Storie da Gaza: “Tutto quel che avevamo è andato distrutto negli attacchi”

Evidenza Storie da Piombo Fuso. Storie sotto occupazione – 17/4/2013

 immagine1

Gaza – Pchr. Nel corso della recente offensive israeliana sulla Striscia di Gaza, l’operazione Colonna di Nuvole (14-21 novembre 2012), le forze israeliane hanno attaccato strade, case familiari e edifici civili in zone densamente abitate, causando feriti e vittime tra i civili, e massicce distruzioni di proprietà civili. 127 edifici civili sono stati completamente distrutti, altri 153 hanno riportato danni ingenti e più di 600 case hanno subito danni di minore entità.

Nella notte di domenica 18 novembre 2012, attorno all’1:50, durante il lancio di missili non esplosivi di avvertimento, quattro furono sparati sul quartiere di case popolari di quattro piani di Beit Lahiya, nel nord della Striscia di Gaza, e 10 minuti più tardi un edificio venne completamente distrutto da un attacco aereo. Nell’attacco, altre cinque case furono distrutte e altre 6 vennero gravemente danneggiate.

Youssif Hassan Khalil Balousha, 56 anni, ricorda quei momenti: “Nella notte dei fatti stavo dormendo, con altri 11 membri della mia famiglia, nella nostra casa. Verso l’1:45 il mio figlio maggiore bussò alla porta di camera mia, svegliandomi. Mi disse che la casa dei nostri vicini era stata colpita dai razzi di avvertimento. Decidemmo così di evacuare al più presto, temendo di essere attaccati. Pensai di mandare la mia famiglia lì vicino, da mio fratello, la cui casa di cemento avrebbe offerto maggior sicurezza della nostra, col tetto di amianto”.

“Quando ci fu l’attacco mi trovavo nell’ingresso di casa con uno dei miei figli e un mio nipote. Si sentì una specie di forte terremoto, e alcuni detriti ci caddero addosso. L’impatto dell’attacco mi fece svenire e mi portarono all’ospedale, non ricordo quei momenti. Verso le 3:00 i medici, all’ospedale, riuscirono a svegliarmi: arrivò mio figlio e mi disse che la nostra casa era stata distrutta. Ero sconvolto, non potevo crederci. Alle 5:00 venni dimesso dall’ospedale, mandai alcuni membri della mia famiglia a casa di mio genero mentre gli altri trovarono ospitalità presso alcuni vicini, le cui case erano state risparmiate dagli attacchi.

immagine2

Il mattino seguente Youssif e i suoi figli verificarono i danni: “Fu un incubo: tutto quel che avevamo – le nostre cose, i vestiti, i mobili – era stato distrutto negli attacchi. Il duro lavoro della mia famiglia svanì in poche ore, fu estremamente doloroso. Era la prima volta che la mia proprietà subiva un attacco, in precedenza avevo solo sentito quanto accaduto agli altri. Quando mi resi conto che avrei dovuto ricostruire tutto, mi sembrò ingiusto: è ingiusto”.

Youssif e la sua famiglia hanno trovato con difficoltà un’altra abitazione, come egli ci spiega: “Quando la guerra finì, i miei figli ed io ci mettemmo a cercare un posto in cui poter vivere di nuovo insieme, ma non riuscimmo a trovare il posto giusto. Ora abitiamo in un appartamento a Beit Lahiya, ma è molto scomodo. Non posso permettermi un appartamento più grande in quanto sono disoccupato, l’unico di noi ad avere un salario è mio figlio. Fa l’operaio in un’officina in cui si lavora l’alluminio, ma guadagna solo 10 shekel (2,10 euro) al giorno. Dopo la guerra, per poter comprare l’indispensabile per la mia famiglia ho dovuto chiedere dei prestiti a diverse persone della comunità. Viviamo in condizioni disastrose. Questo mese non ce l’ho fatta a pagare l’affitto, e il padrone di casa ha già minacciato di sfrattarci se non lo paghiamo al più presto”.

Dopo l’aggressione, l’Agenzia delle Nazioni Unite per il Soccorso e l’Occupazione dei profughi palestinesi nel vicino oriente (Unrwa) ha valutato i danni della casa di Youssif: “Mi hanno detto che per ricostruire la casa ci vogliono 10.440 $: ma non mi posso permettere tale spesa. Abbiamo ricevuto coperte e materassi dalla Croce rossa internazionale, e del cibo da altre organizzazioni di soccorso. Dal governo ho avuto solo 700 $, che ovviamente non bastano. Ogni domenica vado all’ufficio dell’Unrwa a Jabaliya, per sapere quando la mia casa verrà ricostruita”.

immagine3

In quanto potenza occupante della Striscia di Gaza, Israele deve rispettare gli obblighi derivanti dalla sottoscrizione e dalla ratifica dei trattati e dei patti internazionali sui diritti umani. In base al diritto umanitario internazionale, e nello specifico in base all’articolo 53 della Quarta convenzione di Ginevra del 1949, qualsiasi distruzione causata dalla potenza occupante a proprietà immobiliari o personali appartenenti individualmente o collettivamente a dei privati, allo Stato, o ad autorità pubbliche, o a organizzazioni cooperative o sociali, è proibita, a meno che essa non sia resa assolutamente necessaria da operazioni militari. L’articolo 147 della Quarta convenzione di Ginevra afferma che la distruzione diffusa di tali proprietà protette, non giustificata da necessità militari, infrange il diritto umanitario internazionale. Inoltre, l’articolo 8 (2)(b)(iv) dello Statuto di Roma della Corte penale internazionale considera crimine di guerra ogni attacco sferrato nella consapevolezza che esso possa causare perdite di vite o ferimento di civili, danneggiare oggetti civili, danneggiare diffusamente, in modo grave e a lungo termine l’ambiente naturale, dimostrandosi eccessivo in relazione al concreto e diretto vantaggio militare complessivo atteso.

Ancora, sferrando attacchi su aree densamente popolate della Striscia di Gaza, e causando la distruzione di abitazioni civili, Israele vìola il diritto a un alloggio adeguato, stabilito, tra l’altro, dall’articolo 11(1) dal Patto internazionale sui diritti economici, sociali e culturali.

Traduzione per InfoPal a cura di Stefano Di Felice

 

© Agenzia stampa Infopal
E’ permessa la riproduzione previa citazione della fonte “Agenzia stampa Infopal – www.infopal.it”

 

http://www.infopal.it/storie-da-gaza-tutto-quel-che-avevamo-e-andato-distrutto-negli-attacchi/

Contrassegnato con i tag: , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam