“Stato, quale Stato?”. I libanesi insieme con solidarietà e rabbia

0
341

tratto da: INVICTA PALESTINA

Volunteers clean the streets following Tuesday’s blast in Beirut’s port area, Lebanon August 5, 2020. REUTERS/Mohamed Azakir

“Non possiamo sopportare più di questo. L’intero sistema se ne deve andare.”

Fonte: English Version

AFP-JIJI – 6 agosto 2020

Immagine di copertina:  volontari puliscono le strade mercoledì dopo l’esplosione di martedì nella zona del porto di Beirut. | REUTERS

BEIRUT – In assenza di un’operazione di pulizia organizzata dallo stato, mercoledì negli amati quartieri dei bar di Beirut centinaia di giovani libanesi hanno lasciato  le birre per le scope, per spazzare via i detriti  provocati dalla mortale esplosione.

“Quale Stato?”  chiede con derisione Melissa Fadlallah, 42 anni, una volontaria che ripulisce il quartiere di Mar Mikhail, duramente colpito.

L’esplosione,  avvenuta a poche centinaia di metri di distanza nel porto di Beirut, martedì ha fatto saltare tutte le finestre e le porte dei pub, dei ristoranti e dei condomini di Mar Mikhail.

Già mercoledì era in corso un’operazione di pulizia spontanea, un barlume di giovane solidarietà e di speranza dopo una notte devastante.

Indossando guanti di plastica e una mascherina, Fadlallah  stacca un frammento di vetro lungo tanto quanto il suo braccio dalla porta dell’edificio amministrativo della compagnia elettrica statale che incombe sul distretto.

“Per me, questo Stato è spazzatura  – e per conto delle vittime di ieri, la  spazzatura  che li ha uccisi rimarrà spazzatura “, ha detto.

L’esplosione ha ucciso oltre 130 persone, ne ha ferite migliaia e  ha esacerbato la rabbia popolare contro un governo visto come corrotto e inefficiente che era sfociata nelle proteste dell’anno scorso.

“Stiamo cercando di riparare questo Paese. Ci abbiamo provato per nove mesi, ma ora lo faremo a modo nostro “, ha detto Fadlallah.

“Se avessimo avuto un vero Stato, sarebbe stato in strada dalla notte scorsa a pulire e a lavorare. Dove sono loro?”

Si sono visti alcuni operatori della protezione civile mentre esaminavano le strutture degli edifici, ma il loro numero era di gran lunga inferiore rispetto ai giovani volontari che  hanno invaso le strade per dare aiuto.

In piccoli gruppi, hanno spazzato energicamente i frammenti di  vetro da sotto gli edifici saltati  in aria,  riponendoli in sacchetti di plastica.

A Beirut la gente ripulisce dopo l’esplosione. | AP

Altri salgono per le scale cosparse di detriti per offrire le loro case ai residenti che hanno trascorso la notte  all’aria aperta.

“Stiamo inviando persone nelle case danneggiate degli anziani e dei portatori di handicap per aiutarli a trovare una sistemazione  per stasera”, ha dichiarato Husam Abu Nasr, un volontario di 30 anni.

“Non abbiamo uno Stato che si occupa di ciò, quindi abbiamo preso le cose nelle nostre mani”, ha detto.

Le città di tutto il Paese si sono offerte di ospitare le famiglie di Beirut le cui  case sono state danneggiate e il patriarcato cattolico maronita ha annunciato che avrebbe aperto i suoi monasteri e le sue scuole religiose a coloro che avevano bisogno di un riparo.

Anche il cibo è stato rapidamente fornito: in poche ore sono stati allestiti tavoli di plastica carichi di bottiglie d’acqua, panini e snack, tutto frutto di  donazioni.

“Non posso aiutare trasportando cose, quindi abbiamo portato cibo, acqua, cioccolato e supporto morale”, ha detto Rita Ferzli, 26 anni.

“Penso che tutti dovrebbero essere d’aiuto qui, specialmente i giovani. Nessuno dovrebbe stare seduto a casa – anche un sorriso in questo momento può aiutare. ”

I titolari di attività pubblicano sui social media offerte per riparare gratuitamente porte, dipingere pareti danneggiate o sostituire finestre rotte.

Abdo Amer, proprietario della  vetreria Curtain Glass, ha dichiarato di essere  stato spinto a fare  una simile offerta dopo essere sopravvissuto all’esplosione per questione di attimi.

” Ero venuto  dal porto appena tre minuti prima”, ha detto il 37enne.

Si è offerto di sostituire le finestre a metà prezzo, ma  dice che ne sta riparando alcune gratuitamente data la devastante situazione economica in cui molte famiglie si trovano a seguito della  severa svalutazione della valuta libanese negli ultimi mesi.

“Oggi ho ricevuto più di 7.000 telefonate e non riesco a tenere il passo”, ha detto il padre di quattro figli.

“Pensi che lo Stato farebbe  questo lavoro? Che si dimettano, e se ne vadano. ”

L’indignazione nei confronti del governo è palpabile tra i volontari, molti dei quali hanno incolpato i funzionari del governo per non aver rimosso il materiale esplosivo lasciato nel porto per anni.

“Sono tutti seduti sulle loro poltrone, mentre le persone si logorano per strada”, ha detto Mohammad Suyur, 30 anni, mentre  aiuta a sgombrare i detriti.

“L’ultima cosa al mondo a cui tengono è questo Paese e le persone che vi vivono.”

Dice che gli attivisti si stanno preparando per  riaccendere il movimento di protesta lanciato a ottobre.

“Non possiamo sopportare più di questo. L’intero sistema se ne deve andare. Questo è. ” ha detto.

 

Trad: Grazia Parolari “contro ogni specismo, contro ogni schiavitù” –Invictapalestina.org

“Stato, quale Stato?”. I libanesi insieme con solidarietà e rabbia

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.