SENZA DIRE UNA PAROLA, LE TRUPPE ISRAELIANE PICCHIANO UN UOMO CIECO NEL SUO LETTO – di Gideon Levy

0

Sintesi personale

È sdraiato sul divano del soggiorno, vicino al fornello a gas, cercando di riscaldare il suo corpo ferito. Quando lo abbiamo visitato questa settimana, era appena tornato dall’ospedale ed era sfiancato per il trattamento di dialisi, tre volte alla settimana  da 11 anni, ossia, da quando i suoi reni hanno smesso di funzionare come conseguenza del grave diabete.

Prima di questo, 15 anni fa, ha iniziato a perdere la vista e negli ultimi anni è diventato  completamente cieco. Inoltre, nel corso degli ultimi sei anni, ha dovuto gradualmente avere le dita dei piedi amputate, operazione dopo operazione. La sua faccia è giallastra per la  dialisi.

Fisicamente distrutto, giace lì, a malapena in grado di muoversi. Ha bisogno di aiuto per alzarsi; è incapace di fare qualsiasi cosa da solo.

Si reca, non tutti i mesi, in Giordania per il cateterismo dei vasi sanguigni nelle gambe che si stanno bloccando. Sì, Munzer Mizhar, 47 anni, è un uomo molto malato. Tuttavia, la scorsa settimana ciò non ha impedito ai  soldati israeliani  di picchiarlo senza pietà, anche dopo che i vicini li avevano avvertiti che era malato. Né sua moglie, testimone oculare dell’attacco, è stata in grado di impedire il pestaggio di suo marito nonostante lui  gridasse  di essere anche cieco.

Niente ha aiutato. I pugni sono atterrati sul suo viso, i segni blu sono ancora visibili, in particolare sotto i suoi occhi morti. Ha anche ferite sulle spalle e a entrambe le mani per i suoi tentativi di scongiurare il brutale assalto.

Tutto è successo mentre era nel suo letto dopo le 4 del mattino del 20 febbraio.

Mizhar era impiegato in un laboratorio appartenente all’Autorità palestinese, ma ha dovuto ritirarsi presto a causa del suo peggioramento della salute. Parla un buon inglese. Lui e sua moglie Iman hanno quattro figli, di età compresa tra i 18 anni e i 16 anni.

Iman, che ha 45 anni, ha un cancro ed è curata  all’ospedale Augusta Victoria a Gerusalemme est e in Giordania. Le sue condizioni sono buone. Si è unita alla conversazione nella loro casa questa settimana, ma è diventata pallida mentre parlava e ha dovuto sdraiarsi diverse volte con gli occhi chiusi  e pieni di lacrime.

Il trauma del pestaggio del marito è ancora vivido, doloroso e difficile da sopportare, forse anche più che per lui. I membri della famiglia dicono che si rannicchia spaventata ogni volta che gli orrori di quella notte vengono richiamati. Vivono in una casa ben tenuta nella città di Dawha vicino a Betlemme.

Quel mercoledì Munzer è stato svegliato verso le 4:45 dal suono di passi in casa. Ha svegliato sua moglie. Pensò che forse i suoi figli stavano vagando nell’oscurità.

Sua moglie ha aperto gli occhi e ha urlato. Non capiva cosa stesse succedendo. All’inizio pensarono che i ladri si fossero intrufolati.  Iman ha visto figure oscure che  entrare  nella loro stanza, mentre i raggi laser rossi tagliavano l’oscurità  e si proiettavano verso il loro letto.

Gli spettri si muovevano senza suono. Più tardi sarebbe emerso che le truppe avevano silenziosamente abbattuto la porta. Dopo un istante, Iman si è resa conto che gli intrusi erano soldati. Erano mascherati, cinque o sei in camera da letto, e puntavano i loro fucili contro la coppia. Altre truppe stavano aspettando fuori.

Iman è scesa dal letto, i suoi capelli esposti agli occhi degli uomini che avevano invaso la sua stanza – una questione molto delicata per loro, Munzer  ne  riferisce con dolore. Un soldato si è avvicinato al letto e senza una parola gli ha dato un buffetto in faccia. Munzer è convinto che l’aggressore portasse pugni di ferro. La sua faccia  comincia a sanguinare,  un sacco di sangue  gli cola dal naso, nonché dalle ferite sulle mani, alla fine non riesce a proteggere il suo viso. Non vede niente, ovviamente.

Iman, in piedi accanto al letto, urla, i soldati le impediscono di difendere suo marito. Cerca di spiegare che è cieco e malato, ma è inutile. Probabilmente nessuno dei soldati capisce l’arabo. Il soldato tiene la testa di Munzer con una mano e lo colpisce implacabilmente con l’altra, dice lei. Gli altri rimangono lì. Le percosse continuano per almeno cinque minuti.

Una luce nel bagno illumina un poco la stanza. Fuori è ancora buio e i soldati non accendono le luci all’interno. Forse è per questo che non si  accorgono che la persona maltrattata è indifesa, cieca e malata.

Munzer  chiede  ai soldati chi siano. Non ha  risposta. Iman chiede di poter parlare con l’ufficiale in carica. Nessuno  risponde. Alla fine i colpi cessano.

Munzer  chiede  dove sono i bambini. Poi lo aiuta a rialzarsi e lo guida verso una sedia nella stanza. All’inizio i soldati non hanno permesso a Munzer, con la faccia rigata di sangue, di sedersi. Non gli hanno chiesto di identificarsi e non hanno detto chi stavano cercando.

Il figlio maggiore, Talal, si  sveglia e  sente i genitori gridare che ci sono ladri in casa. Poi, dalla porta, vede suo padre sanguinare. Anche i suoi fratelli si svegliano. I soldati  rifiutano di lasciarli entrare nella stanza dei genitori e  ordinano  loro di alzare le mani. Uno dei figli, sopraffatto da vertigini , cade  a terra.

I soldati restano in casa per circa 20 minuti. Non hanno cercato nulla. nessuno di loro pensa di offrire l’attenzione medica a Munzer ferito.

Munzer sottolinea che la cosa peggiore è che un cieco non sa quando arriverà il prossimo colpo.

Perché l’hanno colpito?

Non sai perché?” Ci chiede sua sorella Maysoun, un sorriso amaro sulle sue labbra. Ho paura di parlare perché sei ebreo. Ci hanno picchiati tutti. L’occupazione ci batte tutti. Siamo sotto occupazione Questa non è la prima volta che picchiano qualcuno senza motivo e non sarà  l’ultimo. La novità è che questa volta picchiano un cieco“.

Uno dei ragazzi suggerisce una spiegazione diversa: forse hanno colpito il padre perché ha la barba? Vero, non una barba folta, ma una piccola barba che solleva dei sospetti.

Maysoun è preoccupata che  a suo fratello non sarà permesso di recarsi in Giordania a giugno per le sue cure mediche regolari. Abbiamo cercato di rassicurarla – dopotutto non ha fatto niente.

In ogni caso, tornando a quel mercoledì mattina, i soldati hanno ordinato ai quattro ragazzi di mettersi in ginocchio, le facce premute sul pavimento e di non muoversi. Quindi hanno lasciato la casa.

Munzer è stato portato all’ospedale Hussein a Beit Jala. Dall’evento soffre di dolori alla mascella e ha difficoltà a mangiare cibi solidi. E’ disteso  sul divano del tutto indifeso, cercando di trovare una posizione comoda, i suoi piedi  sono fasciati, ogni tanto chiude gli occhi. Questo per capire cosa hanno commesso i soldati.

Il giorno dopo la famiglia ha saputo che i soldati stavano cercando Fadi Hilweh, 20 anni, ricercato dall’esercito e dal servizio di sicurezza Shin Bet, anche se non è chiaro il perché. Vive al piano di sopra. I soldati sono andati prima là e,  quando non lo hanno trovato, un agente dello Shin Bet noto come “Cap. Nidal “ha ordinato  alla madre di Hilweh di contattarlo e farlo tornare a casa.

Nel frattempo i soldati  sono scesi al piano terra dove abita Mizhar. I vicini hanno avvertito i soldati che Munzer era cieco e malato, ma  a nessuno importa. Munzer vuole sapere perché non hanno bussato alla porta invece di invadere la casa. Avrebbe aperto la porta e avrebbero potuto vedere da soli che Hilweh non c’era.

Hilweh alla fine è tornato a casa e arrestato. I soldati pensavano che Munzer fosse la persona ricercata, quindi lo hanno picchiato? Perfino al buio nessuno poteva scambiare un uomo malato, cieco, di 47 anni per un ventenne. “Forse pensavano che [l’uomo ricercato] fosse Munzer, e forse erano solo criminali violenti, dice Maysoun. Musa Abu Hashhash,  del  gruppo per i diritti umani B’Tselem: “Questo è il caso più scioccante che abbia mai documentato“.

L’ufficio del portavoce dell’IDF ha rilasciato a Haaretz la seguente dichiarazione: “Durante un’operazione per arrestare un individuo ricercato a Betlemme, è stata ricevuta l’informazione che la persona ricercata si trovasse all’interno di un particolare edificio, e lì è stata effettuata una ricerca. Durante la ricerca una donna palestinese ha cercato di impedire a uno dei militari di raggiungere un uomo palestinese nella stanza che il militare voleva ispezionare. Egli ha cercato di controllare l’uomo palestinese che ha reagito afferrando il suo corpo e la sua arma, urlando e agendo in modo disordinato. Il combattente ha spinto il palestinese in modo aggressivo, cercando di tenerlo sotto controllo e di conseguenza l’uomo è rimasto ferito. A questo punto il militare si è reso  conto che l’uomo era cieco e non era la persona ricercata. Ha cercato di calmarlo permettendo alla moglie dell’uomo di occuparsi di lui immediatamente.

Iman è in uno stato di depressione e  di paura costante da quella notte. I ragazzi chiedono se i soldati torneranno. La famiglia ha aggiunto una serratura extra alla porta d’ingresso. Munzer può concentrarsi solo sulla sua malattia e sul suo dolore. Si sveglia ogni notte immaginando di sentire dei passi nell’oscurità. È certo che i soldati stiano tornando per dargli un’altra bastonata.

Gideon Levy

 

 

SENZA DIRE UNA PAROLA, LE TRUPPE ISRAELIANE PICCHIANO UN UOMO CIECO NEL SUO LETTO – di Gideon Levy

https://www.haaretz.com/israel-news/.premium-without-saying-a-word-israeli-troops-beat-up-a-blind-man-in-his-bed-1.6980517?fbclid=IwAR1vNWMlVvZa57Wci3kt8zFqOf6HDocyyyXXTF1atIQkklVgSzYrfV4E

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.