SEMINARE RESISTENZA: LA LOTTA PER LA SOVRANITA’ ALIMENTARE IN PALESTINA. (video)

0

tratto da: INVICTA PALESTINA

“Passi dall’essere un produttore all’essere un consumatore e quale modo migliore per dominare qualcuno, che trasformarlo in un consumatore? Questo succede in tutto il mondo, ma qui è esacerbato dall’occupazione”.

 Versión española 

Sandra Guimarães e Anne Paq – Luglio 2019

Immagine di copertina: Saad Dagher, considerato un pioniere dell’agroecologia in Palestina, nella sua “fattoria umanistica” nella regione di Salfit (Anne Paq)

In Palestina, la sovranità alimentare è intrinsecamente legata alla lotta per l’autodeterminazione. La confisca delle terre palestinesi iniziò nel 1948, quando il 78% del territorio della Palestina storica divenne parte di Israele. Il restante 22% – ora noto come “Territori Palestinesi” – è completamente occupato dall’esercito israeliano, o sotto il suo controllo, dal 1967. In questi territori, il muro di separazione, gli insediamenti israeliani illegali e le zone di esclusione militare privano progressivamente la popolazione nativa di terreni agricoli e risorse idriche.

Se a questo si aggiungono le restrizioni alla libertà di movimento e gli attacchi regolari agli agricoltori e alle loro coltivazioni da parte dei coloni, è chiaro perché le restrizioni agricole imposte da Israele causano la perdita di 2,2 miliardi di dollari (circa 1,935 milioni di euro) all’anno per l’economia palestinese e perché, secondo le Nazioni Unite, il 31,5% della popolazione vive in una situazione di insicurezza alimentare.

Saad Dagher, agronomo e agricoltore, è il pioniere dell’agroecologia in Palestina. Saad spiega che tutti gli abitanti della sua regione, nel nord di Ramallah, erano agricoltori fino a quando negli anni Settanta non iniziò il cambiamento. “Quando nel 1975 la prima persona lasciò la propria terra per lavorare in una fabbrica israeliana, la comunità lo vide come un tradimento della causa palestinese. Ma era un modo rapido per guadagnare denaro che ha portato, a poco a poco, all’abbandono delle terre“. Nel 2019, secondo un rapporto dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro, la carenza di opportunità nel mercato del lavoro palestinese è tale che circa 127.000 abitanti della Cisgiordania devono cercare lavoro in Israele e negli insediamenti israeliani.

Dagher coltiva circa cento varietà di verdure in un piccolo appezzamento nel villaggio di Bani Zeid Est per nutrire la sua famiglia, ma anche per venderle al mercato locale.

“Prima non c’erano solo ulivi negli uliveti; c’erano fichi, viti, cereali come grano e orzo, e legumi come ceci e fagioli. Tuttavia, queste colture richiedono maggiore cura, quindi a poco a poco sono state abbandonate e rimangono solo gli ulivi. Attualmente, l’agricoltura palestinese è ormai lontana dai metodi tradizionali“, afferma questo ortolano..

Mentre gli ex agricoltori palestinesi diventano manodopera a basso costo dall’altra parte della Linea Verde, la Palestina si trasforma in un mercato di consumo per Israele, che controlla i confini. “Siamo una nazione sotto occupazione israeliana e dobbiamo produrre cibo per essere più forti e indipendenti. Non produciamo abbastanza cibo, quindi ora dipendiamo dai prodotti pieni di pesticidi degli insediamenti israeliani illegali,” lamenta l’agricoltore.

Raccogliere e seminare

Consapevoli di questo fenomeno, i palestinesi moltiplicano le iniziative per invertire questa tendenza e rafforzare la loro sovranità alimentare. Nella città palestinese di Beit Sahour  è stata aperta una biblioteca di semi. È una raccolta di semi ancestrali che gli agricoltori possono prendere in prestito e condividere. Dopo aver vissuto diversi anni all’estero, Vivien Sansour, la donna che ha creato questo progetto, ha scoperto che numerosi ortaggi locali stavano per scomparire o erano completamente scomparsi.

Perdere verdure come il cetriolo bianco o l’anguria jadul, che le mancavano così tanto quando era lontana dalla Palestina, significava per lei perdere parte della sua identità. Quindi, nel 2014, ha iniziato a raccogliere dagli agricoltori semi di ortaggi. che stavano scomparendo. Ecco come è nato il progetto della biblioteca di semi.

Tuttavia, questa “guardiana dei semi” non vede l’occupazione della Palestina come un evento isolato dal contesto mondiale. “Passi dall’essere un produttore all’essere un consumatore e quale modo migliore per dominare qualcuno, che trasformarlo in un consumatore? Questo succede in tutto il mondo, ma qui è esacerbato dall’occupazione”, spiega Vivien Sansour.

“Non credo che un’occupazione militare così brutale possa esistere senza essere collegata a tutte le forze oppressive che esistono nel mondo di oggi. Oltre a vivere sotto occupazione, dobbiamo affrontare un sistema politico globale che ci rende schiavi delle industrie agroalimentari e multinazionali“, aggiunge. La catalogazione e la conservazione dei semi degli agricoltori rappresenta una forma di resistenza che Vivien chiama “resistenza all’aggressione”.

Recuperare  lo spazio e la sua indipendenza

Vicino alla biblioteca dei semi, nella città di Betlemme, si trova il campo profughi di Dheisheh. Più di 700.000 palestinesi dovettero lasciare le loro case e le loro terre quando furono espulsi dalle forze sioniste al momento della creazione dello stato israeliano nel 1948 e si stabilirono in questi campi che, 70 anni dopo, esistono ancora. Tuttavia, la popolazione non ha smesso di crescere. I palestinesi stanno ancora aspettando una soluzione politica che garantisca il loro diritto al ritorno, un principio enunciato in una risoluzione delle Nazioni Unite del 1948.

Il campo di Dheisheh, costruito nel 1949 per 3.000 rifugiati da 45 villaggi, oggi ospita 15.000 persone in un’area di meno di 1 km². È uno dei più grandi campi profughi in Cisgiordania. La maggior parte dei rifugiati palestinesi erano precedentemente agricoltori, ma nei campi sovraffollati ora sono disconnessi dalla terra, un elemento essenziale della loro identità millenaria.

“Adesso è quasi impossibile acquistare terreni”, afferma Dragica Alafandi, che vive con la sua famiglia nel campo di Dheisheh.

Dragica è nata in Bosnia e si è trasferita in Palestina con Mustafa, suo marito rifugiato palestinese, nel 1994. Diversi anni fa ha iniziato a piantare erbe e legumi in vasi sul tetto per aumentare l’autonomia alimentare della famiglia. Nel 2017 ha ricevuto una serra da Karama, un’organizzazione comunitaria di Dheisheh. Dal 2012, questa organizzazione ha promosso un’iniziativa di micro-serre sui tetti, che aiuta le donne di Dheisheh a creare orti.

Secondo  gli Accordi di Oslo II del 1995, l’acqua nei territori palestinesi è controllata da Israele e avere abbastanza acqua per mantenere vive le micro-serre  è la più grande sfida di Dragica. “I tagli d’acqua sono piuttosto difficili da gestire. L’acqua arriva più o meno ogni dieci giorni, per 24 ore. A volte meno.” D’altra parte, la Palestina è sotto occupazione militare da decenni, il che provoca periodicamente una ripresa delle tensioni, specialmente nelle immediate vicinanze dei campi. “Ci sono soldati israeliani che sparano quasi ogni notte qui. I candelotti lacrimogeni volano ovunque. Il nostro tetto è piuttosto alto, ma ho sempre paura che la serra venga distrutta.”

Preservare la salute, sia fisica che mentale

Mentre i Paesi del nord sono sempre più interessati alla qualità del loro cibo, i Paesi del sud sono saturi di alimenti industriali prodotti dai Paesi del nord, ma che essi stessi non vogliono più consumare. Se andate in un supermercato in Palestina, troverete principalmente alimenti processati, carichi di olio e zucchero a basso costo, con i loghi degli stessi marchi che si trovano in tutte le parti del mondo occidentale ed etichette molto spesso in ebraico e che provengono direttamente da fornitori israeliani. Le alternative offerte ai consumatori palestinesi sono, in breve, molto limitate.

Ciò ha conseguenze disastrose per la salute delle persone. “Quando distruggi la salute di qualcuno, distruggi anche la sua mente”, dice Vivien. “Gli dici che non vale niente. L’oppressione vince davvero quando iniziamo a credere che siamo spazzatura e, quindi, mangiamo spazzatura. Abbiamo iniziato a vivere come se le nostre vite non avessero valore.”

Da quando ha iniziato a produrre il proprio cibo, Dragica ha visto come è cambiato il modo di mangiare della sua famiglia. “Ora mangiamo molte più insalate e zuppe. Non possiamo far crescere tutto ciò di cui abbiamo bisogno, ma è sempre speciale quando prepariamo le poche cose che possiamo coltivare qui.

Per Vivien, la migliore forma di resistenza è “rifiutare il discorso del tuo oppressore e rispondere” Non sono spazzatura e non mangerò la tua spazzatura“. “Penso che tutti possiamo decidere di rendere le nostre vite un po’ più sopportabili in questo momento. Perché saremo liberi; non ora, ma lo saremo. Mi sento libera quando ho questi semi tra le mani.”

Non si tratta solo di conservare i semi o coltivare ortaggi a casa. Si tratta anche di riprendere il controllo di alcuni aspetti della vita in un luogo in cui tutte le vite sono controllate dall’occupazione militare israeliana. “Non coltivo solo piante per mangiarle”, spiega Dragica, “Le coltivo anche a scopi terapeutici. Anche per coltivare la mente. Ai miei figli piace venire qui. A loro piace semplicemente sedersi e divertirsi circondati dalle piante. Dheisheh è fatto di cemento e ferro, quindi questo giardino è un piccolo tesoro. Nei campi, i tetti sono usati come un piccolo posto dove fuggire quando non c’è altro posto dove fuggire.”

Questo articolo fa parte di “Baladi – Rooted Resistance” un progetto multimediale che esplora l’agro-resistenza in Palestina. ,

VIDEO

Agro-resistenza in Palestina EN/FR/ES

 

TRAD: Grazia Parolari “contro ogni specismo, contro ogni schiavitù” –Invictapalestina.org

 

Seminare resistenza: la lotta per la sovranità alimentare in Palestina.

Seminare resistenza: la lotta per la sovranità alimentare in Palestina.

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.