RESISTENZA AD OLTRANZA – di Operazione Colomba

0

tratto da: Operazione Colomba

Palestina/Israele  Notizie dalla Presenza  

Sono ad At-Tuwani da pochi giorni e mi rendo conto di quanto il mio mondo sia distante da tutto questo e di quanto ancora mi manchino le parole per descrivere la realtà che mi circonda.

Ciò mi uccide doppiamente: non solo vivo, vedo e sperimento un soffocante senso di ingiustizia, ma non non trovo nemmeno le parole per descriverlo.

Mi convinco che è solo per via del fatto che sono ad At-Tuwani da 4 giorni.

La visita alle grotte di Sarura aprono una parte di me che credevo ormai morta e sepolta; quando ancora mi coinvolgevo in iniziative sociali e mi interessavo su ciò che accadeva nel mondo. Mi riconnetto alla realtà.

Ali ci spiega la storia di Sarura, un villaggio costruito tra le rocce sotto continuo ordine di sfratto; ciò nonostante, non solo resiste, ma taglia addirittura la strada a due avamposti: Ma’on e Avigayil.

Mi appassiono, si vede che Ali crede in quello che fa e in quello che dice.

Penso a quanto i Palestinesi di At-Tuwani e dei villaggi vicini siano resilienti a livelli a me ancora inimmaginabili e a quanto siano ancorati alla loro terra ingiustamente rubata.

Poi guardo in alto e leggo un cartello con su scritto Sumud Freedom Camp, affianco una bandiera palestinese mezza strappata sventola fiera.

L. mi spiega che Sumud significa “resilienza sulla terra” e forse intuisco una prima chiave di lettura per interpretare l’anima dei Palestinesi: la resistenza ad oltranza.

http://www.operazionecolomba.it/dove-siamo/palestina-israele/palestina-notizie/3307-resistenza-ad-oltranza.html

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.