Siria: l’agonia delle vittime del bombardamento ‘tipo napalm’ in una scuola

Martedì 1 ottobre 2013

 siria

VIA LE ARMI CHIMICHE DALLA SIRIA. MA SONO LE ARMI COSIDDETTE “CONVENZIONALI” CHE HANNO PROVOCATO E CONTINUANO A PROVOCARE IL MAGGIOR NUMERO DI VITTIME CIVILI.

Siria: l’agonia delle vittime del bombardamento ‘tipo napalm’ in una scuola

di Ian Pannell

BBC News, Aleppo
30 settembre 2013

Il reporter Ian Pannell e il cameraman Darren Conway sono tornati in Siria per vedere il progresso di alcune delle vittime

I fotogrammi di un attacco tipo napalm in una scuola in Siria girati da un gruppo di lavoro per Panorama hanno scioccato il mondo. Ora la BBC è tornata per scoprire cosa è successo ai bambini che hanno sofferto terribili ustioni.

Avevamo viaggiato in Siria per filmare due medici britannici dell’organizzazione benefica del Regno Unito Mano nella mano per la Siria, per fornire assistenza alle parti del paese in cui il sistema sanitario è a malapena funzionante.

I medici britannici si erano fermati in un ospedale nella provincia di Aleppo . Era stato stabilito dall’organizzazione di fornire assistenza medica generale, ma in un clima di guerra, è altrettanto probabile che le vittime del conflitto siano portate attraverso la porta.

Nel giro di un’ora da quando eravamo lì abbiamo ricevuto il primo segno di quello che doveva venire.

E’ arrivato un bambino di sette mesi, la faccia rosa era piena di vesciche ed era come cruda. Anche suo padre era stato bruciato e si sedette impotente su una barella stringendo il figlio mentre il personale si precipitava ad aiutare.

I medici britannici udivano voci che c’erano stati più casi sulla strada.

Presto, decine di persone, per lo più adolescenti, erano accorsi su barelle con ustioni simili al napalm . I loro vestiti erano stati bruciati, i loro corpi carbonizzati e in alcuni casi i loro capelli erano liquefatti.

I loro volti erano brutalmente sfigurati con enormi vesciche più dei loro corpi. Si muovevano quasi al rallentatore , sconvolti e nel dolore. L’odore di carne bruciata era insopportabile.

In pochi minuti l’ospedale è stato sopraffatto. Il Dr Rola Hallam e il dottor Saleyha Ahsam iniziarono il trattamento dei feriti.

L’ospedale da campo era stato sopraffatto dal numero di vittime che vi erano state portate.
Non c’erano feriti da schegge o con perdite di sangue tipiche di bombe aeree.

Non sapevamo per certo ciò che il dispositivo conteneva ma ha causato ustioni terribili coerenti con un ordigno incendiario, che contiene una sostanza simile al napalm o al termite.

Il gruppo di pressione Human Rights Watch ha documentato l’uso di bombe simili altrove in Siria.

Il tutto dispiegato in un clima di paura. E ‘successo pochi giorni dopo l’attacco chimico nella periferia est di Damasco che ha ucciso centinaia di persone e molti erano terrorizzati che la stessa cosa era appena successa qui.

I medici strappavano pacchetti aperti di fluido salino e versavano il liquido sopra le vittime. I pochi posti letto nella sala di emergenza rapidamente si erano riempiti e molti degli adolescenti si contorcevano in agonia sul pavimento.

Una spessa crema bianca è stata applicata sui loro corpi per trattare le ustioni, mentre ancora più pazienti venivano portati dentro

Fuori, nel cortile dell’ospedale, una cisterna d’acqua spruzzava la folla in modo da poterla pulire – terrorizzata che questo era stato un attacco chimico.

Padri e madri disperati per le notizie combattevano per essere ammessi in ospedale, maledicendo il loro presidente, Bashar al-Assad.

Testimoni oculari hanno descritto la stessa cosa – un caccia-jet che volteggiava sopra le teste, apparentemente in cerca di bersagli. Una grande folla si era radunata presso la scuola dove la bomba incendiaria è stata fatta cadere.

Siham Kanbari, 18 anni, ha avuto terribili ustioni a gran parte del suo corpo.

Era in una classe di matematica, quando l’esplosione ha strappato attraverso la finestra.

Una delle vittime più giovani aveva 13 anni, Ahmed Darwish.

Quando è arrivato in ospedale stava tremando in modo incontrollabile. Il pronto soccorso era così pieno che gli era stato detto di aspettare in corridoio.

Il Dr Saleyha ha descritto la scena.

“Di tutte le zone di guerra che abbia mai provato, oggi è stata di gran lunga la peggiore,” ha detto.

“Non ho mai visto niente di simile – il fatto che erano bambini, adolescenti, le stesse età come i miei nipoti.”

L’ospedale ha ammesso 30 pazienti quel giorno.

La maggior parte aveva più del 50% bruciato – il che significava che le loro possibilità di sopravvivenza erano meno della metà.

Ai feriti era necessaria la terapia intensiva, ma nessuna era disponibile nell’ ospedale da campo di Aleppo.

Al tramonto il caos ha cominciato a placarsi quando i pazienti sono stati portati oltre il confine verso la Turchia per il trattamento. Alcuni sono morti sulla strada.

“Ho pensato che non sarebbe mai finita”, ha detto il dottor Rola. “Abbiamo perso un signore nel trasferimento a Bab-al-Hawa, aveva estese ustioni di terzo grado.

“Abbiamo cercato di stabilizzarlo e di indirizzarlo al più presto possibile, ma non siamo stati in grado di salvarlo. Non ho mai visto una bruciatura così brutta.

“Penso che il suo volto resterà con me per molto tempo.”

Due giorni dopo l’attacco siamo andati alla scuola.

Era stata una delle poche a rimanere aperta in questa parte del nord della Siria. Ma quando l’abbiamo visitata le aule erano vuote.

L’odore sulla scena e le macerie suggerivano che fosse una bomba incendiaria. Non è un arma chimica, ma è classificata come una tradizionale.

Più di 100 paesi hanno vietato il loro uso contro i civili, ma la Siria non ha firmato il trattato.

L’aria sulla scena era ancora densa dell’odore di tutto ciò che era caduto quel giorno, ma è difficile immaginare o descrivere gli orrori di quello che il pilota ha fatto.

Il preside ha detto di sentirsi impotente. Aveva troppa paura di dare il suo nome.

“La cosa peggiore nella vita è che qualcuno muoia sotto i nostri occhi.

“Le persone che bruciano davanti a te. Gente che muore. Persone giustiziate. Ma dove vorranno arrivare?

“Non sono sicuro da nessuna parte. Questa è la sorte del popolo siriano”.

Dieci bambini sono morti durante l’attacco e molti di più sono stati lasciati a lottare per sopravvivere alle terribili ustioni.

‘Per favore, fa’ che sia finita’

Abbiamo visitato Ahmed, in un ospedale turco, poche settimane dopo l’incidente. Descritto come un ragazzo che lavora sodo con una faccina sorridente, ora ha 40% di ustioni sul suo corpo.

“Ho tanto dolore”, ha detto. “Ho avuto la febbre tutta la notte. Ho dolore al collo e alla spalla.

“Perché ci bombardate, mentre siamo a scuola. Perché?”

Quando abbiamo visto Siham, in ospedale ad Aleppo, lei urlava di dolore. Ora è in una corsia a fianco di Ahmed, in Turchia. Lei ci ha detto il giorno che l’abbiamo visitata che sente come se il suo corpo stesse ancora bruciando.

Lei era al suo ultimo anno di scuola. Descritta come una delle più eleganti della sua classe sta ora soffrendo con il 70% di ustioni.

“Per favore, fa’ che sia finita”, ha detto. “Abbiamo bisogno di trovare una via d’uscita. Abbiamo avuto tutto quello che possiamo sopportare.”

Mentre la polemica sulle armi chimiche si placa, l’attenzione del mondo sarà ancora una volta si allontanerà dalla Siria.

Ma per coloro la cui vita è stata lacerata dalla guerra, la sofferenza continua.

http://www.bbc.co.uk/news/world-24288698

https://www.facebook.com/IlPopoloCheNonEsiste?ref=stream&hc_location=timeline

 

Contrassegnato con i tag: , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam