The Kimberly Process*: LA LAVANDERIA MULTIMILIONARIA DEI DIAMANTI INSANGUINATI DI ISRAELE

276

tratto da: INVICTA PALESTINA

Pochi sanno che i diamanti sono l’esportazione manifatturiera numero uno di Israele, una “pietra angolare” della sua economia. Secondo il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, quell’economia “genera l’88% del budget per la sicurezza che finanzia le forze di difesa israeliane e le agenzie di sicurezza ( Mossad e Shin Bet)”.

English version

Sean Clinton – 19 novembre 2019

Immagine di copertina di Pixabay

La scorsa settimana c’è stato un brutale e spietato attacco contro una famiglia  che dormiva nella sua casa di Gaza,  uccidendo marito e moglie e disseminando pezzi dei loro corpi  lungo  la strada; il bombardamento successivo ha ucciso 34 persone, tra cui una famiglia di otto persone. Il fatto che tutto ciò sia stato fatto da un esponente di spicco dell’industria mondiale dei diamanti, dimostra chiaramente l’entità della frode perpetrata da quell’industria nel definirsi ” conflict free”.

Pochi sanno che i diamanti sono l’esportazione manifatturiera numero uno di Israele, una “pietra angolare” della sua economia. Secondo il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, quell’economia “genera l’88% del budget per la sicurezza che finanzia le forze di difesa israeliane e le agenzie di sicurezza ( Mossad e Shin Bet)”.

Il Jerusalem Post riporta  che “Israele  fattura circa 28 miliardi di dollari in diamanti all’anno. Il valore dei diamanti esportati è così significativo (circa un quinto delle esportazioni industriali totali) che il governo riferisce che i suoi dati non comprendono  i diamanti per garantire che le gemme non ne distorcano i valori “.

Durante questa settimana, i membri dell’organismo di regolamentazione dei diamanti, il Kimberley Process (KP), si incontrano a Nuova Delhi per concludere  tre anni di revisioni e di riforme volte principalmente ad espandere la definizione di ” conflict diamond” ” al fine di mettere fuorilegge i diamanti legati alle violazioni dei diritti dell’uomo da parte di forze governative. Questo intento fallirà sicuramente. Non è stata infatti presentata una sola mozione per mettere fuori legge i diamanti  insanguinati che entrano nella catena di approvvigionamento a valle del settore minerario.

Nonostante gli spargimenti di sangue, le violenze e le armi nucleari non regolamentate finanziate dalle sue entrate, l’industria dei gioielli afferma sfacciatamente che i diamanti  lavorati in Israele sono di provenienza responsabile e “conflict free” . Dato l’incrollabile sostegno politico, finanziario ed economico fornito a Israele da Stati Uniti, UE, India, Canada e Australia, e la loro influenza nel KP, nessuno di questi Paesi permetterà mai all’organismo di vietare i diamanti israeliani sporchi di sangue; decidere ciò farebbe suonare la campana a morto per l’industria manifatturiera numero uno di Israele.

L’industria dei gioielli vuole mantenere il coperchio ben chiuso su questo vaso di Pandora. Israele è un attore chiave nella catena di approvvigionamento dei diamanti. A meno che non siano costretti dalla pressione dei consumatori, le società e le aziende non taglieranno i legami con l’industria dei diamanti israeliana senza l’indicazione  di organismi internazionali come il KP o le Nazioni Unite; e ciò non accadrà mai, data l’impunità  di cui Israele gode e che ampiamente sfrutta.

Ciò è stato chiarito ad aprile a Londra dal presidente di Anglo American, Stuart Chambers, all’AGM della società. Quando ho chiesto perché De Beers e Forevermark continuino a commerciare con società israeliane le quali generano entrate per finanziare crimini di guerra e crimini contro l’umanità, Chambers ha detto: “Sicuramente come società, e come ci si aspetta, rispetteremo sempre la comunità politica nel suo giudizio su Stati o Paesi in cui ritenga ci siano state azioni che la comunità internazionale non accetta, e che quindi dovrebbero essere soggetti a misure internazionali, compresi potenziali embarghi commerciali. Ovviamente, laddove ciò avvenga, come  società internazionale dovremmo tenerne conto e rispettarlo. Ma noi come società non possiamo  essere fautori di un giudizio politico su qualcosa in cui è molto difficile arrivare fino in fondo fino a quando la comunità internazionale non lo avrà deciso. ”

Anglo American cerca quindi di assolversi definendo la questione come un problema politico piuttosto che un problema di diritti umani e di frode aziendale.

De Beers e Forevermark vendono diamanti fabbricati in Israele dichiarandoli essere al 100% “conflict free”, anche se l’industria  costituisce una fonte significativa di entrate ( 1 miliardo di Eu  / anno) per un regime colpevole di violazioni dei diritti umani. Infatti, la società ABT Diamonds Ltd di De Beers e la società del gruppo Steinmetz, Diacore, finanziano direttamente l’esercito israeliano. Dopo che questo venne denunciato durante l’Anglo American AGM in aprile, la pagina che lo confermava sul sito Web di De Beers  venne rimossa, ma una copia  può essere  vista qui . ABT e il suo proprietario hanno “dato un contributo significativo all’esercito israeliano”.

La Fondazione Steinmetz ” ha adottato ” un’unità della famigerata Brigata Givati. Questa unità dell’esercito israeliano è stata responsabile del massacro della famiglia Samouni a Gaza, un crimine di guerra documentato dall’UNHRC e da altre organizzazioni per i diritti umani. Diacore produce diamanti Forevermark che spesso adornano le star  durante i prestigiosi eventi “da tappeto rosso” dell’alta società in tutto il mondo.

Questa pagina è stata rimossa dal sito Web della Fondazione Steinmetz

I governi che beneficiano del commercio dei diamanti  controllano il KP sin dall’inizio. Invece di mettere al bando tutti i diamanti sporchi di sangue, hanno limitato il campo di applicazione dei regolamenti del KP ai “conflict diamonds”, definiti in senso stretto come “diamanti grezzi usati da movimenti ribelli o dai loro alleati per finanziare conflitti volti a minare governi legittimi”.

I diamanti insanguinati , grezzi o raffinati, che finanziano le violazioni dei diritti umani da parte di forze governative sono stati invece legittimati e rimangono pienamente legali. Questo è stato un grande colpo per l’industria, in quanto ha mantenuto i media e il pubblico concentrati sui “diamanti da conflitto” e lontano dal settore di alto valore del taglio e della lucidatura delle pietre che nasconde un commercio di diamanti  insanguinati per un valore di oltre 10 miliardi di dollari ogni anno.

Il World Diamond Council (WDC), che rappresenta tutti i settori della catena di approvvigionamento dei diamanti, dalla miniera al mercato, ha cercato di colmare il divario evidente presente nei regolamenti KP introducendo un sistema di garanzie fasullo (SOW – Statement of work). Il WDC afferma che il SOW “estende l’efficacia del KP oltre l’importazione e l’esportazione di diamanti grezzi”, un’asserzione assolutamente falsa.

Utilizzando la SOW, i venditori possono dichiarare i diamanti  insanguinati che  non finanziano la violenza ribelle , diamanti ” conflict free” semplicemente includendo in ogni fattura una dichiarazione stampata in tal senso. I gioiellieri dicono ai clienti che il Kimberley Process e il sistema di garanzie garantiscono che un diamante è “conflict free”, il che è un’altra palese menzogna.

Naturalmente, il termine “senza conflitti” non è mai stato definito. Cecilia Gardner, ex consigliera generale del WDC, ha affermato a questo proposito: “Per quanto riguarda il “conflict free” questa affermazione è così vaga da non avere un significato reale”.

Coloro che promuovono il KP sottolineano la cooperazione globale tra governi, industria e società civile, facilitata dalla struttura tripartita dell’organismo, ma anche questo è un grave inganno. I governi coinvolti sono guidati da ciò  su cui il WDC è d’accordo. Lo schema KP è stato originariamente progettato dal WDC ed è stato quest’ultimo a presentare l’ultima proposta che continua a limitare il mandato del KP ai diamanti grezzi nel settore minerario.

Un bambino regge un poster che chiede il boicottaggio di Israele a causa del commercio di diamanti sporchi di sangue

La scheletrica Coalizione della Società Civile del KP (KP CSC), che dovrebbe rappresentare appunto  gli interessi della società civile, ormai è poco più di un velo logoro. Global Witness, Impact Transform e altri si sono ritirati dal KP. Amnesty International e Human Rights Watch hanno rifiutato di aderire e hanno pubblicato rapporti estremamente critici sul fallimento del KP nel mettere fuorilegge i diamanti che finanziano la violenza governativa.

Il KC CSC è ora guidato dalla IPIS Research con sede ad Anversa, un’organizzazione non governativa presumibilmente indipendente con un budget che nel 2018 ammontava a oltre 1,4 milioni di euro. Quando ho chiesto in dettaglio la fonte dei suoi finanziamenti,  sono stato rimandato al Rapporto annuale del 2018, che in realtà non fornisce tali dettagli. Il sito web IPIS indica che riceve finanziamenti strutturali da un certo numero di organi del governo belga. Ha inoltre ricevuto finanziamenti da agenzie dell’UE e da altri organismi per conto dei quali IPIS svolge attività di ricerca.

Mordere la mano che ti alimenta può essere una scelta  difficile per qualsiasi organizzazione che non è finanziata in modo indipendente. Ciò è particolarmente vero per IPIS, dato che Anversa è uno dei principali centri commerciali di diamanti al mondo.

Gli altri membri del KC CSC sono gruppi locali della società civile, con scarse risorse e provenienti da paesi africani interessati dall’estrazione di diamanti. La loro partecipazione è supportata da un fondo volontario dei membri del KP.

Anche se i palestinesi sono le maggiori vittime dell’industria dei diamanti, non c’è una sola voce nel KC CSC che li rappresenti . Diamanti che finanziano la distruzione dei loro corpi e  dei loro  arti, la prigionia senza processo, la demolizione delle loro case, i bombardamenti dei loro ospedali, scuole, biblioteche, teatri, impianti di trattamento delle acque e delle acque reflue, centrali elettriche e altre infrastrutture, secondo il KP CSC non sono diamanti sporchi  di sangue

L’ultimo rapporto della coalizione, Real Care Is Rare, non richiede un esame forense per  mostrare i limiti delle sue regole. La frase di apertura del sommario esecutivo definisce i confini che la coalizione non osa violare: “brutali violazioni dei diritti umani, tra cui omicidi, torture e violenza sessuale … in alcune aree minerarie diamantifere…” I diamanti sporchi di sangue nella catena di approvvigionamento a valle dell’estrazione mineraria sono un passo troppo eccessivo.

Il rapporto fa riferimento ai diamanti sporchi di sangue come “diamanti ottenuti usando violenza grave indipendentemente da chi sia l’autore”. I diamanti che finanziano la “violenza grave”, tuttavia, non sono considerati diamanti insanguinati, a quanto pare.

Alla fine della catena di approvvigionamento, il rapporto KP CSC elenca i soliti sospetti: Zimbabwe, Angola, Sierra Leone, Tanzania e Lesotho,  dove l’industria è soggetta al controllo pubblico, ma non ha nulla da dire su Israele. Eppure, nel 2018, Israele ha esportato  2,9 miliardi di dollari di diamanti grezzi, il doppio del valore combinato dei suddetti Paesi africani. Secondo un gruppo di monitoraggio delle Nazioni Unite, nel 2018 Israele ha anche ucciso 295 palestinesi e ne ha  feriti altri 29.000. Questi fatti strabilianti sono convenientemente assenti dal rapporto KC CSC.

Il KC CSC è una coalizione  prigioniera del WDC e dei governi che ne hanno bisogno per fornire al KP  una legittimità pubblica. È alquanto farsesco che coloro che traggono profitto dai diamanti sporchi di sangue  possano imporre il veto sulla riforma del sistema. Questa è la situazione esistente nel WDC e nel KP.

Nel 2015, quando il WDC  tentò di ampliare la definizione di  “conflict diamond”, Shmuel Schnitzer, l’allora presidente della Borsa dei Diamanti israeliana e zio di Dan Gertler, sanzionato dal Magnitsky Act, bloccò la riforma in quanto “sarebbe disastrosa … specialmente per Israele” .

Il KP è un chiaro esempio di acquisizione aziendale. L’industria dei diamanti ha usato la sua influenza politica ed economica per neutralizzare gli sforzi della società civile per porre fine al commercio dei diamanti insanguinati. Tuttavia la società civile, attraverso  la pressione dei consumatori, potrebbe  apportare i cambiamenti necessari per ridurre questa sanguinosa industria. Proprio  come il commercio degli schiavi, il commercio di avorio e il commercio di pellicce sono stati fortemente ridotti dal rifiuto pubblico per tali pratiche sanguinarie, così potrebbe avvenire anche per l’industria dei diamanti sporchi di sangue.

 

* l Kimberley Process (KPCS) è un accordo di certificazione volto a garantire che i profitti ricavati dal commercio di diamanti non vengano usati per finanziare guerre civili. L’accordo è stato messo a punto e approvato con lo sforzo congiunto dei governi di numerosi paesi, di multinazionali produttrici di diamanti, e della società civile.(Fonte: Wikipedia)

 

Trad: Grazia Parolari “contro ogni specismo, contro ogni schiavitù” –Invictapalestina.org

 

The Kimberly Process*: la lavanderia multimilionaria dei diamanti insanguinati di Israele.

The Kimberly Process*: la lavanderia multimilionaria dei diamanti insanguinati di Israele.

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.