Soldati israeliani sparano su una famiglia palestinese intenta a raccogliere il grano, ferendo due di loro

0
592

tratto da:  ZEITUN Notizie e libri sulla Palestina

Murad Abu Alia ferito all’addome da un soldato israeliano

International Middle East Media Center (IMEMC)

25 maggio 2020  IMEMC

Dei soldati israeliani hanno attaccato lunedì una famiglia di palestinesi che stavano raccogliendo il grano nei loro terreni agricoli vicino al villaggio di al-Mughayyir, ad est di Gerusalemme. Pare che l’esercito israeliano sia stato chiamato da coloni israeliani che avevano in un primo tempo cercato di molestare la famiglia palestinese.

Inizialmente i soldati hanno rilasciato una dichiarazione secondo cui due palestinesi avrebbero cercato di attaccarli con falci (strumenti agricoli usati per raccogliere il grano). Ma i racconti dei testimoni oculari descrivono in modo molto diverso ciò che è accaduto e mettono in discussione altre dichiarazioni dell’esercito israeliano in cui si sostiene di aver sparato ai palestinesi “per legittima difesa”.

Nel corso delle ultime settimane i coloni israeliani si sono imbaldanziti nei loro assalti ai palestinesi, in coincidenza del fatto che l’amministrazione israeliana di Benjamin Netanyahu ha dato via libera agli attacchi violenti, addirittura incoraggiandoli. In questo caso i coloni israeliani, che diversi giorni fa hanno fondato un nuovo insediamento nelle vicinanze, sono penetrati nei terreni palestinesi per schernire e molestare la famiglia che lavorava nella sua proprietà agricola.

Non essendo riusciti a provocare una risposta da parte dei palestinesi, hanno chiamato l’esercito, che è arrivato sulla scena e ha prontamente sparato a due membri della famiglia di agricoltori.

Secondo un resoconto del quotidiano israeliano Haaretz, uno degli uomini colpiti, identificato come Murad, ha parlato con i giornalisti riferendo loro: [i soldati israeliani] “hanno iniziato ad avvicinarsi a noi dicendoci di sederci immediatamente. Quindi hanno sparato tre proiettili alla gamba sinistra di mio fratello Imad. Io mi sono avvicinato un po’ e ho chiesto loro di smettere di fare fuoco su di lui, e allora mi hanno sparato all’addome.”

“I giornalisti hanno anche parlato con la moglie di Murad, che ha detto: “Eravamo sulla nostra terra, lontano dall’insediamento, e loro sono venuti da noi, non noi da loro”, e un altro testimone oculare ha detto: “Affermare che avrebbe cercato di pugnalare un soldato mentre sua moglie, i suoi figli e tutta la sua famiglia erano lì? Non è mai successo. Stanno cercando di giustificare la sparatoria.”

In seguito alla dichiarazione dei loro soldati, la maggior parte delle forze armate israeliane ha diligentemente riportato tale dichiarazione come un dato di fatto, per cui il quotidiano israeliano Yedioth Ahranoth (uno dei quotidiani più letti in Israele, ndtr.) afferma: “Le truppe IDF hanno sparato su due palestinesi che brandendo delle falci tentavano di accoltellare i soldati mentre erano intenti in attività operative in Cisgiordania, vicino a Ramallah. Nessun soldato israeliano è rimasto ferito nell’attacco e i due aggressori sono riusciti a fuggire nonostante fossero stati colpiti da proiettili “.

Questo ovviamente è un resoconto falso dell’accaduto, ma è stato riportato da Yedioth Ahranoth e da altre fonti come un dato di fatto. Yedioth Ahranoth ha anche affermato che questo incidente è avvenuto durante una “rivolta dei giovani palestinesi”, un’altra ovvia menzogna, poiché la realtà è che una famiglia palestinese stava raccogliendo il proprio grano quando è stata aggredita da coloni paramilitari israeliani, e quindi è stata colpita dagli spari di soldati israeliani armati.

Solo Haaretz ha dedicato del tempo alle interviste dei testimoni oculari e alla ricerca della verità su ciò che è accaduto, inducendo l’esercito a ritirare le proprie iniziali false dichiarazioni.

(traduzione dall’inglese di Aldo Lotta)

Soldati israeliani sparano su una famiglia palestinese intenta a raccogliere il grano, ferendo due di loro

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.