Un uomo costretto a demolire la sua casa a Gerusalemme Est

19 Ago 2013

 

COME CI SI DEVE SENTIRE, ABBATTENDO CON LE PROPRIE MANI LA CASA IN CUI SI E’ VISSUTI PER ANNI?

Un uomo costretto a demolire la sua casa a Gerusalemme Est

Pubblicato ieri (aggiornato) 19/08/2013 10:11

immagine2

GERUSALEMME (Ma’an) -. Un palestinese di Gerusalemme è stato costretto a demolire la propria casa domenica dopo che le autorità israeliane hanno dichiarato che la proprietà era senza licenza.

Ziad Ameira ha detto a Ma’an che ha costruito la sua casa nella zona di Sur Bahir di Gerusalemme Est 15 anni fa su un terreno ereditato dal padre. Nove membri della famiglia vivevano sulla proprietà. “Nonostante la situazione difficile per i membri della mia famiglia, oggi e ieri ho demolito la casa in cui ho vissuto per 13 anni a seguito della decisione della corte comunale dell’occupazione “, Ameira ha detto a Ma’an. Ha scelto di demolire la sua casa per evitare di pagare la multa di 73.000 shekel (20.400 $) inflitta dalla municipalità di Gerusalemme per i costi di distruzione. Ameira ha dovuto inoltre ancora pagare 25.000 shekel ($ 7.000) per assumere un bulldozer e camion per trasportare le macerie.

Il Comune di Gerusalemme di Israele ha emesso un ordine di demolizione per la casa 20 giorni dopo che la prima famiglia vi si era trasferita, ma Ameira era stato in grado di rimandarla pagando più multe e istruendo diverse sfide legali. Nel maggio scorso, le autorità israeliane hanno rilasciato una decisione definitiva di demolire la casa con il pretesto che è stata costruita senza permesso.

Le forze israeliane hanno demolito 412 unità abitative a Gerusalemme Est tra il 2004 e il 2012, secondo B’Tselem, lasciando 1.636 palestinesi senza casa. Le abitazioni palestinesi sono di solito demolite sotto il pretesto di non avere un permesso di costruzione.

Le cifre della ONG israeliana Bimkom mostrano che il 95 per cento delle domande di palestinesi per un permesso di costruzione sono respinte. I gruppi per i diritti dicono che Israele attua una serie di pratiche discriminatorie sulle abitazioni, la pianificazione, i diritti di residenza e la dotazione di bilancio a Gerusalemme Est, con l’obiettivo di ridurre il numero di palestinesi che vivono in città.

https://www.facebook.com/IlPopoloCheNonEsiste?ref=stream&hc_location=timeline

…………………………………………………………………………

ARTICOLO ORIGINALE

http://www.maannews.net/eng/ViewDetails.aspx?ID=621823

Monday  19/08/2013,  17:07   (Jerusalem)

Man forced to demolish own home in East Jerusalem

Published yesterday (updated) 19/08/2013 10:11

immagine1

JERUSALEM (Ma’an) — A Palestinian from Jerusalem was forced to demolish his own home on Sunday after Israeli authorities declared that the property was unlicensed.

Ziad Ameira told Ma’an that he built his home in the Sur Bahir area of East Jerusalem 15 years ago on land inherited from his father.

Nine family members lived on the property.

“Despite the difficult situation for the members of my family, today and yesterday I demolished the house that I lived in for 13 years as a result of the decision of the occupation’s municipal court,” Ameira told Ma’an.

He chose to demolish his home to avoid a 73,000 shekel ($20,400) fine imposed by the Jerusalem municipality for destruction costs.

Ameira still had to pay 25,000 shekels ($7,000) to hire a bulldozer and trucks to transport the rubble.

Israel’s Jerusalem municipality issued a demolition order for the home 20 days after the family first moved in, but Ameira was able to postpone it by paying multiple fines and mounting several legal challenges.

Last May, Israeli authorities issued a final decision to demolish the home on the pretext that it was built without a permit.

Israeli forces demolished 412 housing units in East Jerusalem between 2004-2012, according to B’Tselem, leaving 1,636 Palestinians homeless.

Palestinian homes are usually demolished under the pretext of not having a building permit. Figures from Israeli NGO Bimkom show that 95 percent of Palestinian applications for a building permit are rejected.

Rights groups say that Israel implements a series of discriminatory practices in housing, planning, residency rights and budget allocation in East Jerusalem, with the aim of reducing the number of Palestinians living in the city.

 

Contrassegnato con i tag:

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam