SOLEIMANI. Riyadh festeggia in silenzio, Tel Aviv ad alta voce

0

tratto da: NENA NEWS

04 gen 2020

Per il premier Netanyahu,  Trump ha tutto il merito di avere agito con rapidità, forza e decisione. Soleimani era da anni un obiettivo di Israele. Celebrano anche l’Arabia saudita e i suoi alleati.

Il presidente Usa Trump con il premier israeliano Netanyahu
(Foto: Ronen Zvulun)

di Michele Giorgio

Roma, 4 gennaio 2020, Nena News – Un passo deciso verso la guerra ma anche un nuovo regalo a Israele. Sarebbe riduttivo leggere l’uccisione di Qassem Soleimani come un semplice atto, spettacolare, di forza della superpotenza americana decisa ad andare al conflitto aperto con Tehran. Ordinando l’eliminazione del generale iraniano, Donald Trump ha realizzato uno dei sogni principali di Israele che aveva Soleimani, assieme al leader del movimento sciita libanese Hezbollah, Hassan Nasrallah, in cima alla lista dei suoi nemici. E ha fugato i dubbi che avevano attraversato i vertici politici e militari israeliani nei mesi scorsi, quando la Casa Bianca dopo l’abbattimento di un drone Usa nel Golfo e il bombardamento degli impianti petroliferi sauditi – entrambi attribuiti a Tehran – aveva, a sorpresa, deciso di non rispondere.

 Israele da anni reclama il pugno di ferro americano contro l’Iran, fino alla guerra. E non si accontenta dell’uscita di Washington dal Jcpoa, l’accordo internazionale sul programma nucleare iraniano, e delle pesanti sanzioni economiche Usa contro Tehran. Ritiene che solo la distruzione delle centrali atomiche iraniane, anche a costo di un conflitto che avrebbe conseguenze devastanti, potrà mettere fine alle velleità di Tehran di dotarsi di ordigni nucleari – la Repubblica islamica ha sempre negato che sia questa la sua intenzione – lasciando in Medio oriente solo a Israele la capacità strategica nucleare che possiede (segretamente) da decenni. Perciò ieri era palpabile la soddisfazione Benyamin Netanyahu. Il premier ha difeso l’attacco Usa. «Così come Israele ha diritto all’autodifesa, gli Stati Uniti hanno esattamente lo stesso diritto», ha detto. Secondo lui Soleimani «era responsabile della morte di cittadini americani e di molte altre persone innocenti» e «stava pianificando altri attacchi». Per Netanyahu «il presidente Trump ha tutto il merito di avere agito con rapidità, forza e decisione. Israele è dalla parte degli Stati Uniti nella loro giusta lotta per la pace, la sicurezza e l’autodifesa».

Netanyahu ha poi ordinato ai ministri del suo governo di non rilasciare commenti e all’esercito il rafforzamento dei dispositivi di sicurezza, in particolare sul Golan occupato. Parlamentari ed esponenti della maggioranza così come dell’opposizione invece non hanno avuto freni ed hanno gioito e celebrato l’eliminazione di Soleimani. Non che Israele in questi anni non abbia mai tentato o pensato di uccidere il generale iraniano. Lo ricordavano ieri proprio i media israeliani. Ma lo Stato ebraico agisce in modo diverso dagli Usa. Washington ama le azioni plateali. Il servizio segreto israeliano Mossad invece colpisce senza rivendicare e lasciare tracce. Yossi Cohen, il capo del Mossad, pochi mesi fa in una intervista aveva “previsto” l’uccisione del generale iraniano. Pochi giorni prima i media iraniani avevano riferito di un tentativo fallito «arabo-israeliano» di assassinare Soleimani.

Celebrano in silenzio le petromonarchie del Golfo nemiche dell’Iran. Riyadh aveva sempre individuato in Soleimani l’artefice principale del fallimento della sua strategia in Siria, finalizzata alla caduta del presidente Bashar Assad, e dell’accresciuta influenza di Hezbollah in Libano. Lutto invece a Gaza. Bassem Naim, un portavoce di Hamas, ha scritto su Twitter che l’assassinio «apre le porte della regione a tutte le possibilità, tranne la calma e la stabilità. Gli Stati Uniti ne hanno la responsabilità» Per il Jihad islami, organizzazione storicamente legata all’Iran, «l’alleanza della resistenza non sarà sconfitta, non sarà spezzata e la sua integrità diventerà più forte nell’affrontare il progetto sionista-americano». Il presidente siriano Bashar Assad ha commentato che il suo popolo «non dimenticherà la presenza di Soleimani al fianco dell’esercito siriano per difendere la Siria dal terrorismo e dai suoi sostenitori». Hezbollah libanese, che deve a Soleimani, il rafforzamento del suo arsenale di missili e armi, ha promesso vendetta. «Infliggere la giusta punizione a questi criminali assassini sarà la responsabilità e il compito di tutti i combattenti della resistenza nel mondo», ha affermato Hassan Nasrallah. «Noi che siamo stati al fianco di Soleimani – ha aggiunto – seguiremo le sue orme e ci batteremo giorno e notte per conseguire i suoi obiettivi».

http://nena-news.it/soleimani-riyadh-festeggia-in-silenzio-tel-aviv-ad-alta-voce/

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.