Tent of Nations Italia: newsletter n.22 – settembre 2021

0
212
Newsletter Nr. 22
Tent of Nations: la fattoria di Daoud Nassar accoglie ospiti in viaggio da ogni parte del mondo: pellegrini in visita e volontari. Questi possono collaborare per realizzare lavori utili all’agricoltura e alla ristrutturazione, per affiancare la gestione del summer camp dedicato ai ragazzi in estate e, durante l’anno, per sostenere i progetti di sviluppo nei confronti delle donne locali. Con l’aiuto dei volontari, la famiglia Nassar supporta coloro le cui vite sono in difficoltà a causa delle grandi difficoltà di quei luoghi. Ogni persona impara, condivide e cresce, aprendo così la propria mentalità a nuove prospettive. Un circolo virtuoso di relazione!
Carissimi tutti,
il periodo estivo in fattoria è stato molto impegnativo e l’autunno alle porte porta con sé molti progetti e lavori da realizzare. Daoud ci racconta tutto nel suo messaggio, buona lettura! Segue italiano
Dear Friends of Tent of Nations,

I hope this message finds you well and in good health amid these challenging times. Here in Palestine, the political situation is becoming more difficult following the latest events. The continuous expansion of Israeli settlements across the West Bank and the construction of the wall, left the Palestinians with little hope for a better future. The tunnel is becoming darker and darker, and the light is slowly disappearing. We are moving towards an unclear future pushing mainly the young and educated Palestinian generation to leave and look for a better future somewhere else. Where do we go from here, is there still some hope?! A question that remains without an answer.The Israeli settlements surrounding the Tent of Nations/Nassar farm are expanding. From sunrise until sunset, we hear the noises of trucks, bulldozers, and concrete lorries changing the landscaping and building homes on Palestinian land for new Israeli settlers. The continuation of the settlement’s expansion is making it more difficult if not impossible for the Palestinians to have their own state.Our land re-registration process is still on hold. Our lawyer has officially informed the military authority on Tuesday, September 7th that he will be appealing within three days to the Supreme Court to push the military authority to complete the process of re-registration. Within two days, the military authority responded and set December 13th of this year to continue with the process of re-registration. We hope that this date will not be pushed back.We are very thankful for all of our friends who stood by our side, signed the petition, and sent letters to their representatives. This pressure is indeed making a difference. We are very appreciative of your solidarity and support on our long journey for justice.

This year has been very challenging for the Tent of Nations. We have experienced high-scale damages on the farm caused by some locals from the neighboring village who claim that part of our land belongs to them. We are still traumatized by the recent outbreak of the fire, which was intentionally started. Over 1000 trees were burned entirely, among them were 200 producing almond trees, which brutally affected our almond harvest this year and caused us to lose 80% of the yearly production. We have also lost 350 grape trees to the fire, another 250 grape trees were damaged by locals in February, and some grapes were stolen in August three weeks before the harvest. We had about 15% of grapes left from the total amount the farm is normally producing. Unfortunately, we did not have enough to make wine this year, so we decided to make grape syrup instead.
We have also lost 450 olive trees to the fire, about 50% of the yearly production. This is not looking good for our olive harvest this October. Another big loss!
On the other hand, the fig harvest this year was very good, the trees produced many figs. We ate some, we gave some away, we dried some, and the rest was used for making jam.

It was hard for us to stand up again after these incidents, but we decided to rise from the ashes and replant more trees as a sign of hope for the future. We started to repair the burnt plots and already planted 170 new grape trees. We developed an irrigation system to water those trees twice a day pumping out the water from the cisterns. We still have to water them daily until the first rain comes, hopefully in November. Thanks must go to our friends who are contributing to repairing the damages caused by the fire and to replanting new trees. We hope to plant more trees before the end of this year.

Despite the current circumstances, we continued to develop the infrastructure on the farm. We are still facing some issues with our Solar System. We have successfully installed a 24 set of new batteries, but the system is not producing at its full capacity, which leaves the batteries unable to be fully charged. After examining the situation, electrical engineers informed us that there is a problem with one of the inverters that needs to be replaced. Some solar panels need also to be changed, and the whole system needs to be upgraded. It is a big project, we hope to be able to do that before the winter season.

In the last few months, the Tent of Nations hosted visiting groups and delegations who came to learn about our story of Sumud. In January, we welcomed the Catholic Patriarch of Jerusalem along with a small delegation. In March, we welcomed the UK Consul with a small delegation from the UK consulate in Jerusalem. In April, we welcomed the Swiss Consul with a delegation from the Swiss Consulate in Ramallah and a small delegation from the German Consulate in Ramallah. In May, we hosted the Dutch Consul with a small delegation. In June, we hosted a group of 25 people from Germany working on German Development projects and other NGOs in Ramallah. During the month of July, we had 14 Diplomats from the European Consulates come for a briefing about the Tent of Nations. We also welcomed local groups from the Bethlehem area, teachers, and young people from refugee camps.
We were also very happy to host local and international volunteers on the farm. Even in the mid of the Corona crisis, those volunteers were determined to help us, which was a source of strength for us and a reminder that we are not alone in this struggle. Some stayed for one day and others between two and three weeks. We hope to host more volunteers to help with our olive harvest, which is approaching.

Our path is full of obstacles, but we need to keep looking forward. We hope to empower more people through the message of Tent of Nations and to encourage them to share it with others. We hope to invite more people to come and see and go back home and tell the story of what they have seen in their own creative ways; whether through writing, photographs, short videos, documentaries, music, research, or organizing visual tours.

We are determined to continue this path of Sumud without giving up. We know the burden is heavy to carry, but still, we need to look forward and focus on our vision.
Thank you for accompanying us on this narrow path and for all your support and solidarity.
The journey continues with faith, love, and hope in action.

Blessings and Salaam,
Daoud

Cari amici di Tent of Nations,

spero stiate bene e in salute in questi tempi difficili. In Palestina la situazione politica si fa più aspra a seguito degli ultimi avvenimenti. L’espansione delle colonie israeliane e la costruzione del muro lasciano ai palestinesi poche speranze per un futuro migliore. Il tunnel sta diventando sempre più buio e la luce si affievolisce. Il nostro futuro non è chiaro e i giovani palestinesi istruiti tendono a partire per cercare altrove una vita migliore.
Dove stiamo andando, c’è ancora speranza?! La domanda resta senza risposta.

Gli insediamenti che circondano la fattoria Tent of Nations si stanno espandendo. Dall’alba al tramonto, sentiamo rumori di furgoni, bulldozer e camion colmi di cemento che costruiscono case per nuovi coloni israeliani su terra palestinese cambiando il paesaggio. La costante espansione delle colonie sta rendendo impossibile avere uno stato palestinese.

Il nostro processo di ri-registrazione della terra è ancora sospeso. Martedì 7 settembre il nostro avvocato aveva informato ufficialmente l’autorità militare che se entro tre giorni non avesse sbloccato la situazione avrebbe fatto ricorso alla Corte Suprema per sollecitare l’autorità militare a completare l’iter di ri-registrazione. Dopo due giorni, l’autorità militare ha fissato una nuova convocazione per proseguire il processo il prossimo 13 dicembre. Speriamo non posticipino ulteriormente.

Siamo molto grati a tutti gli amici rimasti al nostro fianco, per aver firmato la petizione e inviato lettere ai loro rappresentanti. Questa pressione sta davvero facendo la differenza. Apprezziamo molto la solidarietà e il sostegno nel nostro lungo viaggio per la giustizia. (attività seguite dai sostenitori in America)

Quest’anno è stato davvero impegnativo per Tent of Nations. Abbiamo subito gravi danni causati da alcuni abitanti del villaggio vicino che affermano di essere proprietari di una parte della nostra terra. Siamo ancora traumatizzati dal recente incendio doloso. Oltre 1000 alberi sono stati completamente bruciati, danneggiando brutalmente il raccolto: abbiamo perso 200 mandorli, circa l’80% della produzione annuale. Nell’incendio, abbiamo perso anche 350 viti e altre 250 erano state danneggiate da qualcuno che si era introdotto a febbraio e, in agosto a 3 settimane dalla vendemmia, alcune uve sono state rubate. Abbiamo raccolto il 15% di uva rispetto a quanto produciamo normalmente: non abbastanza per fare il vino, quindi abbiamo realizzato lo sciroppo d’uva.
Dall’incendio, abbiamo perso anche 450 olivi, circa il 50% della produzione annua. Non andrà bene la raccolta delle olive in ottobre. Un’altra grande perdita!
D’altra parte invece, la raccolta dei fichi è stata ottima, gli alberi hanno avuto molti frutti. Un po’ li abbiamo tenuti per noi, un po’ li abbiamo regalati e una quantità l’abbiamo usata per fare i fichi secchi e la marmellata.

Per noi, è stato difficile rialzarci dopo queste disgrazie, ma abbiamo deciso di rinascere dalle ceneri e ripiantare alberi come segno di speranza. Abbiamo iniziato a sanare gli appezzamenti bruciati e abbiamo piantato 170 nuove viti. Abbiamo realizzato un sistema di irrigazione, recuperando l’acqua piovana dalle cisterne, per innaffiare i nuovi alberi. Perché rimangano in vita, dobbiamo innaffiarli ogni giorno fino all’arrivo della prima pioggia, spero sia novembre. Un grazie di cuore ai nostri amici che ci stanno aiutando a riparare i danni post incendio e a ripiantare nuovi alberi. Speriamo di piantarne molti prima di fine anno.

Nonostante le circostanze attuali, abbiamo continuato a riparare le infrastrutture della fattoria. Stiamo ancora cercando di risolvere i problemi con i nostri pannelli solari. Abbiamo installato 24 batterie nuove, ma il sistema non funziona bene, le batterie non si caricano completamente. Dopo un’analisi, gli ingegneri ci hanno informato che il problema è in uno degli inverter da sostituire. Alcuni pannelli solari devono essere cambiati e l’intero sistema deve essere riparato. Il progetto è grande, spero di riuscire a sistemare tutto prima dell’inverno.

Negli ultimi mesi, Tent of Nations ha ospitato delegazioni venute a conoscere la nostra storia di “Sumud” (Resilienza, in arabo).
In gennaio abbiamo accolto il Patriarca cattolico di Gerusalemme (padre Pizzaballa).
In marzo abbiamo accolto il Console del Regno Unito.
In aprile sono stati qui il Console svizzero e tedesco.
In maggio abbiamo ospitato il Console olandese.
Tutti erano accompagnati dalle loro delegazioni di rappresentanza presenti in Terra Santa.
A giugno abbiamo ospitato un gruppo di 25 persone dalla Germania che lavoravano per progetti solidali e per altre ONG.
A luglio abbiamo avuto 14 diplomatici del Consolato Europeo, ai quali abbiamo raccontato il progetto Tent of Nations e la nostra situazione. Abbiamo anche accolto gruppi locali di Betlemme: insegnanti e giovani dei campi profughi.
Siamo molto felici di aver ospitato volontari locali e internazionali nella fattoria. Anche nel periodo di Covid, i volontari si sono dimostrati determinati ad aiutarci: per noi è stata una fonte di forza e ci ha ricordato che non siamo soli in questa lotta. Alcuni sono rimasti un giorno e altri per alcune settimane. Speriamo di ospitare ancora volontari durante il periodo della vicina raccolta delle olive.

Il nostro percorso è pieno di ostacoli, ma guardiamo avanti. Speriamo di incoraggiarvi con questo messaggio e vi chiediamo di condividerlo. Speriamo di ospitare più persone affinché vengano qui a vedere e tornino a casa a raccontare quello che hanno visto, in qualsiasi modo creativo: attraverso la scrittura, fotografie, video, documentari, musica e anche tramite l’organizzazione di tour virtuali in fattoria.

Siamo determinati a continuare questo percorso di Sumud (Resilienza) senza arrenderci. Sappiamo che il fardello da portare è pesante, ma guardiamo avanti e rimaniamo concentrarci sulla nostra visione.
Grazie per averci accompagnato in questo stretto sentiero e per tutto il vostro sostegno e solidarietà.
Il viaggio continua con atti di fede, amore e di speranza.

Benedizioni e Salaam,
Daoud Nassar

Il periodo estivo di Tent of Nations Italia:
  • prima della chiusura scolastica, ho potuto contribuire alla realizzazione di un progetto didattico di storia e religione per le scuole medie con 6 incontri in 2 scuole: circa 100 studenti, tra i 12 e i 13 anni, hanno conosciuto la storia della famiglia Nassar e i loro progetti inter-culturali e di dialogo in un contesto di occupazione militare e hanno ascoltato la testimonianza di come anche una singola persona può “essere ponte” tra l’Italia e una fattoria tanto lontana. Il messaggio lasciato loro è stato quello di non sentirsi mai troppo piccoli, impauriti o indifferenti rispetto i grandi temi come quello sulla Pace. L’invito ai ragazzi è stato quello di non rimanere chiusi in se stessi, perché si negherebbero la possibilità di maturare come individui e come comunità (intesa come famiglia, scuola, amicizia), sono stati stimolati a non alienarsi su quello che accade attorno a loro, invitandoli a “fare qualcosa assieme”… non importa cosa: studiare, giocare, fare esperienze nuove, buttarsi, chiedere e dare aiuto… sono tutti esercizi fondamentali da attuare a qualsiasi età per diventare persone migliori.
  • Prima della chiusura dell’anno accademico, ho partecipato a una conferenza promossa dalle facoltà umanistiche della Sapienza di Roma come portavoce di Daoud. Ho portato la mia personale testimonianza rispetto il contesto dell’occupazione in Area C del West Bank e il progetto Tent of Nations Italia. Ho raccontato come sono diventata la referente della fattoria Nassar per l’Italia. Ho fatto un’analisi sulle attività realizzate per Daoud e sulla mediazione a supporto della sopravvivenza della fattoria, focalizzando l’attenzione sul tipo di network e l’interesse creato nei confronti di questa piccola realtà cristiana palestinese. Ho riportato il potente messaggio di Relazione e Dialogo che viene attuato attraverso attività della vita contadina. I relatori della conferenza erano un responsabile di Assopace Palestina e politico del parlamento europeo, il portavoce di Amnesty International e un docente dell’università Cattolica di Milano. È stato importante parlare agli universitari che, proprio in questi anni, stanno facendo le loro prime scelte da adulti che porteranno a definire la loro sensibilità e il loro agire anche in grandi tematiche come quella israelo-palestinese e i diritti umani.
  • Da aprile ad oggi, tramite le donazioni e un’attività sportiva, sono stati raccolti e inviati a Daoud € 765. Grazie di cuore all’Associazione Liber ODV, a Francesca, Marta, Anna Maria, Lucio e Alessandra!
Le normative di viaggio per terra Santa dall’Italia sono ancora restrittive: non ci sono possibilità di partire per persone che viaggiano sole. Rimangono ammessi solo i tour organizzati con un massimo di 30 persone a gruppo e con regole molto rigide e che cambiano mensilmente, rendendo difficile pianificare anche questo tipo di viaggi.
Non è semplice e i mesi trascorrono senza vedere uno spiraglio di possibilità per partire.
Sono certa che sia ancora solo una questione di tempo, le normative si faranno più elastiche con chiari segnali di apertura a viaggi individuali e a pellegrinaggi di gruppi più numerosi.
La fatica di aspettare verrà presto appagata dal ritorno in quella terra amata, affascinante e colma di una umanità assetata di relazione e di libertà… e allora sarà davvero meraviglioso riabbracciare Daoud, Daher, Jihan e tutta la famiglia Nassar!Chiunque vorrà andare a Tent of Nations per un periodo di volontariato cominci speranzoso a pianificare il viaggio dalla prossima primavera, Tent of Nations Italia rimane sempre disponibile per un supporto organizzativo e logistico del vostro viaggio!

Daoud Nassar                               Laura Munaro                                                       
                                  Tent of Nations                 Tent of Nations Italia – Qeshet                      

Tent of Nations Italia – Qeshet

La Tenda delle Nazioni in Italia è un progetto che vuole realizzare ponti di relazione con il Medio Oriente, in particolare con la Palestina, in ambito nazionale e internazionale traendo ispirazione dal messaggio di “Tent of Nations – People building Bridges” della famiglia Nassar. Promuove su territorio nazionale e internazionale iniziative culturali, educative ed ambientali, anche in cooperazione con altre organizzazioni e associazioni, a carattere di solidarietà sociale in tutti i campi inerenti lo sviluppo della persona umana, la conoscenza della cultura del popolo in Medio Oriente, in particolare quello palestinese. Raccoglie inoltre fondi per beneficenza a supporto dei progetti di Tent of Nations.

È possibile dare il proprio contributo tramite:
“Associazione Liber ODV”:
Banca della Valpolicella – Credito Cooperativo di Marano Agenzia: Verona – San Massimo
Beneficiario: Associazione Liber ODV –  Causale: “a favore di Tent of Nations”
IBAN: IT87O 08315 11700 0000 0008 1509

Tutte le donazioni saranno totalmente devolute a Tent of Nations e consegnate direttamente.

Contatti:
Tent of Nations P.O. Box 28 Bethlehem, Palestine.  Tel:+972-(0)2-274 30 71
Mail: info@tentofnations.org  Sito Internet: www.tentofnations.org

Dall’Italia: qeshet.tonitalia@gmail.com
Inoltra liberamente la Newsletter a chi lo ritieni opportuno. Se non fai parte della mailing list e vuoi ricevere le news dalla fattoria, mandaci una mail!
Vieni a trovarci nella pagina FB e in Instagram!

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.