Richard Silverstein // La disfunzione politica di Israele potrebbe portare al disastro dell’Iran

0
613

tratto da: https://frammentivocalimo.blogspot.com/2021/04/richard-silverstein-la-disfunzione.html

Israeli Prime Minister Benjamin Netanyahu (R), Israeli president of the Supreme Court Esther Hayut (C) and Benny Gantz (L), leader of Blue and White party, attend a memorial ceremony for late Israeli president Shimon Peres, at Mount Herzl in Jerusalem on September 19, 2019. – Netanyahu called on his main challenger Benny Gantz to form a unity government together, a major development after deadlocked election results put his long tenure in office at risk. (Photo by GIL COHEN-MAGEN / AFP)

– aprile 30, 2021

Sintesi Traduzione

Israele si trova in uno stallo politico che dura da due anni, Netanyahu è rimasto in qualche modo primo ministro, mentre tutto intorno a lui cade in rovina. Questa paralisi non riguarda solo la politica interna, anche la sua politica di sicurezza è frammentaria, al limite della pura incoscienza. Si è impegnata in una crescente campagna di mordi e fuggi con l’Iran con bombardamenti al sito nucleare di Natanz e di più petroliere nel Golfo e nel Mediterraneo. L’ultima azione è stato un attacco di droni a una nave iraniana in attesa di scaricare petrolio nel porto siriano di Tartous.

La campagna israeliana sembra progettata per sabotare gli sforzi degli Stati Uniti per tornare all’accordo nucleare JCPOA. I suoi leader e gli apologeti filo-israeliani hanno diffuso l’affermazione che gli attacchi israeliani agli impianti nucleari iraniani in qualche modo indeboliscano la posizione contrattuale di quel paese nei colloqui. Un’affermazione ridicola: semmai gli attacchi rafforzano la determinazione dei firmatari di P5 + 1 che l’accordo deve essere ripristinato prontamente prima che venga fatto un danno irreparabile.

Biden guarda al caos politico di Israele e si convince sempre di più che deve fare del Medio Oriente una priorità secondaria nella sua presidenza. Non ci saranno importanti iniziative politiche. Nessun affare del secolo, nemmeno un affare del mese! Fino a questa settimana non aveva nemmeno nominato un ambasciatore per sostituire l’odioso David Friedman, che si è dimesso dopo che Trump ha lasciato l’incarico. Israele è uno dei pochi paesi al mondo dove non solo non c’è un ambasciatore nominato, ma nessun ambasciatore nel paese. Questa è un’indicazione della scarsa considerazione di Biden verso Netanyahu.

Oggi, i media hanno riferito della nomina imminente di un candidato. È Thomas Nides, attualmente amministratore delegato di Morgan Stanley. Nides è vicino a Hillary Clinton e ha prestato servizio nel Dipartimento di Stato. Non ha alcuna esperienza di politica estera e ancor meno esperienza del problema Israele-Palestina. È una rottura rispetto agli ultimi due ambasciatori che avevano rapporti diretti e stretti con i presidenti sotto i quali prestavano servizio. Un altro segno dello scompiglio di Israele è dato da ciò: questa settimana ha inviato un’enorme delegazione per la sicurezza a Washington per colloqui con le controparti. Includeva il consigliere per la sicurezza nazionale, l’ambasciatore negli Stati Uniti, il capo del Mossad e due alti generali dell’IDF. Si incontreranno separatamente con i loro colleghi statunitensi.

Ciò segnala la disunione tra i ranghi dell’apparato di intelligence militare. Yossi Cohen odia Meir Ben Shaabbata perché il primo voleva il portafoglio Iran tutto per sé. Il capo di stato maggiore Kochavi è geloso dell’ambizione di Cohen e dell’invasione nelle prerogative dell’esercito. I velenosi scontri di personalità sono un sintomo della leadership irregolare fornita dai loro capi politici.

L’intera visita sembra destinata a finire con un fallimento. Gli israeliani si batteranno duramente contro il JCPOA, pur sapendo di non poter dissuadere gli americani. Probabilmente torneranno a una posizione di ripiego altrettanto sgradevole, chiedendo che gli Stati Uniti si occupino, durante i colloqui sul nucleare, di questioni come il programma missilistico balistico iraniano e il suo intervento in Siria e nello Yemen.

L’ JCPOA è un accordo nucleare. Non vuole essere una risoluzione completa di tutte le questioni in sospeso che dividono l’Iran dai suoi vicini e dagli stati occidentali.

Si potrebbe pensare che con l’intero sistema politico israeliano allo sbando e la gerarchia dell’intelligence militare divisa al suo interno, non dovrebbero essere portate avanti azioni belliche pericolose. Non è così. Israele ha organizzato alcune delle sue operazioni terroristiche più pericolose e dannose contro gli iraniani in questo periodo. Il vuoto politico interno potrebbe favorire gli interessi personali di altri e portare la nave a incagliarsi.

La scorsa settimana, la Siria ha lanciato un missile antiaereo contro un aereo da guerra israeliano attaccante, che è atterrato a 200 miglia all’interno di Israele, quasi colpendo il reattore nucleare di Dimona. In tali situazioni si possono innescare dinamiche che possono causare catastrofi.

Se il JCPOA riprende e tutte le parti rispettano i loro impegni come parte di esso, potrebbe esserci spazio per perseguire un accordo più ampio. Un tale negoziato sarebbe estremamente complesso e dipenderebbe da compromessi tra Usa, Israele e Arabia Saudita. Ad esempio, se ci si aspetta che l’Iran metta fine al suo impegno a sostenere Bashar al Assad e gli Houthi nello Yemen, ci si dovrebbe auspicare che Israele normalizzi le sue relazioni con il Libano e la Siria e l’Arabia Saudita termini la campagna di genocidio nello Yemen. Se ci si aspetta che l’Iran termini i suoi test sui missili balistici, allora si può pretendere che Israele limiti il ​​proprio programma di armi nucleari in modo significativo.

È altamente improbabile che una delle parti sia disposta a fare concessioni così importanti, anche  se per il mondo e per la regione starebbe molto meglio se lo facessero. Un rifiuto saboterà  qualsiasi accordo inteso a offrire una risoluzione più completa delle principali questioni in sospeso.

RICHARDSILVERSTEIN.COM

Israel’s Political Dysfunction Could Lead to Iran Disaster

 

 

https://frammentivocalimo.blogspot.com/2021/04/richard-silverstein-la-disfunzione.html

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.