Uccisi come cani. Per errore.

Omar Aveva 66 anni. Era tranquillo a casa sua. Circondato dall’affetto dei suoi familiari. Un’unità scelta dell’esercito israeliano ha fatto irruzione nella sua casa di Hebron. Omar era a letto. Una serie interminabile di raffiche di mitra l’hanno freddato. Colpi all’addome e alla testa. Come un cane. I suoi bambini restano paralizzati dall’orrore. Sua moglie Sobheye si trova in un’altra stanza a pregare.

L’esercito israeliano ha ufficialmente ammesso che è stato un errore.

Capita.

Il 10 gennaio invece, nel primo pomeriggio, Shaban di 65 anni, era come sempre nei suoi campi a lavorare. I soldati israeliani lo hanno miseramente freddato sparando contro un gruppo di contadini al lavoro nei campi di Beit Hanoun, a Nord della Striscia di Gaza.

Ma invece di continuare la lista degli “errori” che in questa settimane si allunga paurosamente sia in Cisgiordania che a Gaza, offriamo il nostro piccolo spazio, sulle righe e nel cuore, alla memoria di Jawaher, uccisa a Bil’in con i gas lacrimogeni sparati ogni venerdi contro civili disarmati. Anche noi di Bocchescucite conosciamo quei gas. Più volte, come qualche mese fa, ci siamo uniti alla protesta popolare di palestinesi, israeliani e internazionali  ostinati nella forza della resistenza nonviolenta. Quelli che firmano la indisturbati le aggressioni più gravi perchè sono sempre più “colpiti” dalla  protesta nonviolenza di un popolo oppresso.

BoccheScucite

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam