Soldati israeliani distruggono centinaia di cactus nella Valle del Giordano settentrionale

0

News – 20/12/2018

Valle del Giordano-IMEMC e Wafa. Le forze israeliane, martedì, hanno distrutto un diversi cactus appartenenti ad un palestinese della Valle del Giordano settentrionale, secondo quanto dichiarato da un attivista locale.

Mutaz Bsharat, che monitora le attività delle colonie nel distretto di Tubas, ha affermato che i soldati hanno abbattuto centinaia di cactus, di cinque mesi, appartenenti a Faris Sawafta, del villaggio di Bardala.

Bardala è uno dei pochissimi della Valle del Giordano designati come area B dagli accordi di Oslo, dando alcuni diritti teorici alla popolazione locale sul controllo delle infrastrutture e della pianificazione. Tuttavia, solo 3 km quadrati, nel centro del villaggio, si trovano nell’area B, e tutte le zone circostanti, compresi i terreni agricoli, sono nell’area C, su cui lo stato israeliano ha il controllo assoluto.

La Jordan Valley Solidarity afferma che il centro del villaggio sta diventando sempre più sovraffollato, poiché le autorità d’occupazione aggrediscono le altre comunità palestinesi nel resto della Valle, demolendo le loro case e facendo pressione per obbligarle a trasferirsi a Bardala, Tubas, Nablus ed altrove.

Alla fine di novembre, i soldati israeliani hanno invaso il villaggio di Bardala, e hanno demolito una casa appena costruita appartenente alla famiglia di Khaled Rasheed, oltre ad aver demolito diverse altre strutture nel mese precedente.

Traduzione per InfoPal di F.H.L.

© Agenzia stampa Infopal
E’ permessa la riproduzione previa citazione della fonte “Agenzia stampa Infopal – www.infopal.it”

 

Soldati israeliani distruggono centinaia di cactus nella Valle del Giordano settentrionale

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.