TESTIMONIANZA, FOTOGRAFIE E VIDEO DALL’OSPEDALE DI GAZA AL-SHIFA.

11 NOV 2012  Il Popolo Che Non Esiste

GAZA 4 – Dalla culla alla tomba in 24 ore

Con Matic Zorman /11 novembre 2012 /

Tutto è iniziato con un funerale.

“Oh merda, ma non ho il teleobiettivo con me” dissi a dr.Mohamed e Abu Yousef, quando stavamo salendo, in uno dei punti più alti di Gaza. “Teglegesh (non preoccuparti)”, risposero, “la vista è molto bella anche senza quella lente”. La verità è che io davvero non avevo avuto bisogno di questo obiettivo da tempo, e anche oggi era un giorno che stava finendo.

Poi abbiamo preso alcune foto in cima alla collina, osservando alcuni bambini di Gaza che erano venuti a trovarci. C’è stata una breve conversazione, poi abbiamo preso una strada a senso unico verso casa mia a Beit Hanoun. Non più di 2 minuti dopo che mi avevano lasciato, ho ricevuto una chiamata da dr.Mohamed. “Uomo! Affrettati! C’è un bombardamento a Gaza “. Mentre l’adrenalina si riversava dentro di me, ho preso tutte le schede di memoria che avevo a vista e sono corso verso l’ambulanza che stava già facendo un segnale di liberare la strada. Sulla strada per Shifa, mescolata con suoni di clacson e suoni caotici dalle strade, la voce dello speaker stava descrivendo la situazione. Dopo che i militanti avevano minato le jeep israeliane, le forze israeliane hanno risposto prendendo come obiettivo un gruppo di persone che stavano partecipando a una cerimonia funebre. Il carro armato ha sparato al gruppo, uccidendo 4 persone e ferendone almeno 25

Con capacità di guida sorprendente, con Abu Yousef, autista professionale di ambulanze, abbiamo raggiunto Shifa in pochi minuti. Lì, i luoghi del caos hanno cominciato a disegnarsi. Folle di persone si sono radunate alle porte, almeno 100, gridando agli ufficiali, perchè i loro parenti e familiari erano al pronto soccorso, feriti, o morti, al di là della porta. D’altra parte, circa 30 poliziotti nervosi, cercavano di consentire ai medici di effettuare un triage e di fare il loro lavoro in modo efficiente. Una posizione laterale era stata data ai giornalisti, che dondolavano le loro macchine fotografiche in giro come matti, solo per ottenere gli scatti per il telegiornale della sera. Combinato tutto insieme, è stato un caos. Presto, un team di medici internazionali è arrivato per sostenere l’equipaggio medico in ospedale. Non si poteva dire che c’era un luogo più caotico al di fuori, dove la gente era preoccupata per le loro famiglie e disperata per vederli forse per l’ultima volta, o all’interno i giornalisti che discutevano con gli agenti di sicurezza per sapere delle vittime.

Con l’aiuto dei miei amici, sono entrato prima dei giornalisti e ho preso alcune foto, attento a non disturbare chi stava facendo il suo lavoro. Il pavimento era scivoloso a causa di acqua e sapone, che hanno usato per pulire il sangue . Grida di disperazione e tristezza echeggiavano nella sala, mentre stavo passando per le sale operatorie. C’erano notizie che arrivavano sui morti. Appena ho fatto il mio lavoro, ho acceso una sigaretta al di fuori dell’ospedale, è stata una delle migliori di sempre. Il fumo mi ha separato da tutta questa situazione disumana, almeno per un minuto.

Il dolore che ho provato nel mio collo, la testa, i piedi, rapidamente è scomparso, come mi sono reso conto che oggi, molte persone sentivano un più pesante dolore dentro i loro cuori.

Dopo il ritorno a casa, insieme al mio fratello abbiamo registrato un po ‘di lanci di razzi da militanti e dopo 2 sigarette, di nuovo elicotteri Apache israeliani sono venuti a fare i protagonisti della notte. Domani ci saranno i funerali.

Fino ad allora, siete invitati a guardare il video.

 

Contrassegnato con i tag: , , , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam