Richard Falk: Esperto Onu accusa Israele di pulizia etnica dei palestinesi

24 marzo 2014

 immagine1

SONO SEI ANNI CHE RICHARD FALK, IL RELATORE ONU PER LA PALESTINA, SI BATTE CONTRO L’OCCUPAZIONE E L’APARTHEID DI ISRAELE. NESSUNO LO HA MAI ASCOLTATO. 

Esperto Onu accusa Israele di pulizia etnica dei palestinesi

Domenica 23 marzo 2014 13:03

L’esperto del Consiglio dei Diritti Umani Richard Falk ha condannato le pratiche di Israele sulle terre palestinesi occupate, accusandolo di complicità in “segregazione razziale” e “pulizia etnica”.

In una conferenza stampa tenutasi a Ginevra sabato, Falk ha deplorato il fatto che la realtà sul terreno sta peggiorando, sia dal punto di vista dei palestinesi che del diritto internazionale.

Falk ha accusato Israele di “sistematica e continui sforzi” per modificare la composizione etnica di Gerusalemme Est, e di uso eccessivo della forza, di punizione collettiva dei palestinesi di Gaza, demolendo case e costruendo altri insediamenti.

Falk ha aggiunto che Israele è coinvolto in una discriminazione sistematica sulla base dell’identità etnica con lo scopo di cambiare la demografia di Gerusalemme. Tali pratiche si qualificano come pulizia etnica, ha detto.

Inoltre, Falk ha sottolineato che ciò che era stato conosciuto come “occupazione” attualmente è etichettata come “annessione” in base a criteri di segregazione razziale. Ha accusato Israele di adottare politiche standard doppie basate su leggi discriminatorie.

Il lavoro di Falk si concluderà entro pochi giorni, dopo sei anni di lotta contro Israele e i suoi sostenitori, in particolare Stati Uniti e Canada. Falk aveva già chiesto alla Corte internazionale di giustizia di riesaminare la legittimità dell’occupazione israeliana delle terre palestinesi.

Nel 2008, il Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite (CDU) ha nominato Falk per un mandato di sei anni come relatore speciale delle Nazioni Unite sulla “situazione dei diritti umani nei territori palestinesi occupati dal 1967.”

 

Tratto da:  Il Popolo Che Non Esiste

…………………………………………………………………………

ARTICOLO ORIGINALE

https://www.middleeastmonitor.com/news/americas/10464-un-expert-accuses-israel-of-ethnic-cleansing-of-palestinians

UN expert accuses Israel of ethnic cleansing of Palestinians

Sunday, 23 March 2014 13:03

 immagine1

Falk pointed out that what had been known as ‘occupation’ is currently labelled as ‘annexation’ based on racial segregation criteria

Human Rights Council expert Richard Falk condemned Israel’s practices on occupied Palestinian lands, accusing it of complicity in “racial segregation” and “ethnic cleansing”.

In a press conference held in Geneva Saturday, Falk deplored the fact that the reality on the ground is worsening, both from the perspective of Palestinians and international law.

Falk accused Israel of “systematic and continues efforts” to change the ethnic composition of Eastern Jerusalem, and excessive use of force, collective punishment of Palestinians in Gaza, demolishing houses and building more settlements.

Falk added that Israel is involved in systematic discrimination on the basis of ethnic identity with the purpose of changing Jerusalem’s demography. Such practices qualify as ethnic cleansing, he said.

Moreover, Falk pointed out that what had been known as “occupation” is currently labelled as “annexation” based on racial segregation criteria. He accused Israel of adopting double standard policies based on discriminatory laws.

Falk’s tenure will end within few days, after six years of struggle against Israel and its supporters, particularly the US and Canada. Falk had previously called on the International Court of Justice to review the legitimacy of Israeli occupation of Palestinian lands.

In 2008, the United Nations Human Rights Council (UNHRC) appointed Falk to a six-year term as a United Nations Special Rapporteur on “the situation of human rights in the Palestinian territories occupied since 1967.”

Contrassegnato con i tag: , , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.