Trump non certifica l’Irandeal. Russia, Cina e Ue con Tehran

0

14 ott 2017

Il presidente chiede sanzioni ai pasdaran. Discorso apocalittico per salvare la faccia, ma gli Usa si isolano. Gli altri firmatari: resteremo anche senza Washington. In ballo ci sono accordi miliardari

Trump durante la campagna elettorale

di Marina Catucci e Chiara Cruciati – Il Manifesto

Roma, 14 ottobre 2017, Nena News – Come annunciato Trump ha deciso di non certificate l’accordo sul nucleare iraniano del luglio 2015 sostenendo, con i toni cupi e apocalittici usati nel suo discorso d’insediamento, che Tehran non ha rispettato i termini dell’intesa.

Le ragioni apportate appaiono confuse anche se affermate con termini roboanti, come quando ha parlato del sostegno che questa repubblica, culla dell’Islam sciita, ha dato a al Qaeda, organizzazione sunnita.

Trump ha chiesto sanzioni alle Guardie Rivoluzionarie e aperto di fatto una finestra di 60 giorni durante i quali dovrà essere il Congresso a decidere, strategia rischiosa con un alto grado di difficoltà, come ha spiegato il segretario di Stato Rex Tillerson.

Il Congresso non ha una posizione unanime sull’IranDeal e non è detto che la maggioranza repubblicana la pensi come Trump, così come i generali di questa amministrazione. A cominciare dal capo del Pentagono, James Mattis, che continua a sostenere che Tehran ha rispettato i termini dell’accordo e che uscire non isolerebbe l’Iran, ma gli Stati Uniti.

L’approvazione di una nuova legislazione sull’accordo richiede 60 voti al senato: i repubblicani hanno bisogno del sostegno democratico, il che è fuori discussione. La retorica dell’arcinemico da combattere a ogni costo impedendogli di attaccare per primo non è condivisa dai democratici, da buona parte dei repubblicani e dai militari.

E tutta l’operazione di Trump è vista dai media come una mossa per mostrare di essere fedele alle promesse elettorali, dando al Congresso la colpa di un eventuale fallimento.

La reazione iraniana ieri ha anticipato Trump: «Reagiremo a qualsiasi azione contro le forze militari e le Guardie Rivoluzionarie», ha detto il ministero degli esteri, aggiungendo che nel caso di uscita Usa anche Teheran straccerà l’accordo.

Chi rischia più di tutti, però, è proprio Trump: in un Medio Oriente in rapida trasformazione, l’Iran ha azzeccato quasi ogni mossa. Per anni stretta tra sanzioni e embarghi, ma capace di salvaguardare la propria leadership, Tehran sta uscendo dall’isolamento in modo graduale ma costante.

Dal luglio 2015, dopo un’iniziale titubanza, ha siglato un accordo dopo l’altro con Stati e multinazionali. Turismo, infrastrutture, trasporti, energia, nuove tecnologie, ricerca: per le compagnie europee, russe e cinesi la società iraniana (80 milioni di persone) che si apre a un mondo che l’ha esclusa per decenni è una fonte di ricchezza di lungo periodo difficile da stimare.

La misura la danno le dichiarazioni degli altri firmatari: tutti contrari alla morte di un accordo che l’Iran rispetta e che ha permesso l’intreccio di rapporti utili a entrambe le sponde. E tutti concordi nel restare fedeli all’intesa, anche nel caso di un’uscita futura degli Usa.

«Non ci sono state violazioni, Trump non ha il potere di smantellarlo: non è un accordo bilaterale ma una risoluzione del Consiglio di Sicurezza Onu», il commento dell’Alto rappresentante Ue per gli affari esteri Mogherini. Toni simili da Russia, Germania, Francia e Regno Unito che si dicono «impegnate» a rispettare l’intesa.

Un’eventuale implosione farebbe saltare tavoli succulenti. Partiamo dall’Italia, a cui le sanzioni avevano congelato 25 miliardi di dollari in contratti, in parte riattivati a gennaio 2016 con la firma di 24 accordi da 17 miliardi in infrastrutture, ricerca, energia. Nel primo semestre del 2017 l’import di petrolio è salito da 39 a 1.394 milioni di euro e l’export ha segnato un +28% (da 662 a 850 milioni).

E se a investire sono i giganti, Eni, Enel, Saipem, Finmeccanica, significativo è l’accordo di luglio con Ferrovie dello Stato: 1,2 miliardi di euro (che diventeranno 5) per la costruzione di una ferrovia a alta velocità di 135 km tra Arak e Qom e una di 320 km tra Tehran e Hamadan.

Negli stessi giorni la francese Total e la cinese Cnpci firmavano un accordo ventennale (4,8 miliardi) per il giacimento offshore di gas South Pars. E poi il memorandum con il Giappone per il giacimento Salman; l’arrivo di Peugeot e Renault; il coinvolgimento nella Via della Seta cinese (il tratto Teheran-Mashhaf sarà finanziato con 1,6 miliardi, parte di una linea di credito da 10 approvata a metà settembre); un pacchetto russo di investimenti da 30 miliardi; 10 accordi con la Germania che faranno toccare all’interscambio Berlino-Teheran quota 5 miliardi nel 2017, 10 miliardi in futuro.

 

Trump non certifica l’Irandeal. Russia, Cina e Ue con Tehran

http://nena-news.it/trump-non-certifica-lirandeal-russia-cina-e-ue-con-tehran/

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.