Una dichiarazione concernente le misure di polizia israeliane del Sabato Santo

0

Scritto il mag 13, 2013

Comunicato stampa: Di seguito una dichiarazione dei Patriarchi e Capi delle Chiese di Gerusalemme concernente le misure di polizia israeliane il Sabato Santo – maggio 2013.

 IMMAGINE1

Noi,  Capi delle Chiese di Gerusalemme, abbiamo guardato con cuore triste le terribili scene del trattamento brutale subito dal nostro clero, dalla gente e dai pellegrini nella Città Vecchia di Gerusalemme durante il Sabato Santo della scorsa settimana. Un giorno di gioia e di festa si è trasformato in grande dolore e sofferenza per alcuni dei nostri fedeli perché sono stati maltrattati da alcuni poliziotti israeliani che erano presenti nelle vicinanze delle porte della Città Vecchia e nei passaggi che conducono al Santo Sepolcro.

Comprendiamo la necessità e l’importanza della presenza delle forze di sicurezza, per garantire l’ordine e la stabilità e per l’organizzazione della celebrazione del Fuoco Santo nella Chiesa della Resurrezione. Tuttavia, non è accettabile che, col pretesto della sicurezza e dell’ordine, il nostro clero e la gente siano indiscriminatamente e brutalmente picchiati, e venga loro impedito di entrare nelle loro chiese, monasteri e conventi.

Esortiamo le autorità israeliane, in particolare il Ministero dell’Interno e il dipartimento di polizia di Gerusalemme, a prendere in seria considerazione i nostri reclami, a prendere  la propria responsabilità e a condannare tutti gli atti di violenza contro i nostri fedeli e il clero che sono stati maltrattati dalla polizia. Deploriamo che di anno in anno le misure di polizia divengano sempre più dure e ci auguriamo che questi incidenti non si ripetano e che la polizia sia più sensibile e rispettosa, se ​​cerca di proteggere e di servire.

Noi denunciamo anche tutti coloro che stanno accusando le Chiese ritenendole responsabili delle misure israeliane durante le celebrazioni della Settimana Santa. Al contrario, i Capi delle Chiese di Gerusalemme condannano tutte queste misure e le violazioni dei diritti dei cristiani al culto nelle loro chiese e luoghi santi. Pertanto, condanniamo tutte le misure di chiusura della Città Vecchia e sollecitiamo le autorità israeliane a consentire il pieno accesso ai luoghi santi durante la Settimana Santa di entrambi i calendari della Chiesa.

I Capi delle Chiese di Gerusalemme:

+Patriarca Theophilos III, Patriarcato Greco-Ortodosso

+Patriarca Fouad Twal, Patriarcato Latino

+Patriarca Norhan Manougian, Patriarcato Armeno Apostolico Ortodosso

+P. Pierbattista Pizzaballa, ofm, Custode di Terra Santa

+Arcivescovo Anba Abraham, Patriarcato Copto-Ortodosso, Gerusalemme

+Arcivescovo Swerios Malki Murad, Patriarcato Siro-Ortodosso

+Aba Fissiha Tsion, Locum Tenens del Patriarcato Etiope-Ortodosso

+Arcivescovo Joseph-Jules Zerey, Patriarcato Greco-Melchita-Cattolico

+Arcivescovo Moussa El-Hage, Esarcato Patriarcale Maronita

+Vescovo Suheil Dawani, Chiesa Episcopale di Gerusalemme e del Medio Oriente

+Vescovo Munib Younan, Chiesa Evangelica Luterana in Giordania e Terra Santa

+Vescovo Pierre Melki, Esarcato Patriarcale Siro-Cattolico

+Mons. Joseph Antoine Kelekian, Esarcato Patriarcale Armeno-Cattolico

 

http://it.lpj.org/2013/05/13/una-dichiarazione-concernente-le-misure-di-polizia-israeliane-del-sabato-santo/

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.