TEL AVIV, RIPRENDE LA PROTESTA SOCIALE

A quasi due mesi dall’ultima grande manifestazione, gli “indignados” israeliani tornano stasera in piazza. Speranze per la nuova fase che il movimento sta affrontando.

GIORGIA GRIFONI

Tel Aviv, 29 ottobre 2011, Nena News- Democrazia, giustizia sociale, diritti umani. Slogan che si sono succeduti per mesi nelle strade di Tel Aviv, durante l’estate degli “indignados” israeliani. Con mezzo milione di persone scese in piazza durante l’ultima grande manifestazione del 4 settembre scorso, hanno dimostrato al Governo che loro ci sono, e che si aspettano un cambiamento. Netanyahu ha a malapena risposto con un rapporto sull’economia, e ha fatto sì che un evento di grande spessore come la liberazione di Gilad Shalit distogliesse l’attenzione dalle proteste. All’alba di una nuova, grande manifestazione nazionale, viene da chiedersi se la protesta stia andando veramente nella direzione in cui la si immaginava.

“No. Mi aspettavo più democrazia –confessa Stav Shaffir, 26 anni, una dei leader del movimento J14-ci si aspetta che, dopo aver portato in piazza mezzo milione di persone su una popolazione di 7 milioni, il giorno dopo si veda il cambiamento. Ma non succede nulla. Nonostante quello che tu faccia, non hai alcuna influenza sul potere. Questo è molto deprimente. E non è vera democrazia”. Si riferisce alle risposte quasi nulle del Governo. Il rapporto Trajtenberg che, pur avendo annunciato grandi tagli al budget militare, non offre una reale soluzione ai problemi che sono al cuore della protesta. “Cos’è un rapporto?- si chiede Stav- E’ come fare un rapporto sulla situazione dei cetrioli in Polonia: non c’è alcun obbligo di cambiare la situazione. Sembra professionale, fa un buon ritratto dei problemi del paese, ma non propone alcuna soluzione. Non possiamo semplicemente andare a casa dopo il rapporto”.

Se Stav non è contenta delle dinamiche apparentemente lente di un movimento di contestazione, al capo sud della città -una zona che sicuramente non è splendente come il Boulevard Rotschild dove le proteste sono inziate- Shula Keshet, attivista da una vita, guarda con ottimismo al movimento. “Sono soddisfatta di molte cose –annuncia Shula- ma principalmente della nostra influenza nel movimento”. “Nostra” si riferisce alla tendopoli che lei ha messo in piedi nel parco Levinsky, quartiere Neve Sha’anan, uno dei più poveri della città: qui, di bianchi Ashkhenazi come i ragazzi di Rotschild se ne vedono pochi. Ebrei Mizrahi, Etiopi, Palestinesi, rifugiati politici, immigrati provenienti dall’Africa, barboni e drogati: è questo il calderone nel quartiere, per un totale di problemi che vanno ben oltre gli alti costi degli alloggi nel centro-nord della città. “Qui-spiega Shula- la questione non è se potersi permettere di pagare 5.000 shekel o meno: qui c’è gente che non arriva a 1000 shekel al mese. C’è gente che combatte contro la discriminazione, la povertà, l’occupazione culturale e il dislivello economico con la comunità privilegiata  d’israele, e cioè gli Ashkenazi”.

E’ stata l’istituzione del campo Levinsky a dare impulso a tutta una serie di tendopoli nel paese. Un’ardua impresa, le quattro volte in cui è stato smantellato dall’esercito. E tenacemente rimesso in piedi. “Quando hanno smantellato tutte le tendopoli, un paio di settimane fa –continua Shula- il sindaco Ron Huldai ha deciso di tenere anche in piedi solo quelle di Giaffa e Ha-Tiqva perché lì c’erano molti senzatetto. Gli ho ricordato che anche a Levinsky era così: ha risposto che qui non ci sono ebrei. Io sono l’unica persona che ha avuto una multa dal comune per aver piantato la propria tenda durante le proteste:  Daphni Leef sicuramente non dovrà pagare 475 shekels come me”. A parte le difficoltà e la discriminazione subita, Shula è contenta che il suo gruppo abbia aderito al movimento: “Ci ha dato molta visibilità, e noi abbiamo insegnato molto ai ragazzi di Rotschild: adesso anche loro capiscono e si identificano con la nostra protesta contro la discriminazione. E’ facile per loro dire: siamo tutti uguali, ma non lo siamo. Certo, possiamo essere solidali l’uno con l’altro, ma se io sono una donna mizrahi indigente, non sono uguale a una donna ashkenazi della classe media. Questa discriminazione si vede anche nella protesta stessa: il Governo decide a chi dare l’autorizzazione per mettere un enorme palco in piazza, e chi arrestare semplicemente perchè cammina sull’erba nel parco Levinsky. Stiamo educando il movimento”.

Nonostante anche Stav Shaffir dichiari che “la protesta, e in particolare un semplice bisogno come quello di avere un tetto sulla propria testa, ha unito tutte le comunità del paese e ha permesso loro di trovare un terreno comune”- rimangono comunque molti interrogativi. Uno di questi è la presenza di non-Ashkenazi tra i cosiddetti “leader” del J14. “Abbiamo proposto ai leader- spiega Shula- di aggiungere anche una nostra rappresentanza, per avere un’effettiva uguaglianza sul piano organizzativo. Ma dai vertici del movimento non è arrivata alcuna risposta. Con i media che si concentrano solo sui manifestanti della classe media, la discriminazione si ripropone su più livelli. In che tipo di cambiamento puoi sperare se gioà dall’inizio hai questa gerarchia? Questa non è una rivoluzione, ma una copia della classe dirigente israeliana: non vogliono cedere i loro privilegi”. Si sentono ignorati dagli altri manifestanti sotto questo punto di vista? “Questo è peggio che ignorare- dichiara Shula- è usare la nostra situazione, la nostra povertà per parlare al posto nostro. Non vogliono un’equa rappresentazione. E’ terribile, perché il fatto di essere considerati così tanto dai media da’ loro molto potere. Certo, sono interessata a quello che hanno da dire, ma ci sono anche altre voci: che si facciano un po’ da parte”.

Nonostante questo dislivello rappresentativo, Stav Shaffir ci tiene a rassicurare sui veri obiettivi del movimento: “Dobbiamo ricostruire una società israeliana basata sull’uguaglianza e sulla giustizia sociale. Bisogna ristabilire la solidarietà tra le diverse comunità. In Israele ci sono molti conflitti, non solo quello con i Palestinesi. Tra le classi sociali, tra gli ebrei di diversa provenienza, tra gli ortodossi e i laici. Bisogna ricostruire i ponti che ci legano”. Ma in questo trionfo di solidarietà e diritti base, qual è il posto dei palestinesi che vivono sotto occupazione israeliana? “Bisogna capire- precisa Stav- che questa è una società post-traumatica. La gente si sveglia al mattino e si chiede chi li attaccherà, se l’Iran o i Palestinesi. Io stessa, a volte, ho paura di prendere l’autobus. E’ un conflitto che sta andando avanti da troppo tempo, e non ci sarà soluzione se la società resta divisa”. Cominciare dalle fondamenta per poi arrivare al tetto: così la vede Stav. Shula la pensa diversamente: “Credo che dovremmo lottare per tutte le questioni, non prima una e poi l’altra. C’è un nesso, secondo me, tra il dire che i Palestinesi sono il nemico e il nostro comportamento verso gli ebrei che non sono Ashkenazi. Il mio gruppo, che va aldilà del gruppo Levinsky, lavora anche con i Palestinesi, soprattutto con le donne. Vedo l’occupazione nei confronti dei palestinesi e vedo anche l’occupazione nei miei confronti. Credo sia tutto connesso”.  C’è chi la pensa in maniera completamente diversa: “Ci sono molte persone all’interno del J14-spiega Nadav Franckovich, 30 anni, attivista nel movimento-  che dibattono sulla possibilità di affrontare pubblicamente il tema dell’occupazione e delle colonie: molti sono d’accordo sul il fatto che non c’è giustizia sociale senza giustizia per i palestinesi nei territori occupati. Ma l’occupazione non finirà a causa di un movimento interno. C’è bisogno di una grande pressione dall’esterno. I coloni stanno aspettando che qualcuno in questo movimento dica apertamente che è contro l’occupazione e le colonie: così morirà. Verrà tacciato di antisionismo e quasi tutti lo abbandoneranno”.

Le opinioni sono divise anche sull’evoluzione del movimento. C’è chi pensa che debba trasformarsi in partito, per poter veramente sfidare il potere. “I sondaggi indicano –spiega Nadav- che un partito sulla base del movimento penderebbe il 25% dei voti. Molti dei voti verrebbero dai tradizionali sostenitori di alcuni partiti di destra, come il Likud e lo Shas, che si sono avvicinati al movimento in un secondo momento e sentono molto il peso del caro affitti”. Anche Shula pensa che sia una buona idea: “Credo che sia una buona opzione. Ma per essere veramente un partito di giustizia sociale, chiedo che ci sia un’equa rappresentanza tra tutte le comunità”.  Stav però non è d’accordo: “Penso che un partito sia qualcosa che escluda la democrazia. Molti dei ministri che ho incontrato mi hanno detto che per cambiare veramente le cose, dovrei entrare nella Knesset. Ma loro dovrebbero farmi sentire come se io avessi un certo potere, in quanto cittadina. Dov’è il ruolo del popolo? Si tratta solo di pagare le tasse e fare il servizio militare, senza ricevere nulla in cambio?”

A chi è depresso perché non vede un cambiamento immediato risponde Shula. “Un giorno Vicki Shiran, una grande attivista femminista mizrachi mi ha detto: sai, a volte la gente si arrende perché non vede il cambiamento nel momento in cui sta lottando. Ma lottare è come grattare un muro con le unghie: piano piano fai un buco. E alla fine il muro crolla”. Nena News

 

http://nena-news.globalist.it/?p=13963

 

Contrassegnato con i tag: , , , , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam