Tzipi Shmilovitz: A Trump non interessa davvero Israele

0

tratto da: FRAMMENTI VOCALI IN MO

 

YNETNEWS.COM

Trump doesn’t really care about Israel

Opinion: What seems like unconditioned support for the Jewish state from the U.S. president is primarily a personal political survival mechanism – keep Christian right and Orthodox Jews fully united behind him

 

sintesi personale

La base politica del presidente degli Stati Uniti Donald Trump è composta da tre gruppi principali: uomini bianchi senza istruzione universitaria, cristiani evangelisti ed ebrei ortodossi.

Questa è una peculiare alleanza triangolare, ma questo è l’elettorato sul quale Trump definisce  quasi tutte le sue decisioni politiche. In cambio ne riceve  un supporto assoluto, senza il quale non sarebbe stato eletto presidente nel 2016 e non avrebbe alcuna possibilità di essere rieletto il prossimo anno e Trump lo sa. Gli americani appartenenti a questo triangolo sono gli unici che Trump sta attento a non offendere.

La scorsa settimana, Trump ha tenuto un discorso davanti ai sostenitori della comunità ebraica ultraortodossa a New York e si è rivolto pubblicamente a Israele per la prima volta dopo settimane.

Ha fatto una brutta battuta sulla situazione politica in Israele – “continua ad avere elezioni ma nessuno viene eletto” e ha aggiunto che ha un “punteggio di approvazione del 95%” in Israele.

Il momento che meglio ha riassunto l’umore di Trump è stato quando ha parlato della situazione della sicurezza nel sud di Israele come se fosse un giornalista: “È pazzesco, i missili volano e Israele sta reagendo”. Trump utilizza lo stile giornalistico per problemi che  non lo interessano e quasi tutte le situazioni che non lo riguardano personalmente non lo interessano, perché l’unica cosa che interessa a Donald Trump è Donald Trump.

Qualunque cosa stia succedendo tra Israele e i palestinesi non ha semplicemente nulla a che fare con lui. Non può fare soldi, non può aiutarlo politicamente. Probabilmente sarebbe stato coinvolto se avesse pensato che gli sarebbe stato assegnato un premio Nobel per la pace, ma sa che non accadrà.

I giorni che vedevano i presidenti degli Stati Uniti affrettarsi a inviare il loro segretario di stato per fermare qualsiasi round di combattimenti sono finiti, così come sono finiti giorni che vedevano i presidenti scegliere i loro alleati in base agli interessi americani piuttosto che agli interessi personali.

Sembra che Trump si stia ritirando dal Medio Oriente in linea con il suo approccio separatista “America first” che lo ha aiutato a diventare presidente. In realtà, non si sta davvero ritirando, sta solo rimodellando le truppe.

Ha inviato migliaia di soldati statunitensi in Arabia Saudita su richiesta del suo amico principe ereditario Mohammad bin Salman e la decisione di ritirare le forze statunitensi dalla regione curda in Siria è stata richiesta da un altro sovrano autocratico, il presidente turco Tayyip Erdogan.

Il disprezzo di Trump per ciò che sta accadendo in Israele deriva principalmente dal suo disinteresse. Dopotutto, ha un’indagine sull’impeachment che incombe sulla sua testa.

A Donald Trump non interessa davvero Israele e certamente non gli importa di quello che succederà il giorno dopo aver lasciato la Casa Bianca.

Quello che sembra un sostegno incondizionato da parte di Trump è principalmente un meccanismo di sopravvivenza politica personale: mantenere il sostegno compatto dei cristiani e degli ebrei ortodossi.

A livello istintivo Trump disprezza i musulmani, oltre a quelli con i quali può fare affari. Gran parte di quello che sembra un assegno aperto che ha dato a Israele negli ultimi tre anni, gli consente di spazzare sotto il tappeto un’altra parte significativa della sua base di sostenitori: gli antisemiti.

Israele è uno dei pochi paesi al mondo dove Donald Trump è popolare e forse spostare l’ambasciata americana da Tel Aviv a Gerusalemme giustifica questa popolarità, ma  il supporto che Israele ha avuto dai due maggiori partiti americani è stato distrutto.

https://frammentivocalimo.blogspot.com/2019/12/tzipi-shmilovitz-trump-non-interessa.html

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.