“SONO STRANIERO, NON MI RICONOSCI?“ – di Nandino Capovilla

0

“SONO STRANIERO, NON MI RICONOSCI?“ Francesco non evita certo di chiamare per nome razzismo e xenofobia chiedendo invece di “andare controcorrente perché viviamo tempi in cui si diffondono sentimenti che parevano superati: sospetto, disprezzo e perfino odio verso gli stranieri”.

Anch’io ho potuto parlare al papa per dirgli “Grazie! I poveri sono nel suo cuore”. E Francesco sorridendo: “LI PORTO TUTTI!“

La World Conference della Santa Sede e del Consiglio Mondiale delle Chiese su xenofobia, razzismo e nazionalismo populista è stata coraggiosa nella denuncia: “Il razzismo crea e mantiene la vulnerabilità dei membri di determinati gruppi, negando loro i diritti e la stessa esistenza, cercando di giustificare la loro oppressione. In questo senso il razzismo è un peccato, radicalmente incompatibile con la fede cristiana”.

Parole che tanti evitano per non spaccare le comunità ma che papa Francesco rafforza: “La comune origine e il singolare legame col Creatore rende tutte le persone membri di un’unica famiglia, fratelli e sorelle non solo da rispettare ma da amare. Il mondo della politica strumentalizza le paure per miopi interessi elettorali e chi trae giovamento economico dal clima di sfiducia nello straniero sappia che un giorno di questo dovrà rendere conto di fronte a Dio”.

La mia gioia profonda di stare con papa Francesco moltiplichi impegno “controcorrente” nel suo stile di tenerezza: “La tolleranza si trasformi in amore fraterno, in tenerezza e solidarietà operativa”.

 

“SONO STRANIERO, NON MI RICONOSCI?“ – di Nandino Capovilla

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.