UNA PROFESSORESSA ISRAELIANA: ISRAELE TESTA LE ARMI SUI BAMBINI E LE MEDICINE SUI PRIGIONIERI PALESTINESI

0

17/03/2019

Le autorità di occupazione israeliane hanno permesso alle grandi aziende farmaceutiche di effettuare sperimentazioni sui prigionieri   e di testare  armi sui bambini palestinesi, questo è ciò che ha rivelato una docente dell’Università Ebraica in una recente serie di conferenze.

English version

Copertina: Nadera Shalhoub-Kevorkian tiene una conferenza alla Columbia University,

di Kathryn Shihadah  – Marzo 2019

Una professoressa universitaria israeliana, in una recente serie di conferenze alla Columbia University, ha rivelato che le autorità israeliane hanno permesso alle grandi aziende farmaceutiche di effettuare sperimentazioni  sui prigionieri palestinesi e di testare armi sui bambini.

La professoressa Nadera Shalhoub-Kevorkian,  titolare della cattedra in giurisprudenza presso l’Università ebraica israeliana, nel mese di gennaio ha parlato sullo stesso argomento anche ad Amsterdam.

Il materiale promozionale per gli eventi descrive la sua conferenza come una presentazione fatta attraverso “le voci e gli scritti dei bambini di Gerusalemme che vivono sotto l’occupazione” secondo cui le pratiche di Israele di rilevamento, imprigionamento, tortura e uccisione possono essere utilizzate come laboratorio per gli Stati, società di armi e agenzie di sicurezza per commercializzare le tecnologie  israeliane come “testate in combattimento”.

La presentazione di Shalhoub-Kevorkian era basata sui dati raccolti per un progetto di ricerca per l’università. Il lavoro, intitolato Arrested Childhood in Spaces of Indifference: The Criminalized Children of Occupied East Jerusalem, venne pubblicato nel Canadian Journal of Women and the Law nel 2018 scritto con Shahrazad Odeh, anche lei docente nella Facoltà di legge e dell’Istituto di Criminologia presso l’Università Ebraica.

Nell’articolo, le autrici dimostrano come la politica israeliana di colpire i bambini e l’infanzia dei palestinesi attraverso il sistema di giustizia criminale sia fondamentale per il meccanismo di espropriazione coloniale dello stato israeliano. Fanno luce sul ruolo critico che il sistema legale israeliano gioca nel “progetto razzista” dello Stato.

Sperimentazioni di medicinali sui prigionieri palestinesi

Nella sua conferenza alla Columbia University,Shalhoub-Kevorkian ha rivelato che le autorità di occupazione israeliane rilasciano permessi a grandi aziende farmaceutiche, che poi effettuano test sui prigionieri palestinesi.

Telesur lo ricordava già nel luglio 1997

   ” Il quotidiano israeliano Yedioth Ahronoth ha riferito che Dalia Itzik, presidente di una commissione parlamentare, ha riconosciuto che il Ministero della Sanità israeliano ha dato alle case farmaceutiche i permessi per testare i loro nuovi farmaci per i detenuti, rilevando che già erano stati effettuati 5.000 test”.

Il recente, ben pubblicizzato incidente della morte di un detenuto nelle prigioni israeliane, il palestinese Fares Baroud, ha sollevato il sospetto che potesse essere stato un soggetto testato. Le autorità israeliane hanno rifiutato di rilasciare il corpo. Baroud soffriva di numerose malattie.

Test delle armi a scopo di lucro

Shalhoub-Kevorkian ha anche sottolineato che le compagnie militari israeliane testano le armi sui bambini nei quartieri palestinesi di Gerusalemme Est occupata.

“Gli spazi palestinesi sono laboratori”, ha spiegato. “L’invenzione di prodotti e servizi di società di sicurezza sponsorizzate dallo Stato sono alimentate da coprifuoco a lungo termine e dall’oppressione dei palestinesi da parte dell’esercito israeliano” e “l’industria israeliana della sicurezza li sta usando come vetrine” per potenziare le tecnologie di sicurezza e le vendite di armi nel mercato globale.

Risposta dell’Università ebraica

L’Università Ebraica di Gerusalemme ha preso le distanze dalle affermazioni di Shalhoub-Kevorkian, rilasciando una dichiarazione,

   ” Le opinioni espresse dalla Prof. Nadera Shalhoub-Kevorkian non rappresentano né esprimono in alcun modo le opinioni dell’Università Ebraica o dell’amministrazione universitaria, ma sono la sua opinione personale che riflettono solo le sue opinioni.”

Nadera Shalhoub-Kevorkian è titolare della  cattedra Lawrence D. Biele presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Istituto di Criminologia e la Scuola di Lavoro Sociale e di Benessere Pubblico presso l’Università Ebraica di Gerusalemme e di una Cattedra  in Giurisprudenza presso la Queen Mary University di Londra.

La sua ricerca si concentra su legge, società e crimini di abuso di potere. Studia il crimine del femminicidio e di altre forme di violenza di genere, i crimini di abuso di potere nei contesti coloniali colonizzatori, la sorveglianza, la cartolarizzazione e il controllo sociale, i bambini, i traumi e il recupero nelle zone militarizzate e colonizzate. La Dottoressa. Shalhoub-Kevorkian è una criminologa e specialista in diritti umani e diritti delle donne.

Il libro più recente di Shalhoub-Kevorkian è intitolato: Security Theology, Surveillance and the Politics of Fear “(Teologia della Sorveglianza e  Politica della Paura), pubblicato dalla Cambridge University Press. Ha anche scritto “Militarizzazione e violenza contro le donne nelle zone di conflitto in Medio Oriente: il caso di studio palestinese”, pubblicato dalla Cambridge University Press, 2010. Ha pubblicato articoli in campi multidisciplinari tra cui il British Journal of Criminology, International Review of Victimology, Femminismo e psicologia, Diritto e governance del Medio Oriente, Rivista internazionale dell’educazione permanente, Rivista dello scienziato comportamentale americano, Revisione del servizio sociale, Violenza contro le donne, Rivista della terapia familiare femminista:An International Forum, Social Identities, Social Science and Medicine, Signs, Law & Society Review, e altro ancora.
Come residente nella vecchia città di Gerusalemme, Shalhoub-Kevorkian è una importante attivista locale. Si impegna in azioni dirette e in un dialogo critico per porre fine all’epigrafe del potere sulle vite dei bambini palestinesi, sugli spazi di morte e sui corpi e le vite delle donne che partoriscono.
________________________________________
Kathryn Shihadah scrive nello staff di If Americans Knew. Il suo  blog  è Palestine Home

Trad. Carmela Ieroianni – Invictapalestina.org

 

 

Una professoressa israeliana: Israele testa le armi sui bambini e le medicine sui prigionieri palestinesi

Una professoressa israeliana: Israele testa le armi sui bambini e le medicine sui prigionieri palestinesi

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.