“UN NUOVO MUSEO AL VIMINALE” – di Nandino Capovilla

0

UN NUOVO MUSEO AL VIMINALE

 

Ho immortalato alcune anziane donne del campo profughi di Ramallah, mentre, con gli occhi sbarrati, vedono scorrere sui pannelli del nuovo Museo della Nakba, tutta la violenza subita, dal 1948 ad oggi, dal loro stesso popolo delle tende.

Propongo che si cominci a studiare l’allestimento più adatto per un corrispondente Museo della “catastrofe” dei profughi di oggi, nella Nakba dei nostri giorni. Non mancheranno sui pannelli i volti di chi l’Italia ha respinto.
Accompagnerò io stesso come visitatori i profughi di oggi ed essi rivedranno con gli occhi sbarrati, tutta la violenza subita del loro stesso popolo dei barconi.

 

Suggerisco la prima didascalia, da una poesia del grande poeta palestinese:

“I CHICCHI DELLA MIA SPIGA 
CHE VA SECCANDO 
RIEMPIRANNO LA VALLE DI GRANO”

(Mahmoud Darwish, profugo, 1971)

“UN NUOVO MUSEO AL VIMINALE” – di Nandino Capovilla

https://www.facebook.com/nandinocapovilla/posts/1895312047197855

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.