SONO PASSATI 10 ANNI DA QUANDO ISRAELE HA LANCIATO LA SUA MASSICCIA OFFENSIVA SULLA STRISCIA DI GAZA….

0

28/12/18   14.41

Sono passati 10 anni da quando Israele ha lanciato la sua massiccia offensiva sulla Striscia di Gaza, che ha scatenato l’indignazione globale mentre il quinto esercito più forte del mondo ha martellato la piccola enclave bloccata e i suoi 1,6 milioni di abitanti.

I 22 giorni di bombardamenti terrestri, navali e aerei hanno visto la morte di circa 1.400 palestinesi, migliaia di feriti e ingenti danni alle infrastrutture, tra cui la distruzione di 3.540 case, 268 fabbriche e magazzini e 18 scuole.

Tredici israeliani sono stati anche uccisi nell’offensiva, di cui quattro in fuoco amico.

Il fosforo bianco, che è illegale nelle aree popolate, è stato sparato in un complesso delle Nazioni Unite centrale a Gaza City, così come in almeno altri due ospedali.

Le prime incursioni aeree hanno preso di mira una cerimonia di consegna all’aperto per cadetti all’Accademia di polizia di Arafat a Gaza City.

“Alle 11:25, aerei aerei israeliani hanno bombardato violentemente l’accademia e decine di stazioni di polizia nella Striscia di Gaza nello stesso momento”, ha detto Ayman al-Batniji, portavoce della polizia palestinese a Gaza, ha dichiarato ad Al Jazeera.

“Ero a pochi metri di distanza dalla scena in cui un certo numero di nuovi cadetti stavano provando per la cerimonia di laurea quando è stato colpito il primo colpo”, ha ricordato.

Circa 251 poliziotti sono stati uccisi nelle prime ore dell’attacco e oltre 700 feriti, compresi quelli che hanno perso le gambe e gli altri arti e non sono potuti tornare al lavoro, ha detto al-Batniji.

Tra le persone uccise c’era Tawfiq Jabber, il capo della polizia di Gaza all’epoca.

‘Israele intendeva uccidere di più’: Gaza 10 anni dopo l’ operazione PIOMBO FUSO

L’offensiva israeliana sulla Striscia di Gaza, il 27 dicembre 2008, iniziò con l’obiettivo di una cerimonia di consegna dei cadetti della polizia.

di

Palestinesi che cercano i loro parenti tra i corpi disposti fuori dall'ospedale di Shifa il 27 dicembre 2008 a Gaza City [File: Abid Katib / Getty Images]
Palestinesi che cercano i loro parenti tra i corpi disposti fuori dall’ospedale di Shifa il 27 dicembre 2008 a Gaza City [File: Abid Katib / Getty Images]

Sono passati 10 anni da quando Israele ha lanciato la sua massiccia offensiva sulla Striscia di Gaza, che ha scatenato l’indignazione globale mentre il quinto esercito più forte del mondo ha martellato la piccola enclave bloccata e i suoi 1,6 milioni di abitanti.

I 22 giorni di bombardamenti terrestri, navali e aerei hanno visto la morte di circa 1.400 palestinesi, migliaia di feriti e ingenti danni alle infrastrutture, tra cui la distruzione di 3.540 case, 268 fabbriche e magazzini e 18 scuole.

Tredici israeliani sono stati anche uccisi nell’offensiva, di cui quattro in fuoco amico.

Il fosforo bianco, che è illegale nelle aree popolate, è stato sparato in un complesso delle Nazioni Unite centrale a Gaza City, così come in almeno altri due ospedali.

Le prime incursioni aeree hanno preso di mira una cerimonia di consegna all’aperto per cadetti all’Accademia di polizia di Arafat a Gaza City.

“Alle 11:25, aerei aerei israeliani hanno bombardato violentemente l’accademia e decine di stazioni di polizia nella Striscia di Gaza nello stesso momento”, ha detto Ayman al-Batniji, portavoce della polizia palestinese a Gaza, ha dichiarato ad Al Jazeera.

“Ero a pochi metri di distanza dalla scena in cui un certo numero di nuovi cadetti stavano provando per la cerimonia di laurea quando è stato colpito il primo colpo”, ha ricordato.

Circa 251 poliziotti sono stati uccisi nelle prime ore dell’attacco e oltre 700 feriti, compresi quelli che hanno perso le gambe e gli altri arti e non sono potuti tornare al lavoro, ha detto al-Batniji.

Tra le persone uccise c’era Tawfiq Jabber, il capo della polizia di Gaza all’epoca.

“Scene indimenticabili”

Le immagini sanguinanti sono bruciate nelle menti degli agenti di polizia sopravvissuti mentre ricordano le ambulanze e le auto private che corrono verso il sito per evacuare i morti e feriti su uno sfondo di fumi e polvere crescente.

Hanadi Karsou, 29 anni, era tra la prima coorte di donne assunte come ufficiali di polizia all’epoca e l’unica ufficiale femminile presente sul posto.

“Ero nel mio ufficio quando sono iniziati gli attacchi aerei”, ha detto. “Sono andata fuori per vedere che l’intero posto stava bruciando, c’erano corpi di giovani ufficiali sul terreno, fatti a brandelli”.

“Quelle erano scene indimenticabili”, ha detto. “Studenti e bambini che corrono nelle strade piangendo … famiglie che cercano di entrare nell’accademia per vedere cosa è successo ai loro figli”.

Karsou ha detto di aver perso molti colleghi che hanno trattato la sua presenza sulla forza con rispetto. Oggi l’accademia ha più di 200 poliziotte.

Un altro ufficiale di polizia, Issa Abu Khater, era presente anche il giorno in cui l’accademia fu bombardata e richiamò alla vista il sangue e le parti del corpo lacerate nel cortile.

“Molti di loro hanno preso gli ultimi respiri di fronte a me”, ha detto.

Il 35enne ha trascorso il resto del giorno all’ospedale Shifa di Gaza, dove ha visto i suoi colleghi feriti e ha identificato i cadaveri uccisi.

“La mia famiglia stava cercando il mio corpo all’obitorio”, ha detto. “Mio fratello e mio zio mi hanno trovato e mi hanno stretto, sollevato nel vedere che ero vivo.”

Abu Khater era sotto shock e ha dovuto prendere sedativi per “assorbire gli orrori di quel giorno”.

‘Senso dell’orrore’

Gli attacchi del 27 dicembre 2008 si sono verificati una settimana dopo che le autorità egiziane hanno negoziato un cessate il fuoco tra Israele e le fazioni armate palestinesi nella Striscia di Gaza, a seguito di una breve riacutizzazione tra le due parti.

Gli attentati sono avvenuti molto vicino a un’area con edifici universitari e scuole, ha detto al-Batniji.

“Ricordo il senso di orrore che aveva prevalso tra gli studenti lì”, ha detto. “Gli aerei da guerra F-16 ei droni da ricognizione stavano sparando missili nel campo dell’accademia, e hanno persino preso di mira i poliziotti agli ingressi”, ha detto.

“Volevano uccidere di più.”

Al-Batniji ha sottolineato che il servizio di polizia, in quanto corpo civile, non era affiliato a nessuna delle fazioni palestinesi.

“Forniamo servizi civili alle persone come un modo per mantenere la sicurezza qui e per mantenere l’esecuzione della legge civile”, ha detto.

“Perché siamo stati presi di mira in questo modo? Ho perso molti dei miei amici e migliori colleghi in un batter d’occhio: è stato un giorno inquietante e non può mai essere dimenticato.”

Diversi organismi per i diritti umani hanno condannato l’attacco di agenti di polizia a Gaza durante l’offensiva.

Il Centro palestinese per i diritti umani (PCHR) ha sottolineato in un rapporto che “i 251 poliziotti non combattenti non erano membri di un gruppo armato e non partecipavano alle ostilità, il loro attacco e uccisioni volontarie costituisce una grave violazione delle Convenzioni di Ginevra” .

Il centro chiedeva che i responsabili di avevano commesso il crimine fossero indagati, processati e perseguiti in conformità con gli standard internazionali, pur riconoscendo l’improbabile probabilità che ciò accadesse.

“Se l’occupazione ci ha insegnato qualcosa, è che finché Israele riceverà l’impunità, continuerà a violare le leggi internazionali [e] i civili palestinesi continueranno a subire le terribili conseguenze”, ha detto PCHR.

L’accademia di polizia è stata ricostruita nel 2010, nuovi cadetti sono stati reclutati e un’altra generazione si è diplomata. Il numero totale di agenti di polizia nell’accademia ora conta 7.800.

Al-Batniji ha detto che dopo l’offensiva del 2008-2009, l’accademia ora riconosce che è all’interno della cerchia degli obiettivi israeliani.

“Nel decimo anniversario della guerra, il nostro messaggio al mondo è quello di separarci dal conflitto tra l’occupazione israeliana e le fazioni palestinesi”, ha detto.

Nonostante le pesanti perdite subite un decennio fa, il portavoce della polizia sostiene che l’accademia è tornata “più forte senza nulla da perdere”.

FONTE: AL JAZEERA NEWS

 

 

SONO PASSATI 10 ANNI DA QUANDO ISRAELE HA LANCIATO LA SUA MASSICCIA OFFENSIVA SULLA STRISCIA DI GAZA….

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.