Tuqu. Le Foi hanno anche stabilito 2 posti di blocco all’ingresso occidentale del villaggio di Beit Fajjar e vicino all’area di al-Nashnash, a sud di Betlemme.

Gerico:

Giovedì 14 gennaio 2021, le Foi hanno stabilito 2 posti di blocco all’incrocio dell’insediamento di “Tomer” e all’ingresso nord della città.

Venerdì 15 gennaio 2021, le Foi hanno stabilito 3 posti di blocco agli ingressi nord e sud di Gerico e all’ingresso del villaggio di Ein ad-Duyuk.

Sabato 16 gennaio 2021, le Foi hanno stabilito 2 posti di blocco agli ingressi nord e sud della città.

Domenica 17 gennaio 2021, le Foi hanno stabilito 2 posti di blocco agli ingressi nord e sud della città.

Lunedì 18 gennaio 2021, le Foi hanno istituito un checkpoint all’ingresso nord della città.

Martedì 19 gennaio 2021, le Foi hanno stabilito 2 posti di blocco agli ingressi nord e sud della città.

Nablus:

Lunedì 18 gennaio 2021, le Foi hanno stabilito 4 posti di blocco nella piazza del villaggio di Beita, vicino all’incrocio dell’insediamento “Yitzhar”, a sud-est di Nablus, vicino all’incrocio dell’insediamento “Shafi Shimron”, a sud-ovest di Nablus e ad al-Moraba’a zona vicino all’ingresso del villaggio di Tell, a sud-est di Nablus.

Hebron:

Giovedì 14 gennaio 2021, le Foi hanno stabilito 4 posti di blocco all’ingresso occidentale di Hebron, all’ingresso dei villaggi di as-Samu e ad-Dhahiriya e all’ingresso settentrionale del villaggio di Yatta.

Venerdì 15 gennaio 2021, le Foi hanno stabilito 4 posti di blocco all’ingresso del campo profughi di Al-Arroub, all’ingresso meridionale di Hebron e all’ingresso dei villaggi di Bani Na’im e Beit Einun.

Sabato 16 gennaio 2021, le Foi hanno stabilito 3 posti di blocco all’ingresso dei villaggi di Beit Awwa e Idhna, all’ingresso occidentale di Hebron.

Domenica 17 gennaio 2021, le Foi hanno stabilito 2 posti di blocco all’ingresso meridionale della città di Halhul e all’ingresso settentrionale di Hebron.

Lunedì 18 gennaio 2021, le Foi hanno stabilito 4 posti di blocco all’ingresso orientale del villaggio di Dura, all’ingresso del campo profughi di Al-Arroub, all’ingresso meridionale di Hebron e all’ingresso del villaggio di Beit Awwa.

Martedì 19 gennaio 2021, le Foi hanno stabilito 2 posti di blocco all’ingresso meridionale della città di Halhul e all’ingresso del villaggio di as-Samu.

Mercoledì 20 gennaio 2021, le Foi hanno stabilito 4 posti di blocco agli ingressi dei villaggi di Beit Ummar, Sa’ir, Ash-Shuyukh e ad-Dhahiriya.

Qalqilya:

Giovedì 14 gennaio 2021, le Foi hanno stabilito 3 posti di blocco all’ingresso del villaggio di Azzun, a est della città, e all’ingresso orientale di Qalqilya.

Sabato 16 gennaio 2021, le Foi hanno stabilito 3 posti di blocco all’ingresso dei villaggi di Jit Azzun e Izbat al-Tabib, a est della città.

Lunedì 18 gennaio 2021, le Foi hanno istituito un checkpoint all’ingresso del villaggio di Izbat al-Tabib, a nord della città.

Salfit:

Giovedì 14 gennaio 2021, le Foi hanno stabilito 3 posti di blocco agli ingressi dei villaggi di Bruqin, Kafr ad-Dik e Deir Ballut, a ovest di Salfit.

Domenica 17 gennaio 2021, le Foi hanno stabilito 3 posti di blocco agli ingressi dei villaggi di Deir Ballut, Kafr ad-Dik e Kifl_Haris, a ovest di Salfit.

Lunedì 18 gennaio 2021, le Foi hanno stabilito 3 posti di blocco all’ingresso nord di Salfit, all’ingresso dei villaggi di Deir_Istiya e Haris.

Potrebbe essere un'immagine raffigurante il seguente testo "WEEKLY WEEKLYREPOR REPORT Israeli Human Rights Violations in the Occupied Palestinian Territory 0 PCHRGAZA 14-20 January 2021"
https://www.facebook.com/morfeus.morfeus.395/posts/869578953834960?__cft__[0]=AZXaNT5yusEPCCrJ7jBn8YXGoq0cLgWIX7zX54Jzjf3DeYGb_zVuT-yYdWct_AgYQVd0MZQsfP6g3vKdTx6sv4EjPWlJfXRC-zBQDNV7JUORwnrtPWbScoqRy_Gb1HwlCNE&__tn__=%2CO%2CP-R

 

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.