SETTE ANNI FA LA MORTE MISTERIOSA DI YASSER ARAFAT

La famiglia annuncia la pubblicazione in arabo del referto rilasciato dai medici francesi sulle cause della strana malattia che nel 2004 uccise lentamente il leader palestinese. Da sempre i palestinesi puntano l’indice contro Israele.

MICHELE GIORGIO

Roma, 11 novembre 2011, Nena News – È un settimo anniversario della morte di Yasser Arafat con il botto quello che si preparano a commemorare oggi i palestinesi. Nasser Qudwa, ex ambasciatore dell’Olp alle Nazioni unite e nipote del presidente palestinese scomparso nel 2004, ha annunciato che al più presto verrà resa nota, tradotta in arabo, la relazione finale sulle cause della morte di Arafat, avvolte sino ad oggi nel mistero. La relazione, preparata dai medici francesi dell’ospedale militare di Percy a Clamart – dove Arafat venne ricoverato nel vano tentativo di salvargli la vita -, sembra avvalorare la tesi dei tanti, non solo palestinesi, che hanno sospettato sin dall’inizio un assassinio, compiuto con una tossina sconosciuta ad azione lenta.  Arafat dalla fine del 2001 viveva confinato nella Muqata di Ramallah, di fatto circondato dalle forze armate israeliane. Cominciò a stare male ad agosto 2004. Il suo medico personale rilevò subito delle stranezze e chiese che venissero consultati degli specialisti per fare una diagnosi precisa. Gli esami di laboratorio davano un inspiegabile calo delle piastrine. Ma non si trattava di una leucemia, né di un tumore. Le cose precipitarono ad ottobre e il presidente fu trasferito a Parigi. In Francia Arafat venne curato ed ebbe un leggero miglioramento ma il 3 novembre entrò in coma a causa di un’ emorragia cerebrale e l’11 novembre alle 3.30 spirò in ospedale.  Secondo Nasser Qudwa i medici francesi non escludono che sia stato un veleno ad uccidere Yasser Arafat. Un veleno speciale, di quelli che escono dai laboratori dei servizi segreti. La popolazione dei Territori occupati non ha mai avuto dubbi: Abu Ammar (Arafat) è stato ucciso dall’ex premier israeliano (e suo mortale nemico) Ariel Sharon. D’altronde fu un giornalista della tv israeliana, Yoram Binur, che nel 2005 parlò più o meno esplicitamente dell’assassinio del presidente palestinese. Ha indagato anche il giornalista franco-israeliano Amnon Kapeliouk, amico di vecchia data di Arafat, che arrivò a conclusioni analoghe.

Arafat gravemente ammalato, con la moglie Suha prima di partire per Parigi nel 2004

Sulla morte misteriosa di Arafat pesa anche l’atteggiamento della leadership palestinese che sulla vicenda ha mantenuto un atteggiamento di basso profilo alimentando i sospetti di chi ipotizza complicità all’interno dell’Anp con il «piano israeliano» di eliminare Abu Ammar. Ambiguo è stato anche il ruolo dell’ex first lady palestinese, Suha Tawill, che nelle ultime ore di vita del presidente sembrò interessata soprattutto a garantirsi una fetta di quello che all’epoca i media occidentale, con esagerazione, definirono il «tesoro di Arafat». Morto il presidente, Suha Tawill si trasferì all’estero, a Tunisi, e non ha mai permesso alla figlia Zahwa (oggi 17enne) di tornare a Ramallah. Ma è stata costretta a lasciare il paese nord-africano qualche anno fa. E contro di lei, nei giorni scorsi, la giustizia tunisina ha emesso un mandato di cattura internazionale per corruzione nel caso della «Scuola internazionale di Cartagine», che aveva fondato nel 2006 insieme a Leila Trabelsi, la potentissima moglie dell’ex dittatore tunisino Ben Ali. Nena News

http://nena-news.globalist.it/?p=14281

Contrassegnato con i tag: , , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam