Shock, tradimento e paura: perché Gantz ha annientato il suo partito per unirsi a Netanyahu

0
230

tratto da: INVICTA PALESTINA

30/03/2020

Di recente formazione, con condizioni sottostanti, il partito Blu e Bianco si unisce al bilancio delle vittime del coronavirus. Molti temono che Netanyahu dimostrerà che il suo sacrificio sia stato vano.

Fonte – English version

Di Lily Galili – 27 Marzo 2020

Se avete avuto difficoltà ad abituarvi all’idea di sentire dire “Benny Gantz, primo ministro di Israele”, non preoccupatevi. Resterà tutto com’era, continuerà come da undici anni a questa parte.

Si deve ringraziare lo stesso Gantz per aver reso tutto più facile. In una strana evoluzione di eventi, il capo del partito Blu e Bianco che aveva il mandato di formare un governo e cacciare Netanyahu ha deciso di allearsi al suo acerrimo rivale in un governo di unità e servire come ministro della difesa sotto di lui.

Nel frattempo, possiamo esercitarci con un titolo temporaneo, “Benny Gantz, portavoce della Knesset”, una posizione che Gantz ha assunto per diversi giorni fino a quando i due politici non hanno concluso l’accordo non ancora firmato tra loro.

L’accordo dovrebbe basarsi sull’alternanza e sulla parità: se rimane fedele alla sua parola, cosa che raramente fa, Netanyahu si dimetterà a settembre lasciando il  posto a Gantz come primo ministro.

Ciò che significa veramente è che Netanyahu, accusato di corruzione, rimarrà in carica e sarà processato allo stesso tempo. Questo è il vero affare tra Gantz, descritto da Netanyahu come “mezzo cotto” e “pazzo” durante l’ultima campagna elettorale, e Netanyahu, definito da Gantz come “dittatore corrotto” e “l’Erdogan israeliano”, un termine veramente dispregiativo nel nostro vocabolario politico.

Vittima del virus

La politica israeliana ha una lunga storia di colpi di scena e mosse sorprendenti. Ma questo li supera tutti e la crisi del coronavirus in Israele è la scusa perfetta.

“Questo è ciò di cui il paese ha bisogno, Israele viene prima”, continua a ripetere Gantz, come se fosse un fatto noto dal punto di vista medico che il virus ha una comprovata paura dei governi di unità.

Semmai, è il partito che Gantz ha creato solo un anno e mezzo fa che è emersa come una vittima di coronavirus, giovane ma con gravi condizioni mediche di base.

È morto giovedì pomeriggio quando le altre due fazioni di Blu e Bianco, Yesh Atid guidata da Yair Lapid e Telem guidata da Moshe Yaalon, le due che avevano prestato servizio sotto Netanyahu nei precedenti governi e lo conoscono meglio di tutti, si sono rifiutate di unirsi al nuovo governo che Gantz gli ha imposto.

Blu e bianco come lo conosciamo si è disgregato nel giro di un’ora. Lapid e Yaalon manterranno il nome e Gantz tornerà al suo originale partito “Resilienza israeliana” con 17 membri della Knesset. Lapid fungerà da capo dell’opposizione contro il politico che è stato, fino a giovedì, il suo più stretto alleato politico

Durante una conferenza stampa, giovedì sera, Lapid ha dichiarato senza mezzi termini: “Gantz ha rubato i voti delle persone che hanno votato per lui quando ha promesso di non servire sotto Netanyahu; ha ceduto a Bibi senza combattere.” E ha ragione.

Il membro della Knesset Ahmad Tibi dalla Joint List, che conta 15 parlamentari che hanno appoggiato Gantz per la candidatura, ha prontamente coniato un nuovo termine. Parlando con Middle East Eye poche ore dopo la drammatica svolta degli eventi, ha usato la parola “gantzismo” per descrivere il comportamento del leader del partito Blu e Bianco.

“Lo abbiamo sostenuto per apportare un cambiamento dopo anni di incitamento contro gli arabi da parte di Netanyahu. Solo il gantzismo può dimostrare che lo schieramento di Netanyahu con 59 seggi è più grande della coalizione di Gantz con 61, creata con il nostro supporto”, ha detto. “La pandemia di Coronavirus è abbastanza grave. Usarla per tornaconto politico è anche peggio.”

 

In effetti, sembra che Gantz abbia usato il voto e il sostegno arabo come pezzi di ricambio nel suo gioco politico. Ma i suoi elettori ebrei si sentono praticamente lo stesso stato d’animo. Le parole “tradimento” e “traditore” sono le più popolari sui social media per descrivere la disonestà di Gantz.

Incarichi di potere

Tuttavia, a dire la verità, non tutti gli israeliani provano la stessa cosa, nemmeno tutti quelli che hanno votato per lui.  Blu e Bianco era uno strano ibrido di sinistra-centro-destra per cominciare.

La maggior parte dei suoi elettori di centrodestra ha elogiato la sua mossa apparentemente fatta “per amore di Israele”.  Non sono così felici i sostenitori dell’estrema destra. Tutti i piani per l’annessione della Cisgiordania occupata, a cui Blu e Bianco si opposero ampiamente quando fu annunciato “l’affare del secolo” di Trump, verranno rinviati.

Gli elettori di Likud, invece, sono felici perché riusciranno a mantenere come premier il loro caro Netanyahu. I membri e i ministri di Likud alla Knesset sono meno entusiasti. Perderanno alcuni importanti incarichi ora offerti a Gantz.

La perdita principale per Netanyahu non è la nomina agli affari esteri che sarà ora offerta a Gabi Ashkenazi, alleato di Gantz e promotore di questo governo di unità. Finché Netanyahu avrà il sostegno di Trump, a chi importa di tutto il resto.

No, la prova di quanto fosse importante questo accordo di unità per Netanyahu è il fatto che ha rinunciato alle due nomine a cui teneva di più, giustizia e comunicazione.

Netanyahu è ossessionato dalla copertura mediatica e un ministro della giustizia obbediente sarebbe certamente una risorsa mentre è sotto processo. Rimanere in carica e presentarsi in tribunale da premier, come è programmato debba fare a maggio, avrebbe reso un ministro conforme tanto più prezioso.

Perché, Gantz?

Questo spiega la parte di Netanyahu. Ma perché Gantz ha fatto così improvvisamente quello che avrebbe potuto fare due turni di elezioni e sei miliardi di shekel (1,6 miliardi di dollari) prima? Ci sono molte risposte a questa domanda, e la vera risposta è probabilmente una combinazione di tutte.

Una ragione non ancora articolata è che non ha mai veramente voluto assumersi la responsabilità nel mezzo di un’enorme crisi di coronavirus e della grande crisi finanziaria al seguito. Manca della fiducia in se stesso necessaria.

La spiegazione più pratica risiede nei recenti sondaggi ordinati dal partito. Erano negativi. Blu e Bianco stava perdendo voti, Likud stava guadagnando consenso. Una quarta tornata di elezioni non è mai stata un’opzione, non solo a causa della pandemia, ma anche per paura dei risultati.

Funzionari in quello che un tempo era Blu e Bianco sostenevano che, contrariamente ad altri sondaggi, quelli analizzati mostravano il loro elettorato opporsi fortemente a un governo di minoranza appoggiato dalla Joint List.

Ayman Odeh, leader del partito Hadash che fa parte dell’alleanza della Joint List, si rivolge ai sostenitori nel nord di Israele prima delle elezioni di questo mese (AFP)

Netanyahu è stato il primo a rilevare questo stato d’animo. Quando la commissione parlamentare di welfare è stata offerta alla Joint List, Netanyahu ha ritwittato un post scandaloso dicendo che i “sostenitori del terrorismo” ora sarebbero stati responsabili delle famiglie in lutto, un messaggio che ha colto lo spirito di gran parte della società israeliana.

Esiste un’enorme differenza tra le risposte che i liberali danno ai sondaggisti affermando il sostegno alla Joint List e quello che pensano realmente.

Sfortunatamente, questo non è ancora lo spirito di Israele, che è ancora una società molto razzista, ed era abbastanza ingenuo pensare in modo diverso a Gantz, un ex capo di stato maggiore militare che ha lanciato la sua campagna politica vantandosi del numero di morti palestinesi inflitti a Gaza durante l’operazione Protection Edge.

Non è un razzista come Netanyahu, ma lo è comunque. Era come previsto, un passo troppo lungo per lui. Quando arrivò al dunque, non poteva farlo. Né poteva il suo partner, un altro ex capo di stato maggiore del gabinetto, Gabi Ashkenazi. Quindi hanno preso la strada più facile.

Cosa succede nel 2021?

La maggior parte degli israeliani, infatti, sono favorevoli a un governo di unità. Sfiniti da tre tornate di elezioni in un anno, consumati dalla brutalità delle campagne e dei politici spietati, e ora terrorizzati dalla pandemia, optano per un po’ di tranquillità.

La democrazia può essere messa in attesa. Il membro della Knesset Yuli Edelstein, ex relatore del parlamento che ha sfidato una sentenza della Corte Suprema come nessuno prima, può tranquillamente riprendere il suo incarico. I manifestanti che sono scesi in strada nonostante i pericoli del coronavirus possono piegare le loro bandiere nere.

Tuttavia, se, e quando, il governo di unità sarà formalizzato, la grande domanda rimane: Netanyahu si dimetterà davvero nel settembre 2021?

Parlando con MEE la mattina dopo la sceneggiata  di giovedì, Tzachi Hanegbi, ministro della cooperazione regionale e membro di Likud, sembrava ottimista.

“Contrariamente alla sua immagine pubblica di colui che evita decisioni e conflitti difficili, accettando la richiesta di unità di Netanyahu, Gantz ha manifestato leadership e responsabilità”, ha detto Hanegbi. “Nonostante il prezzo personale che ha dovuto pagare, l’alleanza Gantz-Netanyahu può produrre fiducia e cooperazione equilibrata per i prossimi tre anni.”

Il  Major-General (general maggiore)  in pensione Amram Mitzna, che una volta guidava il Partito Laburista e conosce bene Netanyahu, era molto meno entusiasta.

“Senso di tradimento e turbamento”, ha detto a MEE, descrivendo i suoi sentimenti su ciò che è accaduto.

“Ci sono alcune circostanze attenuanti per Gantz che non davano alcuna reale possibilità di formare un governo.  Tuttavia, trovo difficile credere che Netanyahu rispetterà l’accordo con Gantz. Spero solo che sia profondamente impegnato dal suo processo.”

Continuiamo la prossima volta.

Trad: Beniamino Rocchetto – Invictapalestina.org

https:///archives/38300

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.