UN GIUDIZIO STORICO: LO STUDIO DI OXFORD SFIDA LE AFFERMAZIONI DI ISRAELE SUI RIFUGIATI PALESTINESI

0
475

tratto da: Beniamino Benjio Rocchetto

martedì 20 ottobre 2020  17:07

Foto in primo piano | I rifugiati palestinesi portano i loro averi mentre fuggono attraverso il distrutto ponte Allenby sul fiume Giordano dalla sezione della Giordania occupata da Israele, il 22 giugno 1967. Bernard Frye | AP

Alle istituzioni e ai portavoce filo-sionisti piace affermare che la questione dei rifugiati palestinesi ha superato alcuni immaginari statuti di prescrizione, ma come mostra un nuovo studio di Oxford, da allora “è diventata ancora più attuale”.

Di Miko Peled – 16 ottobre 2020

https://www.mintpressnews.com/oxford-study…/272023/…

Deve esserci un cambiamento radicale nel modo in cui sono visti i rifugiati palestinesi, non più come vittime, ma come persone con diritti che devono poter decidere il proprio destino. Questa affermazione è contenuta in un nuovo importante studio.

Secondo il diritto internazionale, i rifugiati palestinesi hanno il diritto di tornare alle loro case e alla loro terra e ricevere risarcimenti e compensazioni per le loro sofferenze e perdite personali e comuni. Inoltre, lo Stato di Israele, responsabile della pulizia etnica della Palestina, deve pagare per il rimpatrio, la riqualificazione e la ricostruzione che il ritorno richiederà. Una profonda comprensione del perché milioni di palestinesi vivono come rifugiati e ciò che il Diritto Internazionale dice sulla loro situazione è fondamentale, e uno studio pubblicato di recente getta una nuova luce sulla questione dei rifugiati palestinesi.”Rifugiati Palestinesi nel Diritto Internazionale” (2a edizione), di Francesca P. Albanese e Lex Takkenberg, è stato pubblicato nel maggio 2020 dall’editoriale dell’università di Oxford. Si tratta di una grande opera sulla questione dei rifugiati palestinesi di rilevante importanza. Questo studio fa chiarezza su ciò che ha causato la crisi dei rifugiati, fornisce statistiche essenziali e informazioni cruciali su ciò che afferma il Diritto Internazionale sui rifugiati palestinesi.Lo studio afferma all’inizio che, “Al momento della pubblicazione, l’esilio irrisolto dei rifugiati palestinesi è entrato nella sua ottava decade”. Alcuni rifugiati sono di terza o addirittura quarta generazione e rappresentano “la più grande comunità di rifugiati a livello mondiale”. Inoltre, dice, “la loro condizione di rifugiati è la più persistente della storia moderna.”

CONTESTO

L’originale campagna di pulizia etnica di massa dei palestinesi da parte delle forze sioniste ha avuto luogo dal 1947 al 1949. Sebbene la pulizia etnica e lo sfollamento interno dei palestinesi da parte di Israele siano continuati fino agli anni ’50, e di fatto, continua ancora oggi, la campagna di pulizia etnica del 1947-1949 è ciò che ha portato alla distruzione della Palestina storica. Quella campagna è stata responsabile dell’emergere di quella che lo studio definisce “una delle più grandi e persistenti crisi di rifugiati di tutti i tempi”. La maggior parte di questi profughi e dei loro discendenti, di terza e persino quarta generazione, sono registrati come “rifugiati palestinesi” presso l’UNRWA e vengono comunemente definiti profughi del 1948.

I palestinesi che furono esiliati dalla Cisgiordania, Gerusalemme Est e la Striscia di Gaza nel 1967 sono comunemente definiti “sfollati” o “profughi del 1967”. Il loro destino e il loro status ai sensi del diritto internazionale sono simili a quelli dei rifugiati del 1948. Tuttavia, per loro viene utilizzata una terminologia diversa a causa dello status del territorio da cui sono stati spostati: il Regno di Giordania, che a quel punto era uno stato indipendente. Ogni anno, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite approva una risoluzione annuale separata incentrata specificamente su di loro.

DIRITTI DEI RIFUGIATI

Subendo un violento assalto alle loro vite e proprietà e improvvisamente privati ​​della protezione dal governo del Mandato Palestine di cui erano cittadini, i palestinesi divennero rifugiati senza patria. Sono stati ammessi nei paesi vicini in base a quello che molti si aspettavano fosse una sistemazione temporanea. Tuttavia, si potrebbe sostenere che questa aspettativa derivasse da un grave fraintendimento degli obiettivi e dell’influenza del movimento sionista.

“Per ragioni storiche e politiche i rifugiati palestinesi godono di un regime distintivo costituito da norme specifiche e accordi istituzionali diversi da quelli per gli altri rifugiati”. Questa realtà ha influito sulla tutela che i palestinesi meritano come rifugiati e spesso li lascia “esclusi dai diritti e dalle norme di trattamento degli altri rifugiati”. In altre parole, i rifugiati palestinesi sono riconosciuti a livello internazionale ma soggetti a un regime istituzionale distinto rispetto ad altri rifugiati in tutto il mondo. La distinzione deriva da accordi speciali che le Nazioni Unite hanno dovuto adottare nel 1948, visto che il nuovo stato sionista non avrebbe permesso loro di tornare.

Uno degli errori comuni che le persone commettono riguardo ai diritti dei rifugiati palestinesi è la convinzione che garantire i diritti nei paesi ospitanti, compresa la cittadinanza, in qualche modo minerà le loro rivendicazioni nei confronti di Israele. Questa convinzione, secondo questo studio, “non deve essere alimentata”. Infatti, lo studio prosegue affermando che per realizzare i diritti dei rifugiati palestinesi, la comunità palestinese deve cambiare modello, e la diplomazia internazionale e regionale deve fornire un livello di sostegno “che finora è stato in gran parte carente.”

Inoltre, la frammentazione fisica e politica che ha colpito il popolo palestinese e la diversità dei quadri giuridici e degli attori che ne sono responsabili sono diventati una caratteristica della loro gravosa situazione. Ci deve essere un cambiamento fondamentale nel modo in cui sono visti i rifugiati palestinesi, “non come vittime di un processo politico fallito, ma come persone con diritti, liberi di plasmare il proprio destino”.

IDENTITÀ E NUMERI

“Oggi, su oltre tredici milioni di palestinesi nel mondo, circa otto milioni sono rifugiati”. 5,5 milioni sono registrati come “rifugiati palestinesi” presso l’Agenzia delle Nazioni Unite per il Soccorso e l’Occupazione (United Nations Relief and Works Agency – UNRWA) in Giordania, Libano, Siria, Striscia di Gaza e Cisgiordania.

Lo studio stima che circa 1,5 milioni di palestinesi siano attualmente esuli fuori dai paesi arabi, e la loro condizione e documentazione li rende statisticamente invisibili e, quindi, difficili da rintracciare. Come risultato della loro dispersione, l’identità dei rifugiati palestinesi è spesso sillabata: palestinese-giordano, palestinese-siriano, palestinese-americano, palestinese-iracheno, e così via. Va notato che per la maggior parte dei palestinesi, la residenza prolungata nei paesi ospitanti non ha portato alla protezione offerta dalla cittadinanza.

Un altro fatto poco noto che si è rivelato mancante in questo studio è che dalla fine degli anni ’60, più di 700.000 rifugiati palestinesi furono espulsi dai paesi arabi, creando enormi sfide, inclusa la necessità di chiedere nuovamente asilo in un altro paese. Quel che è peggio è che l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite non ha conferito un mandato di assistenza. Non sono inclusi come popolazione di rifugiati registrati dall’UNRWA e non ricevono assistenza completa dall’agenzia.

UNA QUESTIONE DEMOGRAFICA

Quella che è diventata nota come “questione demografica” è il codice per l’ossessione sionista di stabilire una maggioranza israeliana in Palestina, un territorio che fino al 1948 aveva una grande maggioranza araba. Questo è stato un problema urgente per la dirigenza sionista sin dai primi anni del mandato britannico. Eppure, nonostante il sostegno britannico al progetto nazionale ebraico e le ondate di migrazione ebraica in Palestina dalla fine del XIX secolo, alla fine del 1947, la popolazione ebraica palestinese era solo un terzo della popolazione totale della Palestina.

La Gran Bretagna ha facilitato la migrazione ebraica in Palestina e ha trasformato centinaia di migliaia di migranti ebrei dall’Europa in cittadini del mandato palestinese. “L’Ordine di cittadinanza del 1° agosto 1925, estese i pieni diritti di cittadinanza a tutti i sudditi turchi (ottomani) residenti abitualmente in Palestina.” Ciò includeva i 729.873 cittadini ottomani originari della Palestina, di cui la stragrande maggioranza erano arabi palestinesi.

Nel 1946, la popolazione della Palestina era stimata in 1.846.000. Questo includeva 1.203.000 arabi palestinesi e 608.000 ebrei. Nei 30 anni di controllo britannico sulla Palestina, la popolazione ebraica è cresciuta di oltre il 30% rispetto a una crescita media del 10% durante gli ultimi 20 anni dell’Impero Ottomano, un periodo di tempo già segnato da una maggiore immigrazione ebraica.

L’idea di costringere i palestinesi arabi a lasciare la Palestina attraverso l’espulsione e il trasferimento si era radicata molto presto nella mentalità della dirigenza sionista. Già negli anni ’30, l’Agenzia ebraica aveva istituito un Comitato per il trasferimento della popolazione che ideò piani per rimuovere la popolazione palestinese “”assicurandogli terreni negli Stati vicini, o facendoli rimuovere dalla Gran Bretagna”. Durante il 1948, diversi comitati di trasferimento furono istituiti dall’agenzia ebraica e successivamente dal governo israeliano per “facilitare l’esodo”.

Quando gli accordi di armistizio furono firmati nel 1949 tra il nuovo Stato di Israele ei suoi vicini arabi, solo il 15% della popolazione araba della Palestina prima del 1948 rimase nell’area che sarebbe diventata Israele.

CRIMINALIZZARE IL RITORNO E CONFISCARE LE PROPRIETÀ

Lo Stato di Israele dichiarò l’indipendenza il 14 maggio 1948. Nel giugno di quell’anno, il governo israeliano aveva deciso di impedire ai rifugiati di tornare. Nel 1952, Israele approvò la legge sulla nazionalità, che di fatto escludeva più di due terzi dei cittadini arabi palestinesi dal mantenere la cittadinanza nella Palestina del mandato britannico, una terra che era ancora la loro patria.

Nel 1954, Israele ha approvato la “Legge sulla prevenzione delle infiltrazioni”, che ha effettivamente criminalizzato il ritorno dei profughi palestinesi. I soldati che individuavano degli “infiltrati”, un termine usato per descrivere qualsiasi palestinese che tentava di tornare alla propria casa o terra, erano autorizzati a sparargli a vista. Coloro che sono stati catturati e non uccisi sul posto sono stati nuovamente imprigionati ed espulsi.

Ciò non era motivato solo dalla crudeltà sionista, ma anche dall’avidità.

La ricchezza che i palestinesi hanno lasciato “era strategica per il nascente Stato di Israele.” I palestinesi hanno lasciato enormi appezzamenti di terra, attrezzi, bestiame, negozi, fabbriche, luoghi di culto, abitazioni, attività finanziarie ed effetti personali. Anche i prodotti dei campi e dei frutteti sono stati abbandonati, con grandi depositi di agrumi in attesa di essere esportati in valuta forte.

I beni mobili sono stati venduti dalle autorità israeliane. Il governo ha anche affittato cave di pietra abbandonate e venduto frutti di cactus da campi abbandonati. “Al di là di questo introito finanziario, il controllo delle proprietà dei rifugiati ha permesso a Israele e all’Agenzia Ebraica di sistemare economicamente centinaia di migliaia di immigrati ebrei che hanno iniziato a riversarsi in Israele dopo il 1948”.

“Il divario tra tali proprietà e i loro proprietari / detentori originali è stato ulteriormente ampliato dal trasferimento, attraverso “accordi di acquisto”, all’Autorità Israeliana per lo Sviluppo e successivamente al Fondo Nazionale Ebraico, per l’amministrazione.” Queste istituzioni sioniste resero impossibile che le proprietà, mobili e immobili, dei profughi palestinesi e dei palestinesi sfollati interni venissero restituite ai legittimi proprietari.

Oltre a recidere i legami tra la terra ei suoi proprietari originali, Israele ha trasformato il territorio a vantaggio della propria crescita economica. “Nel 1950, il Fondo Nazionale Ebraico era diventato il più grande proprietario terriero in Israele.” Aveva acquisito l’autorità legale per assegnare la proprietà palestinese agli immigrati ebrei in arrivo.

Negli anni ’50, le leggi sulla proprietà degli assenti hanno consolidato il sequestro delle proprietà assenti e il loro trasferimento allo Stato di Israele a beneficio esclusivo della popolazione ebraica. Le proprietà degli assenti giocarono un ruolo enorme nel trasformare Israele in uno stato vitale. Ha permesso a Israele di impossessarsi delle fattorie e delle case cittadine dei palestinesi e di popolarle con nuovi arrivati ​​ebrei dall’Europa e dai paesi arabi. I Kibbutzim ebrei e gli insediamenti agricoli iniziarono il processo di espropriazione della terra di entrambi i rifugiati e quella dei palestinesi rimasti in quello che divenne Israele. I palestinesi rimasti non avevano altra scelta che lavorare per gli stessi proprietari israeliani che avevano rubato la loro terra.

Questi enormi appezzamenti di ottima terra coltivabile erano ora detenuti dallo Stato e venivano usati dagli insediamenti colonici e dai singoli agricoltori per coltivare raccolti e ortaggi. Le case arabe libere venivano usate per accogliere gli immigrati. Con il tempo, i villaggi palestinesi svuotati furono trasformati o distrutti. Alcuni furono trasformati in parchi e foreste; altri erano usati per la coltivazione e lo sviluppo. “Tutte queste misure hanno reso sempre più remota la possibilità di un ritorno dei profughi”.

Israele e i simpatizzanti sionisti di tutto il mondo amano affermare che gli ebrei giunsero in una terra vuota e sterile e la fecero fiorire. Questo studio chiarisce che sono venuti in un paese già prospero e hanno rubato le sue ricchezze.

IL RAPPORTO DEL MEDIATORE DELLE NAZIONI UNITE PER LA PALESTINA

Sarebbe negligente parlare dei rifugiati palestinesi senza menzionare il contributo e il sacrificio del Mediatore delle Nazioni Unite per la Palestina, il conte Folke Bernadotte. Bernadotte era un diplomatico svedese, che dopo aver negoziato con successo il salvataggio di circa ventimila prigionieri dai campi di concentramento nazisti (più della metà dei quali erano ebrei), gli fu chiesto di assumere il ruolo di Mediatore per la Palestina. Ha visitato più volte il paese e ha presentato diversi rapporti.

Il conte Bernadotte presentò il suo primo rapporto sui rifugiati alle Nazioni Unite il 16 settembre 1948. Il rapporto descrive i suoi sforzi per ottenere un accordo dal governo provvisorio di Israele per un ritorno graduale dei rifugiati. Questo studio afferma chiaramente che “i tentativi di trovare una soluzione diplomatica non hanno avuto successo a causa della ferma posizione del governo provvisorio di Israele contro il ritorno dei rifugiati”. Il rapporto di Bernadotte ha sottolineato che:

“Il diritto delle persone innocenti, sradicate dalle loro patria dall’attuale terrore e dalle devastazioni della guerra, di tornare alle loro case, dovrebbe essere assicurato e reso possibile, con la garanzia di un adeguato risarcimento per la proprietà di coloro che possono scegliere di non tornare”.

Il “diritto al ritorno” e ad un adeguato risarcimento dei profughi palestinesi è ricorrente nel suo rapporto, nonostante le opinioni espresse dal governo provvisorio di Israele. Il diritto al ritorno era considerato da Bernadotte una delle premesse fondamentali per la soluzione del conflitto. Il seguente passaggio del suo rapporto risuona ancora oggi:

“Nessun accordo può essere adeguato e completo se non viene riconosciuto il diritto del rifugiato arabo di tornare alla casa da cui è stato allontanato. Sarebbe un reato contro i principi più elementari di giustizia se a queste vittime innocenti del conflitto fosse negato il diritto di tornare alle loro case mentre gli immigrati ebrei affluiscono in Palestina, e, in effetti, rappresentano come minimo la minaccia di una sostituzione permanente dei rifugiati arabi”.

Il Mediatore non solo ha sottolineato il diritto dei rifugiati al ritorno, ma ha anche chiarito che tali diritti devono essere assicurati piuttosto che stabiliti. Ciò rifletteva il consenso prevalente riguardo alle norme del Diritto Internazionale quando si tratta di rifugiati.

Bernadotte ha inoltre chiarito che:

“Il diritto dei rifugiati arabi di tornare alle loro case nel territorio controllato dagli israeliani il prima possibile dovrebbe essere assicurato dalle Nazioni Unite, e il loro rimpatrio, reinserimento e riqualificazione economica e sociale, e il pagamento di un adeguato risarcimento per la proprietà di coloro che scegono di non tornare, dovrebbe essere supervisionato e assistito dalle Nazioni Unite”.

La difesa di Bernadotte per i profughi palestinesi e la sua affermazione che Gerusalemme, a quel tempo occupata e sottoposta a una completa campagna di pulizia etnica, dovrebbe essere posta sotto il controllo internazionale e non sionista non poteva essere tollerato dal governo sionista in Palestina. Il 17 settembre 1948, un giorno dopo aver presentato il suo rapporto sui progressi compiuti, Folke Bernadotte fu assassinato in un attacco terroristico da membri di una milizia sionista.

I terroristi hanno agito su ordine per sbarazzarsi di Bernadotte, e sebbene in seguito sia stato affermato che gli assassini facevano parte di un gruppo estremista marginale e che il governo centrale sionista provvisorio ha formalmente condannato l’assassinio, non c’è dubbio che l’intero direttivo sionista fosse complice dell’omicidio di Bernadotte.

Sebbene gli assassini fossero ben noti e avessero persino rilasciato interviste, nessuno fu mai assicurato alla giustizia. Una delle persone note per essere state direttamente coinvolte nell’omicidio era Yitzhak Shamir, sebbene non facesse parte della squadra terroristica che ha commesso l’omicidio. Shamir ha continuato a servire in molti importanti incarichi del governo israeliano, compreso quello di Primo Ministro.

RISOLUZIONE 194

L’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha accolto le raccomandazioni di Bernadotte quando ha adottato la Risoluzione 194 e, a seguito della sua morte, ha istituito la Commissione di Conciliazione delle Nazioni Unite per la Palestina (United Nations Conciliation Commission for Palestine – UNCCP), che ha assunto le principali funzioni di Mediatore. Per quanto riguarda i rifugiati, la risoluzione afferma che l’Assemblea Generale:

Decide che i rifugiati che desiderano tornare alle loro case e vivere in pace con i loro vicini dovrebbero essere autorizzati a farlo il prima possibile e che dovrebbe essere pagato un indennizzo per la proprietà di coloro che scelgono di non tornare e per la perdita o il danno della proprietà che, in base ai principi del diritto internazionale o secondo equità, dovrebbe essere risarcita dai governi o dalle autorità responsabili;

A seguito del rifiuto di Israele di soddisfare la richiesta del Mediatore di consentire ai rifugiati di tornare alle loro case, al paragrafo 11, l’Assemblea Generale ha sottolineato che:

Incarica la Commissione di Conciliazione di facilitare il rimpatrio, il reinsediamento e il reinserimento economico e sociale dei rifugiati e il pagamento del risarcimento, e di mantenere stretti rapporti con il Direttore delle Nazioni Unite per il soccorso dei rifugiati palestinesi e, tramite lui, con gli organi e le agenzie competenti delle Nazioni Unite.

Il lavoro della Commissione di Conciliazione delle Nazioni Unite per la Palestina (UNCCP) è stato completato nel 1964. Secondo questo studio, i documenti negli archivi della Commissione rivelano che il valore della terra di proprietà privata dei rifugiati palestinesi ammontava a 204.660.250 sterline palestinesi britanniche, equivalenti a 9,6 miliardi di dollari USA nel 2019.

Lo studio afferma anche che le stime della Commissione sono considerate “incomplete e sottostimate”, ma sono le più accurate dal punto di vista metodologico fino ad oggi. “Al di là delle perdite fondiarie, un regime di compensazione dovrebbe prendere in considerazione anche le perdite di beni mobili, l’indennità di turbativa (che rappresenta la perdita di reddito fino a quando un rifugiato non può ristabilirsi), il pagamento di indennità che rappresenta un risarcimento generale per le difficoltà e i costi di reintegrazione.”

Nell’agosto del 1961, su suggerimento del governo degli Stati Uniti, la Commissione nominò il dottor Joseph E. Johnson come rappresentante speciale. La stima complessiva di Johnson dell’importo dovuto ai rifugiati palestinesi per il risarcimento era di 1,377 miliardi di dollari USA nel 1962. Ciò equivale a 22,975 miliardi di dollari nel 2019. Tutto questo solo per i rifugiati del 1948.

La risoluzione 194 è una delle risoluzioni più ampiamente riaffermate nella storia delle Nazioni Unite. Questo studio afferma che: “risoluzioni che sono state riaffermate centinaia di volte non solo confermano un consenso internazionale consolidato, ma acquisiscono un carattere legale”. La risoluzione 194 è stata ripetutamente riaffermata nel corso degli anni, ed è persino servita da precedente nelle risposte internazionali ad altre crisi di rifugiati.

ORDINE MILITARE 58

All’indomani dell’assalto israeliano del 1967 e della conquista delle terre arabe, e subito dopo aver occupato la Cisgiordania, l’esercito israeliano ha emesso l’ordine militare 58. L’ordine autorizza il sequestro di qualsiasi proprietà posseduta da residenti della Cisgiordania che si trovassero al di fuori dell’area il 7 giugno 1967, e quella di coloro che successivamente se ne sono andati. “L’Ordine Militare 58 replica la Legge sulla Proprietà degli Assenti del 1950 per i territori del 1967, applicandola a un territorio che Israele presumibilmente “occupa e su cui non ha sovranità.”

Secondo questo studio, l’Ordine Militare 58 “ha una portata più ampia rispetto alla Legge sulla Proprietà degli Assenti”, in quanto ha permesso ad Israele di prendere il controllo sulla proprietà che era stata detenuta dalla Giordania dal 1948 e l’ha posta sotto il controllo dell’autorità garante di Israele. Inoltre, è permanente, copre qualsiasi palestinese che lasci la Cisgiordania e rimane in vigore ancora oggi.

DIRITTO INTERNAZIONALE

Il governo britannico inizialmente fece due promesse contrastanti riguardo alla Palestina, una agli arabi palestinesi nativi e l’altra alla comunità ebraica immigrata-colonizzatrice. Tuttavia, le azioni del governo britannico hanno chiarito che la Gran Bretagna era favorevole alla creazione di quello che divenne noto come uno stato ebraico, o più precisamente, uno stato sionista, in Palestina. Come nota a margine, vale la pena ricordare che la locale comunità ebraica ortodossa residente in Palestina all’epoca si oppose con veemenza ai sionisti e alla creazione di uno stato sionista. Hanno reso nota la loro opposizione agli inglesi, alle Nazioni Unite e alla locale dirigenza araba palestinese, con la quale avevano ottimi rapporti.

Il sostegno britannico alle rivendicazioni sioniste nei confronti della Palestina ha permesso un completo assalto militare da parte delle milizie sioniste contro la comunità palestinese nativa. Ciò alla fine portò alla creazione di uno stato sionista indipendente e alla sottomissione, espropriazione, esilio ed eradicazione della popolazione araba palestinese autoctona. Ha anche portato a misure che impediscono il ritorno dei palestinesi forzatamente sfollati, promuovendo attivamente l’immigrazione ebraica con il pretesto del ritorno. Di conseguenza, c’è attualmente una crisi dei rifugiati irrisolta “che si è trasformata nella più grande e persistente nella storia moderna”.

Un punto cruciale che deve essere riconosciuto è che i diritti dei profughi palestinesi al ritorno, alla restituzione e al risarcimento erano già sanciti dal diritto internazionale nel 1948. L’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha riaffermato questi diritti nella risoluzione 194.

Nel 1948 i profughi avevano già il diritto di tornare alle loro case. Invece, 750.000 rifugiati furono denazionalizzati in massa, impedito di tornare alle loro case e costretti a un esilio apparentemente senza fine. In altre parole, Israele aveva già violato i suoi obblighi ai sensi del Diritto Umanitario Internazionale e della Legge sulla Responsabilità dello Stato nel 1948.

Da allora, le politiche e le pratiche dei successivi governi israeliani continuano a impedire il ritorno e l’autodeterminazione del popolo palestinese. Israele nega ai profughi palestinesi il diritto al ritorno, alla restituzione e al risarcimento, e i vertici israeliani continuano persino a negare l’esistenza stessa di un popolo palestinese. Israele giustifica le sue azioni sfidando il fondamento dei suoi obblighi e quello dei diritti dei palestinesi, e la comunità internazionale è stata debole e assente.

La pratica che si è evoluta dopo la seconda guerra mondiale afferma che le rivendicazioni individuali e collettive dei rifugiati non si escludono a vicenda, ma piuttosto si rafforzano a vicenda. In realtà, si tratta di sfide riscontrate in altri casi di sfollamento di massa, gravi violazioni dei diritti umani e in cui il passare del tempo ha aumentato il numero di ricorrenti. L’alto numero di possibili richiedenti tra i rifugiati palestinesi è spesso visto come una giustificazione di Israele nel suo rifiuto di riconoscere i diritti dei rifugiati palestinesi in generale. Tuttavia, data la chiarezza dei diritti individuali e la natura delle violazioni implicate nel caso palestinese, “le rivendicazioni individuali e le rivendicazioni in massa per gruppi di individui devono essere affrontate”.

Si tratta di questioni che possono essere superate, come hanno dimostrato le riparazioni alle vittime della persecuzione nazista. Includevano molteplici richieste in diverse giurisdizioni all’interno di diversi paesi e continenti, con accordi raggiunti molti decenni dopo che le violazioni avevano avuto luogo.

Il governo israeliano incoraggia con forza gli ebrei di tutto il mondo a stabilirsi in Israele mentre preme affinché vengano adottate leggi sulla restituzione per quanto riguarda le perdite subite dal popolo ebraico. Allo stesso tempo, nega categoricamente ai palestinesi il diritto di tornare e reinsediarsi nella loro patria ed essere risarciti. Considerando che Israele è uno stato coloniale queste politiche non sono insolite, ci si chiede, tuttavia, quando la comunità internazionale interverrà a favore dei milioni di profughi palestinesi in attesa di tornare.

DIRITTO AL RITORNO

Israele si oppone al ritorno dei profughi palestinesi sostenendo che si tratta di una minaccia esistenziale. Tuttavia, ciò che le istituzioni sioniste temono allo stesso modo sono le richieste di restituzione e risarcimento ai sensi del Diritto Internazionale per le proprietà sia private che pubbliche e per le risorse naturali rubate al popolo palestinese.

Nel 1949, la Convenzione di Ginevra elaborò il divieto di espulsione e fece espressamente riferimento al rimpatrio delle persone protette. L’articolo 49 della Convenzione proibisce “trasferimenti forzati individuali o di massa, così come l’espulsione di persone protette dal territorio occupato”. Continua dicendo che “Tutte le persone protette che desiderano lasciare il territorio all’inizio o durante un conflitto, hanno il diritto di farlo”.

Le istituzioni e i portavoce filo-sionisti affermano che la questione dei rifugiati ha in qualche modo raggiunto una prescrizione immaginaria. Tuttavia, il fondamento giuridico dei diritti dei rifugiati palestinesi al rimpatrio, alla restituzione e al risarcimento, come affermato nella risoluzione 194, non solo non è scaduto ma, secondo questo studio, “si è consolidato”. Inoltre, secondo gli articoli sulla responsabilità dello Stato, “la responsabilità dello Stato non si prescrive”.

È solo per ragioni politiche che i diritti dei profughi palestinesi continuano ad essere ignorati. Le istituzioni sioniste in tutto il mondo, con il sostegno del governo degli Stati Uniti, stanno facendo tutto il possibile per sminuire la gravità della questione dei profughi palestinesi e per assolvere Israele da ogni responsabilità. La caduta del regime segregazionista sionista in Palestina e l’emergere di una Palestina libera e democratica al suo posto è senza dubbio l’unico sviluppo che può realisticamente portare al ritorno dei rifugiati.

Miko Peled è uno scrittore e attivista per i diritti umani, nato a Gerusalemme. E’ autore di “Il figlio del generale. Viaggio di un israeliano in Palestina”, e “Ingiustizia, la storia dei cinque della Fondazione Terra Santa.”
Traduzione: Beniamino Rocchetto – Liberamente

 

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.