Secondo un rapporto delle Nazioni Unite, le aziende attive nelle colonie stanno facilitando l’abuso di diritti umani

Scritto da Redattore

Creato Lunedì, 27 Gennaio 2014 00:37

 

ECC Palestine, 24.01.2014

http://www.eccpalestine.org/firms-active-in-the-settlements-are-facilitating-abuses-of-human-rights-un-report-says/

Il rapporto delle Nazioni Unite è il risultato di una missione di inchiesta sugli insediamenti israeliani in Cisgiordania, inclusa Gerusalemme est .

Le informazioni raccolte dalla missione indicano che le imprese private hanno permesso, facilitato e tratto profitto, direttamente e indirettamente, dalla costruzione e dalla crescita degli insediamenti . Ha individuato una serie di attività commerciali che sollevano particolari preoccupazioni riguardo le violazioni dei diritti umani. Questeincludono :

immagine1
• La fornitura di attrezzature e materiali che facilitano la costruzione degli insediamenti e del muro israeliano in Cisgiordania ;

• La fornitura di attrezzatura di sorveglianza e di identificazione  per gli insediamenti, il muro e i checkpoint militari;

• La fornitura di attrezzature per la demolizione di abitazioni e di immobili, compresa la distruzione di aziende agricole, serre , uliveti e coltivazioni;

• La fornitura di servizi di sicurezza, attrezzature e materiali per le imprese operanti in insediamenti ;

• La fornitura di trasporto e altri servizi a sostegno del mantenimento degli insediamenti;

• Le operazioni bancarie e finanziarie che contribuiscono a sviluppare, ampliare o mantenere gli insediamenti e le loro attività, compresi i prestiti per l’edilizia abitativa e lo sviluppo del business ;

• L’utilizzo delle risorse naturali, in particolare acqua e terra , per scopi commerciali;

• Inquinamento , pratiche di dumping e il trasferimento dei rifiuti nei villaggi palestinesi;

• Il modo in cui i mercati finanziari ed economici palestinesi sono ostaggio di Israele, così come le pratiche che penalizzano le imprese palestinesi, anche attraverso restrizioni al movimento e vincoli amministrativi e giuridici .

Secondo il rapporto , le imprese attive negli insediamenti sono pienamente consapevoli che stanno abusando del diritto internazionale e contribuendo a violazioni dei diritti umani .

Si afferma inoltre che Israele etichetta tutti i suoi prodotti di esportazione come provenienti da Israele, compresi quelli totalmente o parzialmente prodotti negli insediamenti . Alcune aziende operanti in insediamenti sono state accusate di nascondere il luogo originario di produzione dei loro prodotti .

La missione osserva inoltre che alcune aziende si sono ritirate dagli insediamenti perché danneggiava la loro immagine e potrebbe comportare conseguenze giuridiche .

La missione esorta le imprese private a cessare di operare negli insediamenti e invita tutti gli Stati membri a rispettare i loro obblighi di diritto internazionale e di assumere le proprie responsabilità nella loro relazione con uno Stato che viola norme imperative del diritto internazionale – ed in particolare di non riconoscere  situazioni illegali derivanti dalle violazioni di Israele .

La relazione rileva inoltre che le aziende private devono valutare l’impatto sui diritti umani delle loro attività e adottare tutte le misure necessarie – anche terminando i loro interessi economici negli insediamenti – per garantire che non incidano negativamente sui diritti umani del popolo palestinese . La Missione invita tutti gli Stati membri ad adottare misure atte a garantire che imprese con sede nel loro territorio e/o sotto la loro giurisdizione , comprese quelle da loro possedute o controllate, che svolgono attività all’interno o connesse agli insediamenti, rispettino i diritti umani in tutta la loro attività .

Il rapporto completo può essere letto qui

 (Traduzione di Giacomo Graziani)

 

 

Secondo un rapporto delle Nazioni Unite, le aziende attive nelle colonie stanno facilitando l’abuso di diritti umani

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam