Rovesciare la leadership palestinese: il ruolo dei giovani

 

Copertina: Manifestanti palestinesi con una bandiera nazionale nella città di Ramallah, in Cisgiordania, il 3 luglio 2012 per protestare contro la violenta dispersione di due manifestazioni simili a quelle di questi giorni.  Foto di Issam Rimawi

Questa analisi fa parte del Al-Shabaka Policy Circle su Leadership and Accountability e viene pubblicata insieme ai contributi di Dana El-Kurd, Marwa Fatafta, Inès Abdel Razek, Tareq Baconi e Ali Abdel Wahab – per leggere i loro contributi vedere qui.

di Fadi Quran, 7 giugno 2018

Invece di porre fine all’occupazione, l’attuale leadership palestinese e le sue istituzioni ne sono diventate una componente chiave. Eppure una nuova generazione di leader sta lentamente emergendo. Il loro obiettivo è costruire un nuovo contesto per la lotta palestinese che eviti gli errori del passato e garantisca di ottenere la libertà nel corso della loro vita. Il successo di un loro ingresso nella leadership richiederà sia una resa dei conti che una rottura di un ciclo che blocca il cambiamento.

Opera dell’artista palestinese Malak Mattar

Guardando la precedente e attuale leadership palestinese si può osservare una traiettoria ciclica in cui i membri dell’élite innanzi tutto acquisiscono la legittimità di guida attraverso una combinazione di strutture tradizionali e sostegno straniero. La legittimità del Gran Mufti di Gerusalemme Amin Al-Husseini, per esempio, si è radicata nell’autorità religiosa e familiare e è stata rafforzata e istituzionalizzata dall’Impero Ottomano e poi dal Mandato Britannico. La legittimità di Ahmed Shuqeiri è derivata dalla Lega Araba oltre che dal suo status educativo e dai legami familiari, mentre la legittimità del presidente Mahmoud Abbas è stata fondata sulla lealtà delle fazioni all’interno di Fatah e poi consolidata in modo significativo da Stati Uniti e Israele.

Questi leader e le istituzioni che amministrano non riescono a soddisfare le aspirazioni popolari, portando alla stagnazione e al dissenso pubblico. Ciò provoca una lotta di potere interpalestinese che è spesso intergenerazionale e altamente distruttiva. La lotta termina quando si verifica una tragedia nazionale che distrugge o unisce le fazioni in competizione. Durante questi momenti storici di caos nazionale, una nuova generazione di leader emerge, ipnotizzando il pubblico e traendone una legittimità rivoluzionaria che li spinge verso l’alto.

Ad ogni svolta di questo ciclo i leader di turno o adottano il nuovo discorso e cooptano membri della nuova generazione o conservano lo status tramite l’intervento di sponsor stranieri che uccidono o arrestano gli insorti. Un esempio di questa dinamica è la morte di Izz Al-Din Al-Qassam, e più tardi i leader della rivolta del 1936, che furono schiacciati con grande brutalità dagli inglesi. La conquista di Yasser Arafat dell’OLP contro Shuqeiri negli anni ’60, quando Arafat incorporò membri della nuova generazione, è un altro. Tali transizioni si sono verificate anche a livello locale durante la Prima Intifada e con la graduale assunzione di direzione di Hamas a Gaza durante e dopo la Seconda Intifada. (1)

La terza fase di questo ciclo vede l’ascesa di una classe tecnocratica, una generazione di leader che tenta di ricostruire o sostituire le istituzioni che sono state distrutte nel conflitto interno. Questi leader sono o si percepiscono come costruttori di istituzioni e, sebbene raramente raggiungano i vertici del potere, sono in grado di acquisire un’autorità significativa. Questi costruttori possono assumere molte forme nel loro approccio per rinvigorire la società, dal rivoluzionario al neoliberista. Esempi includono Khalil Al-Wazir, un fondatore di spicco di Fatah che è stato centrale nel ricostruire lentamente il movimento nazionale in Palestina dopo i fallimenti dell’OLP in Libano. Fu assassinato da Israele in Tunisia per il suo ruolo nel porre le basi per lanciare la Prima Intifada. Un altro esempio è Salam Fayyad, che ha perseguito un processo neoliberale di costruzione delle istituzioni appoggiato dall’Occidente in Palestina dopo la Seconda Intifada. Indipendentemente dagli orientamenti politici di questi costruttori, i loro sforzi sono spesso di breve durata in quanto tendono a scontrarsi con strutture di potere più profondamente radicate. Questa fase del ciclo spesso si chiude con un ritorno alla prima fase, in cui un piccolo gruppo di élite, supportato da forze esterne, detiene il controllo.

Oggi questo ciclo sembra bloccato. Una leadership palestinese fossilizzata è riuscita ad aggrapparsi al potere per oltre due decenni. Il quadro istituzionale stabilito dagli Accordi di Oslo – un’Autorità Palestinese (AP) senza autorità che fornisce servizi amministrativi inadeguati, occupazione a basso livello e sicurezza per Israele – governa ancora un sottogruppo di palestinesi nel Territorio palestinese occupato. L’AP è diventata una zona cuscinetto tra i palestinesi e l’occupazione israeliana, una situazione che favorisce ampiamente l’occupazione. Nel frattempo, attraverso una pesante assistenza straniera, l’Autorità Palestinese ha trasformato il panorama socioeconomico della società palestinese aumentando le disuguaglianze, allargando le divisioni politiche e persino tentando di alterare i media e il panorama educativo per indebolire ogni forma di lotta effettiva contro l’occupazione.

I risultati di questi sviluppi, combinati con il deterioramento della politica regionale del Medio Oriente, hanno portato i sagaci osservatori del conflitto israelo-palestinese a concludere che la lotta palestinese per la libertà è in stato comatoso.

Ma basta solo guardare un po’ più a fondo per vedere che qualcosa si sta muovendo. Una nuova generazione di palestinesi si sta organizzando e sta crescendo in forze. Stanno aspettando il momento giusto per trasformare lo status quo e creare lo slancio che metterà fine all’occupazione. L’establishment di sicurezza israeliano, anche se non può comprendere appieno queste dinamiche, vede che sta arrivando. Perché altrimenti il ministro della Difesa Avigdor Lieberman avrebbe vietato il “Movimento giovanile” palestinese e l’avrebbe inserito nella lista dei terroristi? Di fatto, non esiste sul terreno in Palestina un’organizzazione o un organismo organizzato chiamato “Movimento giovanile”. Piuttosto, il termine Al-Hirak Al-Shababi è più comunemente usato per riferirsi a qualsiasi azione sociale o politica guidata dai giovani. Cosa spaventa Lieberman? Perché l’Intelligence generale palestinese tiene un dossier sulle “attività guidate dai giovani?”

Negli ultimi cinque anni ho incontrato e parlato con migliaia di giovani palestinesi in tutta la Cisgiordania e Striscia di Gaza e della diaspora. In ogni città, municipio e campo profughi, stanno sbocciando gruppi giovanili. La maggior parte si concentra su esigenze molto locali e conduce lavoro di volontariato. Appaiono non politici e non sono affiliati a nessuna fazione. Questi gruppi spesso falliscono, si disgregano e usano ciò che hanno imparato per provare qualcosa di nuovo. La loro crescita è tutt’altro che lineare, ma il loro apprendimento è esponenziale.

Le domande guida di questi gruppi sono: Cosa dobbiamo fare per avere una vita migliore? Qual è il nostro scopo? Come lo realizziamo? Essendosi posti queste domande, non passa molto tempo prima che scoprano che l’occupazione e l’AP, come il suo corpo direttivo, sono ostacoli sul loro cammino. L’attenzione di questa generazione all’azione dal basso e la sua capacità di concettualizzare l’Autorità Palestinese come un impedimento a un autentico movimento di liberazione sono fondamentali per il suo potenziale di trasformare il modello stagnante di leadership palestinese.

Inoltre, molti giovani in Palestina sono scoraggiati dallo status quo. Questo è più evidente nelle università palestinesi che sono state trasformate da fari di liberazione a fabbriche del disincanto. Un tempo focolai della lotta politica palestinese, le università oggi producono giovani uomini e donne concentrati su due cose: un lavoro retribuito o un’opportunità di emigrare. Un preside universitario con cui ho parlato ha definito il suo lavoro semplicemente come formazione di una forza lavoro per l’economia della PA. Sebbene i gruppi giovanili siano attivi nei campus, offrendo scorci di speranza, le forze di sicurezza palestinesi in Cisgiordania e le forze di Hamas a Gaza hanno trasformato la politica studentesca e la propaganda elettorale nell’ombra di quello che erano una volta, assicurando che slogan superficiali e timori annullassero un’autentica organizzazione degli studenti e la speranza.

Tuttavia, nonostante queste politiche repressive, la nuova generazione non ha rinunciato alla sua identità palestinese o ai suoi sogni di libertà. Molti si preparano ad entrare nella lotta per la libertà sotto la giusta direzione: una di cui possono essere parte e su cui fare affidamento. Questa nuova generazione di leader, imparando dalle esperienze del passato, ha scelto saggiamente di lavorare in silenzio, lontano dai riflettori, e prepararsi pazientemente per quando il momento sarà maturo.

Identificare quel momento, tuttavia, sarà difficile perché devono allinearsi tre stelle:

a) Ridefinire la speranza: la strada palestinese deve passare dall’avere avversione per il rischio alla speranza che sia possibile un futuro migliore;

b) Superamento della soglia di potere: i giovani devono sentire di avere le risorse umane e la resistenza per superare gli ostacoli che l’AP e Israele possono mettere sulla loro strada;

c) Consolidamento per affrontare l’occupazione: dato che l’Autorità Palestinese e il suo apparato di sicurezza sono fondamentali nel mantenimento dello status quo, e che è necessario evitare ulteriori conflitti interni palestinesi, i giovani dovranno trovare un momento in cui l’occupazione avrà commesso un agire tanto grave da poter mobilitare molti dei ranghi dell’apparato nella lotta contro l’occupazione e lontano dalla repressione interna.

Certo, Israele e i suoi sostenitori faranno del loro meglio per assicurarsi che queste stelle non si allineino, dall’uccidere la speranza all’arresto di decine di attivisti giovanili. L’unico modo in cui questo momento potrà sorgere è che la società civile palestinese e gli attivisti giovanili costruiscano la loro forza ed espandano l’autocoscienza sociale.

In che modo questi giovani eviteranno gli errori del passato e spezzeranno il ciclo sopra descritto? Affinché una nuova leadership palestinese abbia successo, è necessario innanzitutto creare una cultura di trasparenza, responsabilità e feedback a livello locale. Non importa quanto sia potente, resiliente e disciplinato un leader, e non importa quanto loro amino il loro paese e le persone, loro sono umani. È solo attraverso lo sviluppo di una cultura della responsabilità che una comunità può produrre leader in grado di far avanzare la lotta. Anche se la Palestina ha avuto molti leader, nessuno ha sostenuto intorno a sé una cultura che abbia contribuito alla nascita di nuovi leader e assicurato che rimanessero responsabili. Creare questa cultura non è qualcosa che si fa solo attraverso legislazione o regole, è una pratica quotidiana.

Anche se qui non c’è abbastanza spazio per approfondire nel dettaglio le pratiche necessarie, alcune sono abbastanza semplici. Ad esempio, i leader a tutti i livelli della società, dai gruppi di volontari ai ministeri, possono lavorare con i loro team per presentare una chiara visione di ciò che vogliono raggiungere, definire responsabilità di ciascuno e specifici risultati, e assicurare che i leader si assumano la responsabilità nei loro confronti e sui risultati dei loro team. Dovrebbero consentire ai membri del team di fornire feedback sul processo in un ambiente aperto, come ad esempio in una riunione settimanale quando sono annotati i compiti e quanto appreso è discusso in una maniera conviviale.

In tale processo, il leader del gruppo contribuisce a garantire che il team raggiunga la sua visione in uno spirito unito, collaborativo. Alla fine, questo assicura che tutti nel gruppo siano leader perché la leadership non è espressa come un processo a somma zero.

Il processo potrebbe non funzionare sempre perfettamente, ma le lezioni apprese sono preziose, comprese lezioni su come il proprio ego può ottenere il modo di raggiungere gli obiettivi della squadra. Ancora più importante, i giovani partecipanti vengono a conoscenza di un metodo di lavoro di squadra e di leadership che trascende ciò che vedono nella politica locale. Anche se può sembrare un cliché, è pur vero che nulla è più incisivo del guidare con l’esempio e l’apprendimento attraverso la sperimentazione.

Questi leader autocoscienti e la loro cultura di leadership di trasformazione si scontreranno con l’ambiente socioeconomico e l’élite politica consolidata e rafforzata da attori internazionali e Israele. Tale leadership di base popolare, sia direttamente che indirettamente, sarà l’obiettivo di una massiccia cooptazione e, se ciò fallirà, di assassinio. Si può sostenere che il “falciare l’erba” a Gaza di Israele e che l’attacco dell’Autorità Palestinese agli studenti e ai giovani stanno tentando preventivamente di distruggere leader emergenti.

Anche se alcuni sostengono che un approccio dall’alto verso il basso alla riforma risolverà i problemi di leadership – ristrutturando l’OLP, ottenendo rappresentanza e tenendo elezioni, tra le altre strategie – le attuali dinamiche socioeconomiche, la realtà dell’occupazione e l’intervento internazionale nella politica palestinese rendono questi sforzi per la riforma interna facili obiettivi di manipolazione politica. È un autentico cambiamento a livello locale che può risolvere il problema dalle sue radici e portare a una duratura trasformazione della leadership per la società palestinese. Se questa generazione avrà successo, non solo libererà la nazione, ma farà sì che il futuro al di là della liberazione sia più bello di quanto molti di noi oggi possano immaginare.

 

Note:

(1) Sebbene fasi rivoluzionarie della storia palestinese non siano riuscite a raggiungere la liberazione, indicano importanti punti di svolta nella lotta, come il consolidamento del discorso anti-coloniale dopo il 1936 e l’ascesa di un movimento nazionale più indipendente dopo che Fatah ha assunto il controllo dell’OLP.

Fadi Quran

Membro di Al-Shabaka Policy, Fadi Quran è un esperto di campagne presso Avaaz e un organizzatore della comunità di lotta popolare. In precedenza ha prestato servizio come Difensore delle Nazioni Unite presso l’unità di ricerca legale e difesa di Al-Haq. Oltre al suo lavoro in difesa e diritto internazionale, Fadi è anche un imprenditore nel campo delle energie alternative, dove ha fondato due compagnie che portano l’energia eolica e solare in Palestina e in altri paesi della regione. Fadi ha conseguito una laurea in fisica e relazioni internazionali presso la Stanford University.

Traduzione: Simonetta Lambertini – Invictapalestina.org

Fonte:https://al-shabaka.org/circles/upending-the-palestinian-leadership-the-role-of-youth/

 

Rovesciare la leadership palestinese: il ruolo dei giovani

Rovesciare la leadership palestinese: il ruolo dei giovani

Contrassegnato con i tag: ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam