Ritorno immaginario: i palestinesi che vivono nei campi profughi della Giordania continuano a desiderare di tornare a casa.

0
177

tratto da: INVICTA PALESTINA

This photo taken Wednesday, Feb. 8, 2017, shows a man walking in a street in the Palestinian refugee camp of Jerash in northern Jordan. The plight of Palestinians uprooted by Israeli-Arab wars now spans five generations, one of the longest-running refugee crises. As the second wave of displacement hits the half-century mark, a solution for millions of refugees and their descendants is more distant than ever. (AP Photo/Raad Adayleh)

Miko Peled racconta le sue visite al campo di Jerash, a Gaza, un campo profughi che ospita decine di migliaia di palestinesi a poche ore dalla loro patria ancestrale.

English version

Di Miko Peled – 2 Marzo 2020

Amman, Giordania – Abna’a Gaza (i bambini di Gaza) è uno status dato ai rifugiati palestinesi fuggiti dalla Striscia di Gaza in Giordania nel 1967. Sono fuggiti durante la guerra del 1967 e la conseguente occupazione israeliana di Gaza. Oggi, oltre cinquant’anni dopo, questi palestinesi che originariamente fuggirono da Gaza, dalle loro case in Palestina maggiore nel 1948, sono 150.000. Rimangono per lo più nei campi, incapaci di andarsene, incapaci di trovare lavoro ad eccezione del lavoro minorile, senza accesso alle cure sanitarie e senza una formale identità nazionale.

La grande questione dei rifugiati

Israele e tutte le istituzioni sioniste hanno sempre sostenuto che il problema dei rifugiati non ha nulla a che fare con loro. Offrono ogni sorta di storie per giustificare l’esodo di quasi un milione di palestinesi dalle loro case e terre. Tuttavia, tutti i tentativi di offuscare la realtà non possono cambiare il fatto che le milizie sioniste hanno costretto i palestinesi a fuggire dalla Palestina nel tentativo di stabilire uno stato con una chiara, se non una assoluta, maggioranza ebraica.

In città come Tabariya e Safad, a nord, in ampi tratti di terra nel Naqab a sud, e a Gerusalemme ovest, che divenne la capitale di Israele, la pulizia etnica fu così completa che non rimase nemmeno una famiglia palestinese.

Ora, oltre sette decenni dopo, la popolazione di rifugiati palestinesi è stimata in circa cinque milioni di persone. A cui è negato il diritto al ritorno nella loro patria, vivono nello squallore dei campi profughi che, abbastanza spesso, si trovano a poche miglia dalle loro case natali.

Il campo di Gaza

Situato tra le dolci colline settentrionali della Giordania, si dice che Jerash sia una delle antiche città romane meglio conservate al di fuori dell’Italia. Gran parte delle antiche rovine sono ancora intatte e sono uno spettacolo incredibile da vedere. A pochi chilometri da Jerash, tuttavia, si trova il campo profughi palestinese, Gaza Camp. È uno spettacolo altrettanto incredibile da vedere ma per ragioni completamente diverse.

Ho visitato il campo di Gaza per la prima volta nel 2013 e poi di nuovo nel febbraio 2020 e sebbene fossero visibili alcuni piccoli cambiamenti. Nel complesso, le condizioni di vita e la povertà assoluta rimangono le stesse. Quarantamila persone vivono in questo particolare campo, che si estende su circa un quarto di miglio quadrato (650 metri quadrati).

Children stand in a doorway in the Jerash Gaza refugee camp, Feb. 2020. Photo | Miko Peled

I residenti del campo sono tutti Abna’a Ghaza, una frase araba che significa i figli di Gaza. Tutti furono trasformati in rifugiati nel 1948 e inviati a reinsediarsi a Gaza. Quindi, nel 1967, fuggirono mentre le forze israeliane occupavano Gaza e si stabilirono in questo campo, dove fino ad oggi sono costretti a vivere questa realtà impossibile.

Durante la mia visita al campo di Gaza, ho visitato l’abitazione di Umm Mohammed. Vive in una piccola casa con diverse stanze, con i suoi figli e nipoti. La casa è fatta di blocchi di cemento e stagno ed è gelida. I bambini corrono a piedi nudi e le risorse sono scarse. La scuola del campo locale ha seimila studenti che frequentano due turni. I ragazzi e le ragazze si alternano, ogni mese cambiando turno.

Umm Mohammad proviene da un villaggio vicino alla città di Bir-a-Saba nel deserto del Naqab. Oggi la città si chiama Be’er Sheva e il deserto è stato ribattezzato Negev. Alcuni sostengono che nella sola Giordania ci siano quasi un milione di rifugiati dalla città di Bir-a-Saba. Umm Mohamad aveva 13 anni nel 1948 quando le forze sioniste espulsero la sua famiglia. “Avevo 13 anni”, ha raccontato, “siamo partiti su una roulotte di cammelli”. Ha continuato a dirci che “i sionisti hanno commesso un massacro, uccidendo le persone nel sonno”.

A street in Jerash’s Gaza refugee camp, Feb. 8, 2017, Raad Adayleh | AP

Ritorno immaginario

Zochrot significa “ricordare” in ebraico. È anche il nome di una ONG che “lavora dal 2002 per promuovere il riconoscimento e la responsabilità per le ingiustizie commesse durante la Nakba, la catastrofe palestinese del 1948, e la riconcettualizzazione del Ritorno come riparazione imperativa della Nakba e una possibilità per una vita migliore per tutti gli abitanti del paese”.

Zochrot si impegna a mantenere vivi i ricordi delle città e dei villaggi palestinesi distrutti fornendo informazioni, azioni sul campo e tour in tutta la Palestina storica. Zochrot gestisce anche un sito web pieno di articoli, studi, testimonianze e una ricchezza di altre preziose informazioni su tutte le questioni riguardanti la Palestina storica.

L’organizzazione ha recentemente lanciato una campagna chiamata “Scegliere di ricordare, votare per il ritorno”, per incoraggiare i cittadini israeliani a ricordare i problemi dei rifugiati palestinesi durante le elezioni israeliane del 2 marzo. Un post pubblicato sulla pagina Facebook di Zochrot per promuovere la campagna (accessibile facendo clic su “vedi di più” nella didascalia del post) recita in parte:

“I cittadini israeliani voteranno per la terza volta in un anno. Ancora una volta, le questioni più importanti e critiche della nostra vita qui non fanno parte dell’agenda o delle piattaforme dei partiti sionisti. Il riconoscimento della Nakba, inclusi i crimini del 1948 e l’attuale Nakba, non è proposto da nessuno schieramento. Non si discute nemmeno del riconoscimento del diritto al ritorno e di un piano pratico per il ritorno dei rifugiati. Il sistema politico e la società in Israele continuano a negare e cancellare questi problemi”.

Scegliamo di ricordare i crimini della Nakba, ricordarli alla società israeliana e renderli visibilmente presenti ovunque, in ogni occasione, e opporci alla loro cancellazione. Votiamo per il ritorno dei rifugiati palestinesi e vediamo questo ritorno come un’opportunità per liberarci della mentalità e delle pratiche colonialiste che definiscono la politica israeliana”.

Mentre Israele e gli Stati Uniti presentavano, ai palestinesi, l’ultima versione di un piano per arrendersi, noto colloquialmente come Affare del secolo, l’approccio di Zochrot presenta una vera alternativa. Nell’attuale clima politico, discutere del diritto al ritorno dei palestinesi in termini pratici mentre lo si richiede su tutte le piattaforme politiche creerà la polarizzazione necessaria per distanziare coloro che cercano giustizia e pace da coloro che desiderano continuare a versare sangue innocente.

Crimini di finanziamento

Il campo giordano di Gaza non è a più di un’ora di auto dal confine del paese con la Palestina. La maggior parte, se non tutti gli abitanti, provenivano dal Naqab. In altre parole, questi rifugiati potrebbero essere tutti a casa, nel loro paese e sulla loro terra in meno di tre ore di auto. Israele, ovviamente, non avrebbe mai permesso che ciò accadesse.

Passeggiando per il campo, la povertà dilaga. Piccoli progetti si trovano in vari stati di completamento, donati da varie ONG qua e là, uno per aprire una strada, un altro per ristrutturare la scuola. Non si può fare a meno di pensare ai quattro miliardi di dollari che gli Stati Uniti danno a Israele ogni anno. Israele è un paese ricco e non ha bisogno di aiuti stranieri, ma i palestinesi nei campi profughi vivono in miseria e povertà. Eppure gli Stati Uniti, la Germania e altri paesi contribuiscono costantemente alla sua ricchezza ignorando e persino perpetuando la povertà inflitta ai palestinesi.

Un forte stato israeliano ha garantito che i palestinesi rimangano poveri e senza speranza. Immagina di invertire i ruoli. Immagina cosa potrebbero fare tre o quattro miliardi di dollari all’anno per rimpatriare e risarcire i rifugiati palestinesi e garantire un futuro migliore a tutti coloro che vivono nella Palestina storica. Come dice lo slogan Zochrot, “Immagina il ritorno”.

Trad. Beniamino Rocchetto – Invictapalestina.org

Ritorno immaginario: i palestinesi che vivono nei campi profughi della Giordania continuano a desiderare di tornare a casa.

 

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.