UN OSPEDALE DI GERUSALEMME DOVE I BAMBINI PALESTINESI MUOIONO DA SOLI

0

tratto da: http://contropiano.org/news/internazionale-news/2019/06/22/un-ospedale-di-gerusalemme-dove-i-bambini-palestinesi-muoiono-da-soli-0116682

di The Guardian (Traduzione Di Sergio Scorza)

Il blocco israeliano su Gaza significa che i genitori sono separati dai bambini malati.

A prima vista, nulla è apparso fuori posto nell’unità di terapia intensiva per bambini (nella foto d’apertura). Nove letti erano pieni di nove piccoli neonati, tutti con tubi attaccati ai loro corpi magri. I monitor emettevano i suoni di fermi elettronici permanenti. Gli infermieri camminavano dal capezzale al capezzale. Un pediatra dall’aria stanca compilò i documenti.

Eppure mancava qualcosa: non c’erano genitori.

Alcuni erano stati mandati a casa a riposare, o potevano bere con ansia il caffè nella caffetteria al piano di sotto. Ma per due bambini in questo ospedale palestinese di Gerusalemme, le loro madri sono rimaste intrappolate a un’ora e mezza da un blocco imposto da Israele a Gaza. Entrambi i bambini sarebbero poi morti, uno senza vedere di nuovo sua madre.

I bambini palestinesi gravemente malati, portati da Gaza povera e devastata dalla guerra all’ospedale Makassed meglio equipaggiato, stanno soffrendo e morendo da soli.

Hiba Swailam, 24 anni, con a bordo il suo bambino di cinque mesi a Beit Lahia. Foto: Wissam Nassar / The Guardian

Israele consente l’uscita temporanea da Gaza per motivi medici, in alcuni casi, ma non tutti. Allo stesso tempo, impedisce o seriamente ritarda la partenza di  molti genitori mentre altri nemmeno chiedono di partire temendo che i controlli di sicurezza estesi per gli adulti possano ritardare il permesso di uscita del loro figlio e fargli perdere così tempo vitale.

Dall’inizio dell’anno scorso, 56 bambini di Gaza sono stati separati dalle loro madri e dai loro padri, sei dei quali sono morti senza un genitore presente, secondo l’ospedale.

In un caso, a una madre di 24 anni di Gaza, è stato permesso di recarsi a Gerusalemme per dare alla luce tre gemelli gravemente malati con due mesi di anticipo. Due pesavano meno di un sacco di zucchero.

Ma il permesso di Hiba Swailam è scaduto e lei è dovuta tornare a Gaza. Non era lì quando il suo primo figlio morì a nove giorni, o due settimane più tardi, quando anche il suo secondo bambino morì. Lei è stata informata per telefono.

Shahad Swelem Fotografia: Wissam Nassar / The Guardian

La bambina sopravvissuta, Shahad, trascorse i primi mesi della sua vita curata dalle infermiere e Hiba poteva vedere sua figlia solo in videochiamate. Mentre il bambino era pronto per la dimissione da febbraio, nessun membro della famiglia era in grado di prenderla.

Dopo essere stati contattati per un commento, le autorità israeliane hanno permesso a Swailam di uscire da Gaza. Le è stato permesso di recarsi a Gerusalemme lo stesso giorno in cui Israele ha risposto alla richiesta di un commento del Guardian il 29 maggio.

“Medici per i diritti umani- Israele”, un’associazione medica senza fini di lucro israeliana, ha detto che l’anno scorso sono stati rilasciati più di 7000 permessi per minori da Gaza. Furono concessi meno di 2000 permessi per i genitori, il che suggerisce che la maggior parte dei bambini viaggiasse senza la madre e il padre. Mor Efrat, il direttore del gruppo per i territori palestinesi occupati , ha dichiarato che “il governo israeliano dovrebbe essere ritenuto responsabile per le sofferenze umane”.

Separare i bambini malati dai loro genitori può avere un impatto devastante. I medici credevano che una delle bimbe morte quando la loro madre era a Gaza era in  una condizione per la quale uno dei migliori passi preventivi è l’allattamento al seno . “Non dico che si sarebbe salvata se la madre fosse stata lì ma  ciò avrebbe ridotto le possibilità”, ha detto Hatem Khammash, il capo dell’unità neonatale.

Hiba Swailam che trasportava sua figlia Shahad, con il marito Mohammad e sua suocera Khadra a Beit Lahia. Foto: Wissam Nassar / The Guardian)

Ibtisam Risiq, l’infermiera del personale di servizio incaricata presso l’unità di terapia intensiva pediatrica, ha osservato un effetto psicologico dei neonati che sono da soli durante le sue cure. “Hanno bisogno di amore. I loro battiti cardiaci salgono. Sono depressi “ ha detto seduta alla sua scrivania, pile di carta dappertutto, mentre le sue infermiere si affrettavano a tenere in vita i bambini. Li rimproverò per aver lasciato gli involucri medici abbandonati sul pavimento. Un grande schermo del computer dietro di lei mostrava la frequenza cardiaca di ciascuno dei pazienti. Mentre parlava, uno balzò a 200 battiti al minuto. “Dovrebbero essere 130” disse, e rapidamente mandò un’infermiera.

I medici entrarono e uscirono. Risiq prese il telefono per discutere con un amministratore che aveva chiamato perché un altro bambino aveva bisogno di cure urgenti.Chiesero invano se qualcuno dei pazienti di Risiq fosse abbastanza stabile da passare a un’unità a rischio più basso.  “Siamo al 100% di occupazione”, ha detto Risiq. “Succede ogni giorno. Lo affronterò ogni giorno. ”

Già alle prese con problemi finanziari, l’ospedale di Makassed ha vacillato da quando Donald Trump ha tagliato milioni di dollari l’anno scorso in assistenza medica a questo ed altri ospedali che curano i palestinesi a Gerusalemme Est.

Una feroce rivalità politica tra le fazioni politiche palestinesi in Cisgiordania e Gaza ha anche aggravato la crisi sanitaria. L’Autorità palestinese (AP) con sede in Cisgiordania, l’unico gruppo con cui Israele è in contatto, è stata accusata di aver tagliato gli aiuti medici a Gaza per spingere Hamas a cedere il controllo della striscia, un’accusa che l’AP nega.

Saleh al-Ziq, il capo dell’ufficio di “Gaza per Gaza” che inoltra le domande di permesso di uscita a Israele, ha detto che i bambini ammalati devono essere accompagnati solo da persone sopra i 45 anni, i cui permessi sono stati solitamente trattati più rapidamente dalle autorità israeliane in quanto ritenuti meno rischiosi.

Il risultato è che, dal momento che i genitori, di solito. sono più giovani, Makassed è pieno di nonni. L’ospedale deve coprire il loro alloggio e il cibo, e ha allestito dei rimorchi per farli dormire. Ma in alcuni casi anche loro devono tornare a Gaza e i bambini vengono lasciati completamente soli.

Nel reparto di terapia intensiva pediatrica, Risiq raccoglie un grande libro verde pieno delle sue annotazioni scarabocchiate di ammissioni, molti dei quali bambini prematuri.

Un neonato, Reema Abu Eita, venne con sua nonna da Gaza per la chirurgia del midollo spinale di emergenza. Era in ritardo quando aveva un’infezione, disse Risiq, guardando il bambino, gli occhi chiusi e il petto che pompava. Il padre di Abu Eita, un autista di ambulanza, è riuscito a ottenere un permesso per visitare sua figlia, ma il bambino è morto prima di tornare a Gaza.

Un altro neonato di Gaza, Khalil Shurrab, arrivò con un fegato ingrossato. Giallo con ittero, aveva sofferto di convulsioni.  La nonna di Khalil lo accompagnò, secondo suo padre, che parlò da Gaza. “Il personale dell’ospedale le ha insegnato come mandarmi le mie foto e mia moglie su WhatsApp”, ha detto Jihad Shurrab, 29 anni.

Sua moglie, Amal, ha detto che aveva smesso di dormire dopo la partenza di suo figlio. “Vorrei poter essere andato con lui a Gerusalemme. Stavo supplicando tutti, ma hanno detto che sono giovane e che la parte israeliana non accetterebbe “.

Per il sollievo delle famiglie, Makassed alla fine aveva dimesso Khalil dopo un mese, e il bambino poteva tornare a Gaza. Ma quando lo portò, scoprirono che il farmaco era localmente non disponibile. “Il gonfiore stava aumentando“, disse suo padre. Decise  di provare a lasciare Gaza a sud attraverso l’Egitto, che impone anche un blocco ma consente di viaggiare in certi casi. “Il giorno in cui dovevamo partire è morto.”

Israele dice che il blocco di terra, aria e mare a Gaza è per impedire ad Hamas e ad altri gruppi militanti di lanciare attacchi. L’ONU la chiama “punizione collettiva” per i 2 milioni di persone intrappolate lì. I residenti lo chiamano un assedio.

COGAT, l’organismo del ministero della Difesa responsabile del coordinamento delle attività del governo israeliano nei territori palestinesi, ha dichiarato, in una risposta scritta, che non aveva limiti di età per i permessi e che ogni richiesta è stata esaminata individualmente. Riguardo al “caso delle terzine”, ha dichiarato che “ fu un errore umano nei moduli di domanda” ma significava che una richiesta presentata dalla madre in aprile era stata respinta.

Israele per la crisi sanitaria a Gaza ha accusato Hamas e l’Autorità Palestinese, sostenendo che  ” hanno ridimensionato in maniera massiccia il budget per gli aiuti medici per i residenti della Striscia di Gaza”. Ma non si è fermata qui. Secondo il COGAT  Hamas aveva usato i pazienti come muli per contrabbandare esplosivi e “fondi del terrore” in Israele”. 

Il COGAT ha messo le mani avanti :” Siamo attivi nell’emissione di decine di migliaia di permessi per i pazienti e nell’emissione di permessi per i medici palestinesi che ricevono una formazione negli ospedali in Israele”.

L’unità di terapia intensiva neonatale nell’ospedale di Al Makassed a Gerusalemme est. Fotografia: Quique Kierszenbaum

Mentre è più difficile per le persone a Gaza uscire, Makassed serve anche la Cisgiordania, e anche i genitori palestinesi trovano difficile, a volte impossibile, raggiungere l’ospedale. Israele rivendica la sovranità su tutta Gerusalemme e ha isolato anche i quartieri arabi della maggioranza dal resto dei territori palestinesi. Alcuni pazienti, molti bambini più grandi con cancro, hanno famiglie che vivono a pochi minuti di distanza ma che non possono visitare.

La separazione dei bambini dalle loro famiglie è così comune che gli ospedali palestinesi di Gerusalemme forniscono tablet per fare chiamate su Skype.

Un’assistenza sanitaria con sede nel Regno Unito, Medical Aid for Palestinians, ha offerto ai parlamentari britannici visite all’ospedale Makassed per mostrare loro i risultati della separazione dei bambini dai loro genitori.

Un deputato laburista che ha visitato ha detto che sta premendo sul governo del Regno Unito per chiedergli di intervenire. Rosena Allin-Khan, che lavorava come medico d’urgenza, ha dichiarato:“Nessun bambino, in qualsiasi parte del mondo, dovrebbe essere solo nel suo momento di maggiore bisogno. Il governo britannico deve pretendere dalle autorità israeliane di revisionare questo sistema inumano”.

 

*Da The Guardian del 20/06/2019, Holiver Holmes a Gerusalemme e Hazem Balousha a Gaza

Articolo originale al link https://www.theguardian.com/world/2019/jun/20/a-jerusalem-hospital-where-palestinian-babies-die-alone?CMP=share_btn_fb&fbclid=IwAR2m0uibOfIA7vvn69_sZGmNaVHFF9pI5D-xdTc81n5UM8nwQQ9Xe5H4lok

 – © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

 

 

 

Un ospedale di Gerusalemme dove i bambini palestinesi muoiono da soli

 

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.