TERRITORI OCCUPATI. Ora Netanyahu progetta una colonia tutta nuova (aggiornamenti)

0
191

02 feb 2017

Ieri sera il primo ministro Benyamin Netanyahu ha annunciato l’istituzione di una commissione che sarà incaricata di preparare la costruzione di un insediamento coloniale completamente nuovo

colonie

foto Reuters

AGGIORNAMENTO ORE 16

Intervenendo oggi ad una cerimonia nella colonia di Ariel, la seconda per grandezza di quelle costruite in Cisgiordania, il premier israeliano Netanyahu ha espresso “forte dolore” per lo sgombero dell’avamposto coloniale di Amona e ha confermato che al più presto sorgerà una nuova colonia ebraica.

————————————————————————————————————————————————–

della redazione

Gerusalemme, 2 febbraio 2017, Nena News – Mentre la polizia completa, sotto i riflettori dei media locali e internazionali, lo sgombero e la demolizione del minuscolo avamposto coloniale israeliano di Amona, nella Cisgiordania occupata si intensificano i piani di colonizzazione a tappe forzate avviati dal governo israeliano e dal Comune di Gerusalemme non appena Donald Trump ha messo piede nella Casa Bianca. Ieri sera il primo ministro Benyamin Netanyahu ha annunciato l’istituzione di una commissione che sarà incaricata di preparare la costruzione di un insediamento coloniale completamente nuovo.

Si tratta di una notizia di eccezionale importanza. Israele negli ultimi 25 anni ha allargato con migliaia e migliaia di nuovi alloggi le colonie già esistenti, astenendosi però, per ragioni di opportunità politica, dal progettare un nuovo insediamento nei Territori palestinesi che ha occupato nel 1967. L’ultima colonia costruita, nel 1991, è Revava, nei pressi di quella di Ariel, a qualche chilometro dalla città palestinese di Nablus. Ad approvarla fu Yitzhak Shamir quando era primo ministro. Netanyahu dando il via libera alla fondazione di un nuovo insediamento coloniale segnala di non aver più alcun freno.

Se Barack Obama aveva (leggermente) contenuto la colonizzazione ritenendola un ostacolo alla realizzazione della soluzione dei Due Stati (Israele e Palestina) – lo scorso dicembre l’ex presidente anche rinunciato a porre il veto ad una risoluzione, la 2334, del Consiglio di Sicurezza dell’Onu di condanna delle colonie dello Stato ebraico -, con Donald Trump che si proclama un alleato di ferro di Israele, Netanyahu pensa di non aver alcun vincolo e di poter applicare per intero la linea del suo governo, il più  nazionalista della storia del suo Paese.

le prime pagine di due giornali israeliani sullo sgombero di Amona (foto Nena News)

le prime pagine di due giornali israeliani sullo sgombero di Amona (foto Nena News)

D’altronde se  da un lato Trump continua a tacere di fronte ad annunci per la costruzione di un nuovo insediamento e di molte migliaia di nuove case per i coloni israeliani, dall’altro l’Onu e l’Unione europea non riescono ad andare oltre una rituale critica delle politiche del governo Netanyahu. “Mettiamo ancora una volta in guardia contro azioni unilaterali che possono essere di ostacolo alla soluzione dei Due Stati e richiamiamo entrambe le parti a tornare a negoziati, sulla base delle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza e in conformità con il diritto internazionale”, ha dichiarato il nuovo Segretario generale dell’Onu, Antonio Guiterres.  La responsabile della politica estera dell’Unione europea, Federica Mogherini, da parte sua ha detto che gli annunci recenti di Israele “segnano una tendenza molto preoccupante, che presentano una sfida diretta alle prospettive di una soluzione a Due Stati, che è sempre più difficile e rischia di diventare impossibile.” Frasi già inutilmente pronunciate numerose volte in passato.

Così prosegue, ancora più intensa, la politica del governo Netanyahu, finalizzata ad annettere una grossa porzione di Cisgiordania allo Stato ebraico e a lasciare ai palestinesi “mini-Stato” a sovranità limitata – così lo ha descritto Netanyahu qualche giorno fa – solo nelle città autonome già amministrate dall’Autorità nazionale palestinese.  Un disegno che i palestinesi, paralizzati dal conflitto di potere che dura da dieci anni tra i due maggiori partiti, Fatah e Hamas, penalizzati dall’assenza di una leadership nazionale e dal crescente disinteresse internazionale, non appaiono in grado di bloccare in alcun modo.

“Siamo in una nuova era dove la vita in Giudea e Samaria (la Cisgiordania, ndr) sta tornando al suo corso normale”, ha commentato con soddisfazione  il ministro della difesa israeliano Avigdor Liberman, lui stesso un colono, riferendosi alla scomparsa delle limitazioni poste da Barack Obama all’espansione degli insediamenti israeliani. Nena News

 

TERRITORI OCCUPATI.  Ora Netanyahu progetta una colonia tutta  nuova

http://nena-news.it/territori-occupati-ora-netanyahu-progetta-una-colonia-tutta-nuova/

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.