Un Natale quasi perfetto…

Posted on 26 dicembre 2013

 immagine1

Sembrava troppo bello per essere vero : una bella vigilia, la preghiera nella grotta da solo,una bellissima S.Messa nella notte, le belle parole del Patriarca, la S.Messa mattuttina ed il pranzo con le suore e con i bambini, una bella visita degli amici cavalieri alla casa, altre belle visite di altri amici e l’agognato riposo.

Sembrava un Natale quasi perfetto e quando tutto stava per concludersi per il meglio ecco la solita dose quotidiana di “disumanità” costruita per portarti via la gioia dell’incontro con il Signore: una lunga attesa a Kfar Etzion per prendere il permesso della moglie di un mio amico italiano.  

Devono partire domattina per l’Italia e non è bastato alla famigliola aver passato quasi tutto il Natale in attesa con i due bambini piccoli, davanti al DCO (la caserma militare che gestisce i permessi dei palestinesi).

La telefonata per “recuperare” il permesso è arrivata alle h.21.40 e così ho dovuto accompagnare io la signora mentre il marito è rimasto a casa con i due piccoletti anche per evitare di riportarli al freddo in macchina.  

Arrivati davanti alla base militare non riusciamo a capire da che parte andare e mentre iniziamo di nuovo a preoccuparci ecco che si avvicina una camionetta per domandarci cosa ci facciamo davanti ad un cancello chiuso.

Proviamo a spiegare ma anche loro sono quasi increduli.

Domandiamo aiuto e ci dicono che appena hanno “fatto”, ripasseranno.

Nella macchina vediamo sui sedili posteriori due ragazzi bendati con una fascia…mi racconta per telefono il marito che oggi nelle 8 ore di attesa ne saranno passati circa 30 di ragazzi bendati per essere portati chissà dove e chissà a far cosa.

Giriamo per circa mezz’ora tra i vari cancelli senza riuscire a trovare nulla poi alla fine troviamo quello giusto e dopo un ora recuperiamo il permesso e torniamo a casa.  

Sono le 23.30 e con il permesso in mano si può stampare i biglietti…domani partiranno per qualche giorno di vacanza!!!  

E finalmente forse anche io posso andare a dormire dopo una lunga giornata che non poteva finire in un modo “tranquillo”…sarebbe stato troppo bello e troppo “umano” questo Natale!!!

 

Abuna Mario                                                              Io vivo ALDILA’ del Muro

immagine2

Contrassegnato con i tag:

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam