Sospendere l’accordo UE-Israele. Sanzioni contro Israele

2

I consoli dei 27 stati membri dell’Unione Europea a Gerusalemme e Ramallah raccomandano che l’UE imponga sanzioni su Israele, impedendo un qualsiasi sostegno finanziario agli insediamenti israeliani, incluse infrastrutture e servizi.
Manda anche tu un messaggio ai parlamentari europei chiedendo un loro impegno, in linea con le raccomandazioni dei capi missione, per l’esclusione di aziende israeliane dai programmi europei , per una legislazione nazionale che metta al bando qualsiasi impegno finanziario con gli illegali insediamenti di Israele e per la sospensione dell’Accordo di Associazione UE-Israele come chiesto nella recente lettera di 23 europarlamentari.

http://www.change.org/it/petizioni/sospendere-l-accordo-ue-israele-sanzioni-contro-israele

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

2 Commenti

  1. Ritengo che sia molto importante un intervento da parte dell’Unione Europea per costringere Israele a sospendere gli insediamenti illegali in Palestina ed a rispettare finalmente le risoluzioni dell’ONU, cosa che Israele non ha mai fatto.

  2. Non si tratta di costringere Israele a un bel niente.
    Qui occorre suscitare la coscienza di israele, perchè costringere è sinonimo di violenza, mentre il dialogo,la preghiera e la testimonianza sono gli unici strumenti da usare.
    Israele ha subito tanto in passato e non riesce a cogliere che lo stesso sta facendo con i palestinesi, ma se non usiamo la dialettica, la mediazione, la comprensione per entrambi i contendenti, gli strumenti della conciliazione e delle semplici manifestazioni pacifiste, ci allontaneremo dalla pace.
    Anche io sono preoccupato dall’intransigenza israeliana, ma qualsiasi azione che non passi da loro è peggiorativa delle condizioni del popolo palestinese.
    E’ sulla coscienza che bisogna agire.
    Rispetto Israele e prego Dio che si trovi una soluzione alla questione e sono certo che non vi arriveremo con le armi.
    Possiamo solo parlare della cosa, parlarne tanto in modo da far si che ne parlino anche loro, perchè parlando, prima o poi, ci si incontra, si litiga ma c’è un contatto.
    Sono stato in Palestina e sono stato in Israele e prego perchè entrambe le fazioni trovino una soluzione … devono farlo loro, come libera scelta, per il loro benessere e per la loro vita senza intrusioni esterne.
    La pace si fa in due e la si deve VOLERE in due.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.