Shireen Abu Aqleh: Al Jazeera presenta un caso alla Corte penale internazionale per l’uccisione della giornalista

271

Articolo pubblicato originariamente su Al-Jazeera e tradotto in italiano dalla redazione di Bocche Scucite

Di David Gritten

Il network Al Jazeera ha presentato una causa contro le forze israeliane alla Corte penale internazionale (CPI) per l’uccisione di Shireen Abu Aqleh.

La giornalista palestinese-americana è stata colpita alla testa durante un raid dell’esercito israeliano nella Cisgiordania occupata a maggio.

L’esercito israeliano ha concluso che uno dei suoi soldati l’ha probabilmente uccisa, ma ha definito la sua morte non intenzionale.

Al Jazeera ha dichiarato che tale affermazione è del tutto infondata e che le prove raccolte dimostrano che si è trattato di un “omicidio deliberato”.

Il primo ministro israeliano uscente Yair Lapid ha dichiarato: “Nessuno indagherà sui soldati [delle Forze di Difesa Israeliane] e nessuno ci farà la predica sulla morale in guerra, certamente non Al Jazeera”.

Israele non riconosce l’autorità della Corte penale internazionale e ha rifiutato di cooperare con un’indagine del procuratore della Corte dell’Aia su possibili crimini di guerra nei territori occupati.

Shireen Abu Aqleh, 51 anni, si era recata nel campo profughi di Jenin l’11 maggio per realizzare un servizio per il canale televisivo arabo di Al Jazeera su un raid israeliano che aveva visto scoppiare scontri a fuoco tra soldati e militanti palestinesi.

Indossava un elmetto e un giubbotto antiproiettile blu con la scritta “stampa” quando è stata uccisa mentre camminava lungo una strada con altri giornalisti, uno dei quali è stato a sua volta colpito e ferito.

Giornalisti, passanti e funzionari palestinesi hanno affermato che gli spari provenivano dalle truppe israeliane che stazionavano a circa 200 metri di distanza – affermazioni che sono state poi confermate dalle indagini delle Nazioni Unite e da numerose organizzazioni dei media.

Le Forze di Difesa Israeliane (IDF) hanno inizialmente affermato che non era possibile sapere chi avesse ucciso Abu Aqla. Ma a settembre un alto funzionario ha dichiarato ai giornalisti che c’era un’alta probabilità che fosse stata colpita “per errore da un soldato dell’IDF, che ovviamente non l’ha identificata come giornalista”.

Al Jazeera, che ha sede a Doha ed è finanziata dallo Stato del Qatar, ha dichiarato martedì in un comunicato che il suo team legale ha condotto un’indagine dettagliata sull’uccisione e ha “portato alla luce nuove prove”, tra cui testimonianze oculari e diversi video.

“Al Jazeera ha sottolineato nella sua presentazione al Procuratore della Corte penale internazionale che le nuove prove testimoniali e i filmati mostrano chiaramente che Shireen e i suoi colleghi sono stati colpiti direttamente dalle forze di occupazione israeliane (IOF)”. “L’affermazione delle autorità israeliane secondo cui Shireen sarebbe stata uccisa per errore in uno scambio di fuoco è completamente infondata”.

“Le prove presentate all’Ufficio del Procuratore (OTP) confermano, senza alcun dubbio, che non c’è stato alcuno sparo nell’area in cui si trovava Shireen, se non quello delle IOF [Forze di Occupazione Israeliane] che le hanno sparato direttamente addosso. I giornalisti erano in piena vista delle IOF mentre camminavano in gruppo lentamente lungo la strada con i loro distintivi giubbotti mediatici, e non c’erano altre persone sulla strada”.

La dichiarazione ha aggiunto: “Le prove dimostrano che questa uccisione deliberata era parte di una più ampia campagna per colpire e mettere a tacere Al Jazeera”.

Rodney Dixon KC, avvocato di Al Jazeera, ha detto che la presunta campagna includeva l’attacco aereo israeliano che ha distrutto un grattacielo di Gaza City che ospitava gli uffici di Al Jazeera e dell’agenzia di stampa Associated Press (AP) durante un conflitto tra Israele e militanti palestinesi nel maggio 2021.

La famiglia di Abu Aqla, che ha presentato una propria denuncia alla Corte penale internazionale a settembre, ha dichiarato di sostenere la richiesta di Al Jazeera.

“Le prove sono estremamente chiare e ci aspettiamo che la Corte penale internazionale prenda provvedimenti”, ha dichiarato la nipote, Lina Abu Aqla, in una conferenza stampa all’Aia.

Il ministro della Difesa israeliano uscente Benny Gantz ha twittato che si rammarica per la morte di Abu Aqla, ma che “va ricordato che si è trattato di un chiaro incidente di combattimento che è stato indagato nel modo più approfondito e profondo”.

La CPI ha confermato che l’Ufficio del Procuratore ha ricevuto la comunicazione da Al Jazeera, ma ha detto di non poter commentare le singole comunicazioni. Qualsiasi persona o gruppo può inviare all’OTP informazioni su presunti crimini che rientrano nella giurisdizione del tribunale. L’OTP conduce un esame preliminare per decidere se esiste una base ragionevole per avviare un’indagine.

Il mese scorso, il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha comunicato a Israele che l’FBI aveva aperto un’indagine sull’uccisione, in seguito alle richieste della famiglia di Abu Aqla e dei membri del Congresso. Gantz ha dichiarato che la decisione è stata un “errore” e che Israele non avrebbe collaborato.

Tradotto con www.DeepL.com/Translator (versione gratuita)

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.