Risposta a Gingrich : israeliani e americani sono popoli inventati

Monday, 19 December 2011 08:10 Mitchell Plitnick/Souciant

Newt Gingrich, candidato repubblicano alle elezioni presidenziali americane 

 

La scorsa settimana il candidato repubblicano alle presidenziali Usa ha affermato che i palestinesi sono un popolo ‘’inventato’’, facendo divampare le polemiche. Mitchell Plitnick replica a Gingrich, ribattendo che sia Israele sia l’America sono ‘’inventati’’ e ammonendo contro i tentativi di minare il diritto palestinese all’autodeterminazione.

Nel film “Monthy Python e il Sacro Graal” una donna viene accusata di essere una strega. Quando il cavaliere che presiede il processo chiede al popolo come sa che quella è una strega, un uomo in mezzo alla folla risponde: ‘’Mi ha trasformato in salamandra’’. Poiché il cavaliere non sembra convinto, l’uomo dice imbarazzato: ‘’Adesso va meglio’’Qui a Washington DC, invece, il nostro Newt continua a peggiorare.

Newt Gingrich, ex presidente della Camera dei Rappresentanti ed attuale candidato repubblicano alla Ppesidenza, è stato un vero e proprio geyser di odio e bigotteria nel corso della sua carriera politica. Questa settimana, nel suo piú recente esempio di discorso d’incitamento all’odio, Gingrich ha ribadito la posizione trita e ritrita che ‘’i palestinesi sono un popolo inventato’’.

L’obiettivo di Gingrich, naturalmente, è di mostrare la sua lealtà verso Israele attraverso l’umiliazione dei palestinesi. Per i suoi sostenitori cristiano-sionisti ed ebrei repubblicani, per quanto esiguo sia il loro numero, ciò implica permettere ad Israele di trattare con i palestinesi in qualsiasi maniera ritenuta opportuna perchè i palestinesi, come collettività, non hanno alcun diritto. Ogni briciola che viene loro concessa da Israele è quindi un enorme sacrificio nell’interesse della pace.

Newt ha presentato la sua affermazione come una verità di fatto, e in un certo senso lo è. Tutte le nazioni sono invenzioni. Benedict Anderson, nel suo libro ‘’Comunità immaginate’’, descrive la nazione come ‘’un comunità politica immaginata – e immaginata come intrinsecamente limitata e sovrana insieme’’.

Anderson definisce inoltre la coesione nazionale: ‘’[…] Malgrado disuguaglianze e sfruttamenti effettivi che possono predominarvi, la nazione è sempre concepita in termini di profondo, orizzontale cameratismo. In definitiva è questo sentimento di fratellanza ad aver consentito, per tutti gli ultimi due secoli, per così tanti milioni di persone, non tanto di uccidere, quanto di scegliere volontariamente di morire in nome di immaginazioni così limitate’’.

La formula usata da Anderson riassume bene ciò che tanti di noi trovano così disgustoso nel nazionalismo. Ma quella comunità immaginata è diventata una tetra realtà ed è proprio su questo che normalmente si basano la sovranità territoriale e lo Stato moderno.

L’ironia, nella dichiarazione di Newt, sta nelle conseguenze che trae, ovvero che la nazione palestinese è stata inventata appositamente per ‘’sostenere questa guerra contro Israele’’.

Le nazioni, come ha fatto notare lo storico israeliano Tom Segev, ‘’sono create gradualmente’’. L’influente studio del professor Rashid Khalidi, ‘’L’identità palestinese: la costruzione della moderna coscienza nazionale’’, traccia le origini di questa identità nazionale fino ad un momento che precede di decenni i primi incontri con gli immigrati sionisti.

Quel che è certo è che pochi nazionalismi furono così consapevolmente costruiti – si potrebbe dire ‘’inventati’’  – come il Sionismo. Questo movimento cercò consapevolmente di unire il popolo ebraico e riconfigurarlo come una nazione moderna, con uno Stato in cui vivere. E di certo è riuscito nell’intento.

Creare una nazione da un popolo disomogeneo, disperso in tutto il mondo, con una lunga serie di storie, culture e lingue differenti, non fu un’impresa da poco. Dai suoi primi giorni di vita negli anni ’70 e ’80 del 1800 fino alla creazione dello Stato di Israele, il Sionismo fu avversato dalla maggioranza degli Ebrei nel mondo. Tuttavia, crebbe come ideologia, guadagnò moltissimo a livello politico ed ebbe successo non solo nell’ottenere uno Stato, ma anche nel creare una nuova cultura che poggiasse sulle fondamenta della storia e della tragedia ebraica.

Il nazionalismo palestinese emerse in circostanze molto differenti dal Sionismo; d’altro canto, l’evoluzione della maggior parte delle nazioni che si possono nominare è unica nel suo genere. Gli argomenti contro la nazionalità palestinese possono essere presentati solo al di fuori di una comprensione di cosa costituisca uno stato nazionale.

Newt dice che i palestinesi in realtà sono arabi. In effetti, quasi certamente lo sono. Gli Arabi costituiscono una popolazione enorme, e il termine racchiude molte nazioni. L’unica cosa che davvero si può dire sia elemento comune a tutti è l’arabo come lingua nativa (anche se, ovviamente, molti immigrati arabi di seconda generazione, lontani dalla loro patria, non lo parlano più, come è vero per molti cittadini trasferitisi all’estero). Inoltre, l’arabo è una lingua differenziata, con dialetti così diversi l’uno dall’altro che molti arabi provenienti da regioni differenti non riescono a comunicare tra di loro facilmente. In base alla definizione di Newt, non esistono i sauditi, gli iracheni o i siriani.

Inoltre c’è la questione che lo Stato di Palestina non è mai esistito. Ovviamente, prima della Prima Guerra Mondiale, quando i confini della Palestina furono tracciati dalle potenze alleate sottoponendola ad un mandato britannico, non c’era il Libano, né la Giordania, né il Kuwait…tutti Stati mai esistiti in precedenza.

Potremmo anche far presente che gli Stati Uniti d’America di certo non c’erano prima dell’imponente processo di colonizzazione e conquista che coinvolse un’ampia e disparata varietà di persone (la maggior parte delle quali fu ridotta in schiavitù), e che inventò ‘’il popolo americano’’, contro cui Newt e i suoi colleghi politici di Washington non hanno nulla da ridire.

Questi sono fatti importanti che dobbiamo tenere a mente. La nazione palestinese è stata inventata allo stesso modo in cui lo sono state le altre nazioni. Quindi va bene, Newt, sono stati inventati, proprio come i siriani, gli iracheni, i belgi, i polacchi, gli americani, i canadesi e, sì, gli israeliani.

Come tutti i nazionalismi, quella palestinese ha caratteristiche particolari. Una di queste è che il nazionalismo palestinese, nonostante abbia avuto inizio prima di incontrare il Sionismo, ne è stato influenzato in larga misura a causa del suo conflitto con esso, e della espropriazione da parte dello stesso. Per il secolo passato, questi due movimenti nazionali si sono trovati fisicamente in conflitto, e questa condizione ha influenzato profondamente entrambe le ideologie.

Ma Newt ha ritenuto opportuno chiarire le sue affermazioni. Perciò ha detto: ‘’Bisogna che qualcuno abbia il coraggio di dire la verità. Queste persone sono terroristi’’. Il suo agente, che nel frattempo si stava affannando a confermare che Gingrich appoggia la soluzione a due Stati, dev’essere trasalito.

Invece i suoi elettori sono trasaliti di certo, e con qualche ragione. Le frasi di Gingrich negano chiaramente ogni sorta di diritto nazionale palestinese e ritraggono i Palestinesi come una minaccia alla sicurezza. Egli sembra porsi non solo in prima linea nella componente d’estrema destra da lui rappresentata, ma come avanguardia della politica statunitense del rischio calcolato in un mondo non più diviso in due blocchi.

Ad oggi, c’è un solo Stato compreso tra il fiume Giordano e il Mar Mediterraneo. Noi che appoggiamo la soluzione a due Stati, se ancora non possiamo imporci di riconoscere la vittoria da parte dei nostri oppositori di questa battaglia, dobbiamo almeno cominciare a preparare un nuovo scenario in questo conflitto.

I neoconservatori e gli zeloti della fiamma nera stanno già prospettando la fase successiva. A porre milioni di Palestinesi sotto assedio, sotto occupazione e a rischio d’espulsione è proprio il mantenimento di quel singolo Stato. Ecco cosa suggerisce il discorso di Newt.

E’ improbabile che Gingrich venga eletto Presidente degli Stati Uniti l’anno prossimo. Ma quelli della sua categoria hanno continuato ad influenzare la politica statunitense nel Medio Oriente durante il primo mandato di Obama. Non appena la soluzione a due Stati, almeno come finora è stata prospettata, svanirà come un sogno, la loro influenza aumenterà.

Se quelli di noi che sperano di vedere una giustizia equa e un futuro decente per entrambi, israeliani e palestinesi, non agiscono, lasceremo un vuoto che i vari Newt Gingrich e i loro amici del Likud e di Yisrael Beiteinu saranno fin troppo rapidi a riempire. E’ ora di agire, prima di non avere più la possibilità di farlo.

 

http://www.alternativenews.org/italiano/index.php/topics/news/3333-risposta-a-gingrich-israeliani-e-americani-sono-popoli-inventati

Contrassegnato con i tag: , , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam