UN VENERDI’ DI PREGHIERA…

immagine1

Anche oggi, come tanti altri venerdi’, abbiamo dato vita alla nostra INTIFADA Cristiana tra BetJala e Betlemme. E che vita oggi!!! Eravamo tanti : c’erano gli amici di Bologna del gruppo UN PONTE PER LA TERRASANTA con abuna Max. C’erano i ragazzi spagnoli della Caritas che stanno svolgendo un campo di servizio presso le nostre parrocchie. Ma soprattutto c’erano 80 giovani provenienti da tutta la Palestina che in questi giorni sono al Campo Scuola diocesano a BetSahour. Un bel mix di giovani!!!

Sotto gli ulivi abbiamo celebrato l’Eucaristia per ridire il nostra SI al Dio della Pace ed il nostro NO al muro della vergogna che vuole mangiare la terra e gli ulivi delle nostre famiglie cristiane. Siamo ancora in attesa del giudizio della Corte Suprema dello stesso stato che rubera’ la terra di BetJala e questo non ci da’ speranza ma soprattutto quello che ci fa’ “sorridere” e’ il ridicolo teatrino messo in piedi dagli americani che vogliono farvi credere che il processo di pace e’ ripartito…vi domando : come possiamo crederci noi che viviamo qua’ e che vediamo con i nostri occhi che sul campo la politica e’ tutt’altra ? Venite anche voi e vedrete che ogni giorno viene rubate la terra, vengono sradicati ulivi, vengono ammazzati e feriti giovani e ragazzi, vengono costruiti nuovi insediamenti, vengono umiliati e arrestati i manifestanti, vengono bloccati i pellegrini che vanno a celebrare il Ramadan, vengono portate via le mamme ai bambini e i figli alle mamme? Vedendo tutto questo come facciamo a credere alle chiacchiere americane?  Sono solo fumo negli occhi per continuare a coprire la vergogna di una occupazione che prosegue senza sosta ma che prima o poi finira’ perche’ non ci sara’ piu’ terra da rubare ne ulivi da sradicare ed allora cosa succedera’???

Non ci vogliamo pensare ma dobbiamo e possiamo continuare a dare una risposta cristiana a questa situazione e la risposta e’ : RESISTENZA. E la nostra piccola Intifada cristiana proseguira’ fino a che Dio non ci ascoltera’!!!  Continueremo a pregare e cantare in arabo, italiano, spagnolo, inglese e francese e speriamo ebraico prima o poi, nella certezza che siamo tutti figli dello stesso Padre che e’ nei cieli!

Dopo la S.Messa ci siamo spostati verso il muro di Betlemme dove il “mostro” ha gia’ mangiato terra ed ulivi a volonta’ ed ancora una volta le nostre “armi” hanno impaurito i militari che alla vista dei  Rosari hanno immediatamente chiuso il cancello temendo che la nostra scarica di Ave Marie potesse colpirli! Una ulteriore conferma che questa e’ la strada : una resistenza fatta di preghiera e di pazienza!

Per me non era la prima volta e quindi ero gia’ allenato a vedere questa scena surreale, mentre e’ stato davvero interessante vedere la reazione di stupore dei ragazzi italiani che non credevano ai loro occhi. Vedersi chiudere il cancello del muro in faccia ha fatto capire ai ragazzi italiani, piu’ di tante chiacchiere o racconti, l’assurdita’ di questa situazione e soprattutto gli ha fatto comprendere come Betlemme sia una piccola prigione a cielo aperto nel vero senso della parola!

La conclusione del Rosario, sotto l’immagine della Madonna del Muro, con il canto del Salve Regina e’ stato un altro momento toccante che ha permesso ai ragazzi di capire come la non-violenza e’ piu’ pericolosa della violenza e la preghiera e’ piu’ forte di ogni altra cosa!

Mentre tornavamo al pulman e’ stato bellissimo cantare tutti insieme BETLEMME dei THE SUN e gridare verso i soldati che questa volta non hanno chiuso il cancello : “Mi hai detto cerca, distingui, ascolta, il muro inganna, il male trama…Betlemme cerca solo Pace e semplicita’”

Per concludere, vi allego la preghiera che don Davide di Reggio Emilia ha scritto per la Madonna del Muro presso la quale siete tutti invitati a venire il prossimo venerdi’…se non fisicamente almeno spiritualmente. :

Madre di Gesu’, Maria
ci rivolgiamo a Te invocando la pace per questa terra
benedetta dalle promesse e dalla fedelta’ di Dio,
ma lacerata dalla paura e dalla durezza dell’uomo.
Ferita dolorosa, questo muro schiaccia la dignita’ dei tuoi figli
e uccide il futuro nel cuore delle donne e degli uomini
che posano su di esso lo sguardo: vieni in nostro aiuto, Vergine della Speranza!
Tu che hai percorso queste strade di Palestina custodendo
amorevolmente nel tuo grembo il Figlio dell’Altissimo,
consola tra le tue braccia i figli che piangono le vittime dell’ingiustizia e dell’odio.
Aurora di salvezza, Maria donna della pentecoste, insegnaci
ad essere docili alla voce dello Spirito e credere fermamente che  la potenza del perdono  e’ capace di disarmare la vendetta e di sgretolare i cuori di pietra.
La fede nel tuo figlio Gesu’, signore della storia, sia la nostra forza.
Regina della Pace, prega per noi !

 

muro1
muro
http://abunamario.wordpress.com/2013/08/03/un-venerdi-di-preghiera/

 

 

immagine2

Contrassegnato con i tag:

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam