Trump perde 2 elezioni su 3 e guai veri nell’Ucrainagate

0

tratto da: REMOCONTRO

‘Super Tuesday’, primo test in vista del voto del 2020. Ma molto peggio sul fronte Ucrainagate, nuovi testi e prove d’accusa. Non sarà l’impeachment ma lo sputtanamento pubblico in campagna elettorale

Primo test per la presidenziali 2020

ANSA – ‘Super Tuesday’, primo test in vista del voto per la  Casa Bianca, sullo sfondo dell’indagine di impeachment, e Trump perde due elezioni su tre. Trionfo del sicuro e per certi versi storico in Virginia, dove i democratici hanno riconquistato l’intero parlamento dopo oltre 20 anni. In Kentucky, benché il risultato tra i due contendenti sia troppo ravvicinato per dichiarare ufficialmente il vincitore (49,2 contro 48,9). Brutta scivolata per Trump in uno Stato dove aveva vinto con un vantaggio del 30% contro Hillary e dove lunedì aveva tenuto il suo ultimo comizio proprio a sostegno del candidato repubblicano.

Trump può leccarsi le ferite in Mississippi, dove con il 93% delle schede scrutinate per l’elezione del governatore il candidato repubblicano Tate Reeves resta saldamente in testa davanti al rivale dem. Una proiezione Cnn lo dà per vincitore e Trump gli ha già fatto le congratulazioni via Twitter. Successo che consente al Grand Old Party di mantenere questa carica in uno stato che nel 2016 Donald Trump vinse con il 17% di scarto su Hillary.

‘Qui pro quo’, qualcosa in cambio di..?

Impeachment, Sondland cambia deposizione e inguaia Trump. L’ambasciatore Usa alla Ue Gordon Sondland ha cambiato la sua testimonianza nell’indagine di impeachment alla Camera precisando che disse a Kiev che gli aiuti militari Usa erano subordinati ad una dichiarazione pubblica sull’avvio di indagini contro i Biden. Una rettifica che compromette la posizione di Donald Trump, il quale ha sempre negato qualsiasi ‘do ut des’ (il famoso ‘quid pro quo’ -‘qualcosa al posto, in cambio di qualcos’altro’- sempre negato da The Donald e che ha dato il via all’indagine per il suo impeachement).

L’inviato Usa in Ucraina Volker. Nella sua testimonianza nell’indagine di impeachment alla Camera, l’inviato Usa in Ucraina Kurt Volker ha detto che Rudy Giuliani, avvocato personale del presidente, fece pressioni perché il governo ucraino dicesse esplicitamente che avrebbe investigato sulle elezioni Usa del 2016 e su Burisma, la società nel cui board sedeva il figlio dell’ex vicepresidente Joe Biden. Volker ha sostenuto anche che dirigenti ucraini chiesero di essere messi in contatto con Giuliani come canale diretto con Trump.

La trascrizione di 375 pagine della deposizione del Sondland del 17 ottobre, è stata tesa pubblica ieri. Trascrizione riservata ma presto udienze pubbliche, ed è la strategia degli avversari di Trump, che non contano di poter arrivare alla incriminazione del presidente, ma di screditarlo e fargli perdere la rielezione nel 2020.

Impeachment improbabile, sputtanamento certo

Il capo ad interim dello staff presidenziale, Mike Mulvaney, è stato chiamato a testimoniare al Congresso nell’ indagine di impeachment per venerdì prossimo. Mulvaney è il più alto responsabile della Casa Bianca a ricevere una tale convocazione. Non è chiaro se Mulvaney si presenterà a deporre. Diversi alti funzionari convocati per ieri e oggi non si sono presentati, rifacendosi all’ordine di Trump di non collaborare all’indagine in quanto ‘illegittima’ (Incriminazioni e ordini di cattura in vista).

“Entrambe le trascrizioni diffuse mostrano che per questo illegittimo impeachment farsa ci sono ancora meno prove di quanto si pensasse prima”: così la Casa Bianca in una nota dopo la divulgazione delle testimonianze dell’inviato Usa in Ucraina Kurt Volker e dell’ambasciatore americano alla Ue Gordon Sondland. “Nessuna quantità di titoli osceni da parte di media faziosi, volti chiaramente a influenzare la narrativa, cambia il fatto che il presidente non ha fatto nulla di male”, prosegue.

6 NOVEMBRE DI 3 ANNI FA

 

Trump perde 2 elezioni su 3 e guai veri nell’Ucrainagate

Trump perde 2 elezioni su 3 e guai veri nell’Ucrainagate

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.