Soldati israeliani sradicano 130 alberi a Hebron e coloni israeliani attaccano contadini palestinesi con pietre e bastoni

639

Secondo quanto riportato da IMEMC News, nella giornata di venerdì 12 novembre i soldati israeliani, accompagnati da molti coloni, hanno sradicato più di 130 alberi e spianato terreni agricoli nella città di Beit Ummar, a nord di Hebron, nella parte meridionale della Cisgiordania occupata.

L’attivista Mohammad Awad ha riferito che i soldati hanno sradicato più di 130 alberi di mandorle, oltre ad aver distrutto grandi aree di terreni agricoli vicino alla colonia illegale di Karmie Tzur, che è stata costruita su terre palestinesi rubate.

Le terre si trovano dentro la recinzione della colonia illegale e alle famiglie è stato negato l’accesso ad esse, nonostante abbiano i documenti che ne attestino la proprietà.

Secondo quanto riferito da Pagine Esteri, sempre nella giornata di oggi i coloni israeliani hanno attaccato con pietre e bastoni i contadini palestinesi e alcuni attivisti israeliani che erano sul posto per aiutarli durante la raccolta delle olive nel villaggio di Surif in Cisgiordania. Hanno fatto almeno 3 feriti. Un attivista, Oren Ziv, riferisce che l’esercito era nella zona ma non ha impedito l’aggressione, l’ultima di una lunga serie compiute dai coloni nelle ultime settimane.

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.