SOFFOCARE LA PALESTINA (CON VIDEO)

0
166

venerdì 18 aprile 2014
immagine1

C’è un villaggio che si chiama Qaryut al quale hanno chiuso la strada d’accesso. Si trova circondato da uno dei più grandi insediamenti illegali della West Bank. Gli abitanti del villaggio lavorano quasi tutti a Ramallah e per raggiungere la strada principale che li porta a Ramallah, ora, devono girare tutto intorno all’insediamento. La strada che israele ha chiuso era di soli 2 km per arrivare a quella principale.
Disagi enormi, ingiustizia per aver occupato una terra che aveva dei proprietari e allarme se un ambulanza non dovesse arrivare in tempo a Ramallah.
Tre settimane fa il villaggio ha deciso di manifestare tutti i venerdì in nome della libertà e della giustizia.
Oggi, ben trecento persone dei quali cento bambini hanno camminato fino alla cima della collina per pregare lì. Questa era la manifestazione.
I soldati sono arrivati subito e hanno detto che tutti dovevano andarsene, non hanno voluto ascoltare gli shebab che gli dicevano “siamo qui per pregare, possiamo parlarne?”. Nulla, hanno messo il dito sul grilletto e preso le sound bomb.
Le trecento persone hanno pregato circondati dai soldati, anche noi attivisti e giornalisti eravamo lì.
Finita la preghiera con il megafono viene detto loro che ce ne andiamo e di non sparare, di non iniziare con la violenza.
Ma, facciamo pochi passi di spalle su quella collina impervia e piena di spine e loro iniziano a spararci.
Sparano gas, molti gas e il vento ci è contro perchè porta tutto il gas verso di noi. Non si riesce a correre sulla collina. Inizio a soffocare e non riesco ad allontanarmi, continuano nel frattempo a sparare. Siamo a terra, in molti. Un paramedico, Yahtzan, arriva in mio soccorso, ma non ha la maschera antigas e soffoca vicino a me dopo avermi soccorso. Non riesco a rialzarmi. Soffocare è bruttissimo perchè non vuoi morire, tenti di respirare e non ce la fai e più ti sforza di respirare e più soffochi. Arriva un’attivista del SMFP, Ghassan, mi trascina per le braccia, ma sta soffocando anche lui. Non so come, siamo arrivati sulla strada sterrata e i gas sono un po’ più lontani ora.
Il paramedico viene soccorso da altri colleghi, un altro paramedico nel frattempo è stato soccorso per soffocamento. Quindici persone sono state vittime da soffocamento grave, io sono fra quelle quindici. Ora respiro, mi gira la testa ed è come se mi fosse passato un tir sopra. Con due giornalisti torno in auto a Nablus, anche loro, nonostante le maschere antigas, sono rimasti soffocati perchè l’auto era piena di gas.
Il video che ho girato è reale, purtroppo non di qualità perchè mentre soffocavo la telecamera era accesa, ma io ero per terra e non pensavo a riprendere.
Oggi, ho pensato per un attimo che sarei rimasta su quella collina, in mezzo alle spine e ai gas. L’ambulanza non aveva modo di arrivare in quel punto e anche i paramedici erano soffocati. Oggi mi sono sentita in un forno a gas.

E’ questa la realtà: israele gasa le persone.

 
IMMAGINE2IMMAGINE3

VIDEO:

SOFFOCARE LA PALESTINA

http://samanthacomizzoli.blogspot.it/2014/04/manifestazione-con-preghiera-qaryut.html

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.