SENZA IMPEDIMENTI LE ARMI MILITARI ISRAELIANE CONTINUANO AD ARRIVARE NELLE MANI DELLA CRIMINALITA’ ORGANIZZATA PALESTINESE – di Miko Peled

684

tratto da: https://www.invictapalestina.org/archives/42858

 

Nessuno sa quanto sia grande l’arsenale delle cosche criminali palestinesi, ma è chiaro che è pericolosamente grande e che se queste armi fossero state usate per uccidere israeliani ebrei, o come parte della lotta palestinese contro il sionismo, le autorità israeliane le avrebbero confiscate molto tempo fa.

Fonte: english version 

Di Miko Peled – 27 Maggio 2021

Foto di copertina: Decine di migliaia di palestinesi con cittadinanza israeliana, insieme ad attivisti ebrei, hanno marciato nella città palestinese di Umm al Fahm per protestare contro la violenza della polizia israeliana e la criminalità organizzata, 5 marzo 2021. Oren Ziv | Activestill

GERUSALEMME OCCUPATA – Quando i nomi delle persone di cui scrivi devono rimanere anonimi, sai che le cose vanno male. La storia che segue è una parte della tragedia palestinese di cui si parla raramente.

Mentre la 75enne Hajja Amina (non è il suo vero nome) attraversava lentamente la strada trafficata verso casa sua, sentì risuonare due colpi di pistola. Quando si voltò per vedere cosa fosse successo, vide un uomo disteso in una pozza di sangue e un altro scappare. Pochi minuti dopo, già al sicuro dentro casa, sentì qualche altro colpo. I due uomini a cui avevano sparato erano fratelli; il sicario, un membro di una delle cosche criminali più note in Palestina.

Mentre ero seduto con lei e i suoi due figli maggiori nel soggiorno di casa sua, Jamil, il suo primogenito, mi  mostrò le foto di un altro omicidio compiuto da membri della stessa cosca criminale. Una madre, i suoi due figli e il loro zio, che era un medico, erano stati  tutti assassinati. Due di loro avevano cercato di fuggire in Cisgiordania ed erano stati uccisi lì. L’Autorità Palestinese aveva arrestato gli assassini e li aveva consegnati alle autorità israeliane.

In entrambi i casi, la polizia aveva tenuto  i colpevoli in custodia per un breve periodo e poi li aveva rilasciati. Le armi usate negli omicidi, lo stesso tipo di fucili semiautomatici usati dall’esercito israeliano, erano stati probabilmente venduti loro da personale militare israeliano.

Nessuno sa quanto grande sia l’arsenale di queste cosche criminali palestinesi, ma è chiaro che è pericolosamente grande, e che se queste armi fossero state usate per uccidere israeliani ebrei, o come parte della lotta palestinese contro il sionismo, le autorità israeliane le avrebbero confiscate molto tempo fa. Così com’è, “gli arabi che uccidono gli arabi” non sono visti dalle autorità israeliane come un problema.

Aumento annuale

Secondo un rapporto del gennaio 2021 pubblicato in ebraico su Ynet, nel 2020 sono stati assassinati quasi 120 cittadini palestinesi di Israele. Secondo il Jerusalem Post, nel 2019 il 71% delle 125 vittime di omicidi in Israele erano cittadini palestinesi di Israele. Di fatto, negli ultimi sei anni si è registrato un aumento del 100% del numero di cittadini palestinesi di Israele uccisi. Il numero di vittime di omicidio israeliane ebree nello stesso periodo è rimasto costante e di gran lunga inferiore, con circa 35 vittime all’anno.

Il rapporto del Jerusalem Post cita il Dottor Walid Haddad, un criminologo che insegna al Western Galilee College di Akka e che ha prestato servizio nelle forze dell’ordine israeliane per 15 anni. Haddad ha detto che lo Stato non arresta i criminali che hanno armi illegali, “anche se li identifica, perché questi criminali forniscono informazioni alla polizia”.

Quid pro quo

I figli di Hajja Amina lo hanno confermato. La polizia interviene raramente e, se lo fa, i sospetti vengono immediatamente rilasciati. “Le cosche criminali hanno l’immunità perché agiscono come collaboratrici”.  La polizia segreta israeliana, lo Shabak (Shin Bet), è felice di dare l’immunità agli assassini e agli spacciatori di droga. I componenti di queste cosche non hanno problemi a fornire informazioni su altri palestinesi alle autorità israeliane. In realtà, una sorta di mafia sionista, che comprende lo Stato di Israele e le cosche criminali palestinesi, stanno lavorando insieme per distruggere la società palestinese.

Haddad afferma inoltre che la polizia distingue tra “armi per la difesa personale” e “armi usate da criminali”, una distinzione che ha portato alla proliferazione delle armi. Di nuovo, i figli di Amina concordano. Se una delle vittime fosse israeliana ebrea, la polizia e le altre agenzie di difesa sarebbero dispiegate ovunque e le armi verrebbero confiscate in pochissimo tempo. Infatti, la stessa polizia israeliana è stata in grado di combattere la criminalità nella società ebraica israeliana in modo molto efficace.

Una donna palestinese i cui parenti sono stati assassinati protesta contro la criminalità organizzata a Tel Aviv, 19 marzo 2021. Oren Ziv | Alambicchi attivi

In questo momento, mi dicono i figli di Hajja Amina, è possibile acquistare tranquillamente un fucile d’assalto M-16 per 200 dollari e, finché l’omicidio rimane all’interno delle comunità palestinesi, le autorità non se ne preoccupano. È in corso una faida che continuerà per generazioni.

Le origini delle armi sono note. Sebbene alcune provengano dalla Cisgiordania, la maggior parte provengono da Israele. Solo l’esercito israeliano è in possesso di armi d’assalto e di depositi abbastanza grandi da permettere che le armi mancanti passino inosservate.

Ai soldati israeliani viene data un’arma al momento dell’arruolamento e quell’arma gli viene lasciata anche quando si congedano. Anche se ogni soldato ha l’obbligo di custodire e proteggere la propria arma e impedire che gli venga sottratta a rischio di una pena severa, queste armi arrivano alle cosche criminali.

Dove c’è la volontà …

Nelle ultime settimane, la Palestina è stata gettata nel caos dalle disavventure del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu. Lui e le sue bande terroristiche si aspettavano giustamente che la violenza avrebbe contribuito ad aumentare le sue possibilità di rimanere in carica. I palestinesi hanno risposto per autodifesa ovunque, dalla prigione di Gaza alle città di Lydd, Ramle, Yafa, Haifa e Gerusalemme. La violenza è stata istigata interamente da bande civili israeliane, dalla polizia e dallo Shabak, e i palestinesi che si stavano difendendo sono stati ovviamente raffigurati come gli attaccanti.

Alla fine, innumerevoli palestinesi sono stati picchiati dalle autorità, arrestati e incriminati. In alcuni casi sono stati accusati di reati di “sicurezza”. Ciò ha permesso alle autorità israeliane di trattenere i “sospetti” in detenzione e interrogarli senza la possibilità di vedere un avvocato. Le autorità temono che la presenza di un avvocato possa impedire loro di ottenere una confessione da un palestinese di 14 o 15 anni intimidito e terrorizzato dai suoi interrogatori.

Gli arresti delle ultime settimane sono stati rapidi ed efficienti. In molti casi, le autorità sono state in grado di prolungare la detenzione degli imputati per più di una settimana. In alcuni casi, le accuse includevano terrorismo e far parte di un’organizzazione terroristica, anche se i palestinesi erano oggetto di aggressioni e agivano per legittima difesa.

Questo dimostra che le autorità israeliane non hanno problemi ad arrestare, detenere e interrogare i sospetti quando decidono che sia opportuno farlo. Ma nel caso delle cosche criminali che operano tra i cittadini palestinesi di Israele, chiaramente non è opportuno. La polizia israeliana sta a guardare mentre i membri della comunità palestinese sono terrorizzati da criminali armati da Israele. Per fortuna, questa volta Hajja Amina è stata fortunata e lei e la sua famiglia non sono stati coinvolti dalla violenza che li circonda.

Miko Peled è scrittore collaboratore di MintPress News, autore di pubblicazioni e attivista per i diritti umani nato a Gerusalemme. I suoi ultimi libri sono “The General’s Son. Journey of an Israeli in Palestine” e “Injustice, the Story of the Holy Land Foundation Five”.

Traduzione: Beniamino Rocchetto – Invictapalestina.org

 

 

Senza impedimenti le armi militari israeliane continuano ad arrivare nelle mani della criminalità organizzata palestinese

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.