UNA VIA TROPPO PERICOLOSA PER L’EDUCAZIONE – Studenti palestinesi tra violenze dei coloni e negligenze dei soldati israeliani (inglese ed italiano)

438

A DANGEROUS ROAD TO EDUCATION: SUMMARY OF THE 2016-2017 SCHOOL YEAR – 1 st SEMESTER

GENNAIO 30, 2017 AT 5:33 PM

(italian follows)

 S2150015

data collected on the period: 2016/08/28 – 2017/01/10

Children from the Palestinian villages of Tuba and Maghayir Al-Abeed began the first semester of the 2016-17 school year with Israeali soldiers escorting them to their school in the nearby Palestinian village of At-Tuwani. This is the thirteenth continuous year that these children have needed a military escort in order to walk to school safely.
To get to school the children must walk along a road which once provided easy travel between the villages, but which now runs between the Israeli settlement of Ma’on and the illegal outpost of Havat Ma’on. For the past thirteen years violent behavior by settlers from the outpost, the existence of which is illegal under both Israeli and International law, has made the road inaccessible to Palestinians. Even escorted by Israeli soldiers the schoolchildren continue to face the possibility of violence, harassment and intimidation as they walk to and from school.
During the first semester of the 2016-2017 school year an average of eight children between the ages of six and 16 walked with a military escort to and from school in the Palestinian village of At- Tuwani. Under Israeli Knesset Committee for Children’s Rights order, the military escort is responsible for protecting the children from settler violence and intimidation throughout their walk to school in the morning, and their return trip home in the afternoon.

Operation Dove volunteers documented multiple instances in which the military escort failed to provide protection to the children, leaving them vulnerable to settler violence on many occasions during the first semester of the 2016-2017 school year.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

MILITARY ESCORT DELAYS

Even with a military escort the walk between home and school remains difficult for the children of Tuba and Maghyir al Abeed. During the first semester of the 2016-17 school year the escort arrived late 23 times (in the morning) out of a total of 88 monitored school days. As a result the children missed a total of 7 hours of school (441 minutes).

Operation Dove volunteers reported an even greater incidence of late arrival by the escort in the afternoon, forcing the children to arrive home late and to lose their free time waiting. On 33 out of 88 school days (37%) the children were forced to wait in At- Tuwani after school for the arrival of the escort. During the first semester they waited for a total of more than 27 hours (1630 minutes).

The meeting points with the military escort, for both the morning and the afternoon walk, are very close to the illegal outpost of Havat Ma’on, and as a result, when the escort is late, the children must wait where they are vulnerable to settler violence and harassment. During the first semester of the 2016-17 school year the children waited for the escort at these dangerous meeting points for a total of 35 hours.

S2220012

MILITARY ESCORT ABSENCE

During the first semester the military escort failed to arrive on four occasions, once in the morning and three times in the afternoon. These incidents constitute extremely serious failures on the part of the escort to adequately protect the children. The children cannot use the road without the presence of the soldiers, due to the danger of settler attacks. In previous years, when the escort has failed to arrive, the children used an alternative footpath which runs around the outside of the illegal outpost of Havat Ma’on. However settlers from the illegal outpost have now built a new structure near the path, some distance from the outpost, making this path nearly impassable. The presence of this structure and an increased level of settler violence and intimidation of Palestinians using this path has made it too dangerous for the children, and as a result they must now take a much longer route between school and home if the soldiers fail to arrive. This longer path takes between 45 minutes and one hour, and is extremely difficult, especially for the youngest children. Even on this longer path the children are vulnerable to violence and harassment from settlers. During the first semester the children used this longer route on three of the four occasions on which the escort failed to meet them.

In one case the escort failed to meet the children after school because the soldiers did not know the location of the meeting point, which has been unchanged for thirteen years. The schoolchildren began to take the longer route, even though it is also dangerous for them if they are unaccompanied. They found the soldiers on the path and reached the village of Tuba safely, escorted by Israeli soldiers under strong pressure of Operation Dove volunteers.

In all four of these cases the Israeli soldiers gave no reasonable explanation for their failure to meet the children, either to Operation Dove volunteers or to the children themselves.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

MILITARY ESCORT MISCONDUCTS

Even when the military escort does arrive, the soldiers often fail to provide adequate protection to the children.

In contravention of the agreement between the Israeli Civil Administration (DCO) and the mayor of At-Tuwani, Israeli soldiers often do not walk with the children during the escort, even when asked by Operation Dove volunteers to do so. On 52% of the trips made by the children with the escort this semester (90 of 173 total trips) the soldiers remained in the jeep and did not walk with the children as they passed between the settlement and the illegal outpost.

The soldiers charged with escorting the children also frequently fail to complete the escort, either forcing the children to meet them closer to the outpost that the agreed-upon meeting point, or leaving the children before they reach the end of their walk. This forces the children to travel a portion of the road near the illegal outpost unprotected. On 73% of the trips made by the children with the escort this semester (127 of 173 total trips) the soldiers failed to escort the children for the full agreed-upon distance.

Operation Dove volunteers also reported another extremely serious failure of the military escort during the first semester: On 27 October the soldiers who were escorting the children threw rocks towards the schoolchildren they are charged with protecting, and carried a slingshot, which is illegal for them to use or possess.

When the military escort fails to arrive on time, when the soldiers fail to walk with the children, and when the escort fails to accompany the children for their entire walk, the soldiers not only fail to protect the children, but actually place the children whom they are charged with protecting in dangerous situations.

P1010720

SETTLERS VIOLENCE

On three occasions during the first semester of the 2016-17 school year settlers used violence against the children during their journey to and from school.

In two cases settlers harassed and threatened the children on occasions when the military escort failed to arrive and the children were forced to walk unescorted. In three cases settlers also harassed and threatened Operation Dove volunteers as they were monitoring the military escort of the schoolchildren.

During the first semester there were no instances of settler violence on the road while the schoolchildren walked with the escort, however settlers did harass and threaten the schoolchildren when the escort’s failure to meet them forced the children to take the longer path.

As a result the children’s right to freedom of movement is doubly denied: They cannot safely use the road which leads most directly to their school without the presence of Israeli soldiers to protect them, and if these soldiers fail to arrive the children are unable to use the alternative path because of the presence of settlers who threaten, harass and attempt to intimidate them, and who have blocked the path with an illegal structure.

P1010315

UNIVERSITY STUDENTS

In September, 2016, two college-aged boys from the Palestinian village of Tuba began attending university in the Palestinian city of Hebron. The shortest route to the University is the same road used by the schoolchildren to reach their school in At-Tuwani.
Often the university schedule is different from that of the school in At-Tuwani, which requires the university students from Tuba to take a longer path home from school without a military escort. During the first semester of the 2016-2017 school year these two university students have been harassed, attacked and chased by the settlers from the illegal Israeli outpost of Havat Ma’on 6 times on the longer path.
Even when their university schedule allows them to walk with the military escort their right to freedom of movement is not guaranteed.

On December 6 two Israeli soldiers who were escorting the schoolchildren who attend school in At-Tuwani refused to also escort one Palestinian boy who was coming back from the university in Hebron to his home in the Palestinian village of Tuba. The soldiers refused to explain their actions to the student, to Operation Dove volunteers, and the lawyer of the student. After one half hour the soldiers agreed to escort the university student along with the rest of the schoolchildren, but mid-way along the road they stopped the entire group to check the ID of the university student again, forcing the entire group to wait for 15 minutes in a dangerous place very close to the illegal Israeli outpost of Havat Ma’on.
Settler violence and the failure of the Israeli military escort combine to deny students from Tuba and Maghayir al Abeed thier basic right to Freedom of Movement and to Education, especially in violation of art. 2-19-28-38 of the Convention on the Rights of the Child (CRC).

Having regard to the overall context described above, Operation Dove denounces Israeli army negligence during the escort and condemns Israeli settlers violence against children and International volunteers. Highlighting the collected data it’s clear the presence of the military escort is not a permanent and efficient solution for the protection of students from neighboring Palestinian villages, nor a deterrent against settler violence. This form of protection needs a real review, an action which should involve all local realities suffering from Israeli occupation.

P1010710

UNA VIA TROPPO PERICOLOSA PER L’EDUCAZIONE
Studenti palestinesi tra violenze dei coloni e negligenze dei soldati israeliani

RESOCONTO DEL PRIMO SEMESTRE DELL’ANNO SCOLASTICO 2016/2017
Periodo: 2016/08/28 – 2017/01/10

I bambini dei villaggi palestinesi di Tuba e Maghayir Al-Abeed hanno iniziato il primo semestre dell’anno scolastico 2016-2017 scortati dai soldati israeliani per raggiungere la scuola del vicino villaggio di At-Tuwani. Per i bambini si tratta del tredicesimo anno consecutivo con una scorta militare per per compiere in sicurezza la strada che li porta fino a scuola.
Infatti per partecipare alle lezioni i bambini devono percorrere una strada che, mentre una volta assicurava un facile collegamento tra i villaggi, oggi si trova esattamente tra la colonia israeliana di Ma’On e l’avamposto illegale di Havat Ma’On. Negli ultimi tredici anni il persistere di atteggiamenti violenti da parte dei coloni dell’avamposto, illegale non solo per la Legge Internazionale, ma anche per la Legge israeliana, ha reso inaccessibile la strada ai palestinesi. Anche sotto la scorta dei soldati israeliani i bambini continuano a rischiare di subire violenze e intimidazioni lungo il tragitto.

Durante il primo semestre dell’anno 2016-2017 una media giornaliera di otto bambini tra i sei e i sedici anni hanno camminato sotto scorta militare nel tragitto casa-scuola e scuola-casa. Per ordine della Commissione dei diritti dell’Infanzia della Knesset , la scorta militare è responsabile della protezione dei bambini dalla violenza e dalle intimidazioni dei coloni durante tutto il percorso, sia all’andata che al ritorno.

I volontari di Operazione Colomba hanno documentato più volte la negligenza della scorta: spesso i militari non hanno adempiuto al loro dovere di protezione dei bambini. Minori rimasti in molte occasioni esposti alla violenza dei coloni.

RITARDI DELLA SCORTA MILITARE

Nonostante la scorta militare, il percorso rimane molto difficoltoso per i bambini di Tuba e Maghyir al Abeed. Durante questo primo semestre infatti la scorta è arrivata in ritardo al mattino 23 volte su un totale di 88 giorni di scuola monitorati. In totale i bambini hanno perso 7 ore di scuola (441 min).
Operazione Colomba ha riscontrato una maggiore incidenza di ritardi della scorta nel pomeriggio, cosa che comporta un ulteriore ritardo nel rientro a casa dei bambini o cumunque una perdita del loro tempo libero. Al termine delle lezioni i bambini sono stati costretti ad aspettare, ad At- Tuwani, l’arrivo della scorta militare per 33 giorni su 88 monitorati (37%).
Durante il primo semestre i bambini hanno atteso per un totale di più di 27 ore (1630 min).

Il punto d’incontro con la scorta, sia nel percorso del mattino che in quello del pomeriggio, è a ridosso dell’avamposto illegale di Havat Ma’On e questo comporta che, nel caso in cui la scorta sia in ritardo, i bambini debbano aspettare in un luogo poco sicuro, esposti alle possibili aggressioni dei coloni.
In totale, durante il primo semestre dell’anno scolastico 2016-2017, i bambini hanno dovuto aspettare in luoghi insicuri per 35 ore.

ASSENZA DELLA SCORTA MILITARE

Durante il primo semestre la scorta non si è presentata affatto in quattro occasioni, una volta al mattino e tre volte al pomeriggio. Questi incidenti costituiscono esempi estremamente seri di mancata protezione dei bambini da parte dei soldati israeliani. I bambini infatti non possono utilizzare la strada se non in presenza dei soldati visto il rischio di attacchi da parte dei coloni.
Negli anni precedenti, quando la scorta non si presentava all’appuntamento, i bambini attraversavano un percorso alternativo, che costeggia dall’esterno l’avamposto illegale di Havat Ma’On. A inizio 2016 i coloni dell’avamposto hanno però costruito una nuova struttura vicino a questo percorso, nonostante sia ad una certa distanza dall’avamposto, che comunque rende questa strada praticamente impossibile da percorrere. La presenza di questa struttura, unita all’aumento del livello di violenza e intimidazioni ad opera dei coloni nei confronti dei palestinesi che percorrevano questa strada, ha reso la via troppo pericolosa per i bambini. Il risultato di questa situazione è che, in mancanza della scorta, i bambini devono prendere una strada ancora più lunga, un tragitto che necessita più del doppio del tempo. Per completare il tragitto si impiegano tra i 45 minuti e un’ora, in condizioni difficili, specialmente per i bambini più piccoli.
Anche in questo caso i bambini sono soggetti ad attacchi dei coloni.
Nel primo semestre 2016-2017 i bambini hanno dovuto attraversare il percorso più lungo in tre delle quattro occasioni nelle quali la scorta non si è presentata.

In uno di questi casi la scorta non si è presentata perché i soldati non sapevano dove si trovasse il punto d’incontro con i bambini: eppure da tredici anni il punto è sempre lo stesso. Nella stessa occasione i bambini erano partiti senza scorta, avendola attesa per più di un’ora, con l’intenzione di percorrere la strada più lunga, incrociando poco dopo i soldati che, a seguito delle pressioni dei volontari di Operazione Colomba, hanno deciso di scortare i bambini fino a Tuba insieme ai volontari stessi.
In tutti e quattro questi casi i soldati israeliani non hanno saputo dare spiegazioni valide per la loro mancata presenza, né ai volontari di Operazione Colomba, né ai bambini stessi.

NEGLIGENZE DELLA SCORTA MILITARE

Anche nei casi in cui la scorta militare è presente, i soldati spesso non forniscono un’adeguata protezione ai minori.
Contravvenendo all’accordo tra Amministrazione civile israeliana (DCO) e sindaco di At- Tuwani, i soldati israeliani non camminano con i bambini durante il percorso, anche quando viene esplicitamente richiesto dai volontari di Operazione Colomba. Nel 52% dei viaggi fatti dai bambini in questo semestre (90 volte su un totale di 173) i soldati sono rimasti all’interno delle jeep, senza camminare con i bambini attraverso la colonia e l’avamposto illegale.

I soldati incaricati di scortare i bambini spesso non completano il percorso designato, obbligando in tal modo i bambini a camminare da soli per un pezzo di strada. In una occasione addirittura senza terminare il servizio di scorta e in un altro caso aspettandoli in un luogo diverso da quello concordato, molto più vicino all’avamposto illegale.
Ciò comporta che i bambini siano obbligati ad affrontare un pezzo di strada a ridosso dell’avamposto illegale, senza essere protetti in caso di attacchi. Questa situazione si è verificata il 73% delle volte (127 tragitti su un totale di 173).

I volontari di Operazione Colomba hanno inoltre evidenziato, durante questo primo semestre, un episodio riguardante la scorta militare estremamente grave: il 27 Ottobre 2016 i soldati che stavano scortando i bambini, hanno iniziato a lanciare delle pietre verso gli stessi bambini che avevano il compito di proteggere, utilizzando addirittura una fionda. Strumento illegale sia da utilizzare che da possedere.
Quando la scorta militare arriva in ritardo, quando i soldati non camminano con i bambini oppure non li accompagnano per l’intero percorso designato, i soldati non solo falliscono nel loro compito di protezione dei bambini ma li pongono anche in una situazione di grave pericolo.

VIOLENZA DEI COLONI

Nel primo semestre dell’anno scolastico 2016-2017 i coloni hanno avuto, per tre volte, atteggiamenti violenti verso gli studenti.
In due di questi casi i coloni hanno minacciato i bambini in assenza di scorta. In tre casi i coloni hanno tentato di aggredire i volontari di Operazione Colomba mentre stavano monitorando i soldati israeliani impegnati nell’accompagnamento dei bambini.
Durante il primo semestre non sono stati registrati tentativi di violenza, da parte dei coloni, mentre operava la scorta militare. Le minacce e le intimidazioni non sono invece mancate in assenza di soldati: tutto ciò obbliga i bambini ad utilizzare un percorso più lungo quando la scorta non si presenta, per evitare di venire aggrediti.
Il risultato è che il diritto dei bambini di muoversi liberamente è chiaramente negato: non possono utilizzare la strada che collega direttamente le loro case alla scuola senza la presenza di soldati israeliani che li proteggano; senza soldati come non possono più utilizzare la strada alternativa a causa della presenza di coloni. Gli stessi coloni che hanno costruito una struttura illegale sul medesimo percorso, rendendolo impraticabile ai bambini palestinesi.

STUDENTI UNIVERSITARI

Nel settembre 2016, due ragazzi del villaggio palestinese di Tuba hanno iniziato a frequentare l’Università nella città di Hebron. La strada più veloce per l’Università e la stessa che i bambini di Tuba utilizzano per raggiungere la scuola ad At- Tuwani.
Spesso gli orari dell’Università non coincidono con quelli della scuola di Tuwani e questo comporta che gli studenti universitari di Tuba rimangano sprovvisti di scorta e debbano affrontare il percorso più lungo, comunque pericoloso, senza protezione.
Durante il primo semestre dell’anno scolastico 2016-2017 i due studenti universitari sono stati attaccati, minacciati o sottoposti alle intimidazioni dei coloni dell’avamposto illegale di Havat Ma’On per sei volte, mentre percorrevano il tragitto lungo.
Anche quando gli orari dell’Università coincidono con la quelli della scorta militare, il loro diritto di libertà di movimento non è assicurato.
Il 6 dicembre 2016 due soldati israeliani che stavano accompagnando i bambini verso casa dalla scuola di Tuwani si sono rifiutati di scortare un ragazzo palestinese che stava tornando dall’Università di Hebron e che voleva raggiungere Tuba. I soldati si sono rifiutati di dare spiegazioni di tale comportamento sia al ragazzo, sia ai volontari di Operazione Colomba, sia all’avvocato del ragazzo. Dopo un’ora e mezza i soldati hanno accettato di scortarlo insieme al resto dei bambini del villaggio di Tuba, ma a metà del percorso hanno fermato l’intero gruppo per controllargli nuovamente il documento d’identità, obbligando tutti ad aspettare per 15 minuti in un luogo pericoloso, vicino all’avamposto illegale di Havat Ma’On.

La violenza dei coloni combinata alle inadempienze dei soldati della scorta militare negano agli studenti di Tuba e Maghayir al Abeed il diritto fondamentale alla libertà di movimento e di conseguenza anche il diritto all’istruzione, violando in particolare l’ art. 2-19-28-38 della Convenzione sui Diritti dell’Infanzia.

 Visto il contesto generale sopra descritto Operazione Colomba denuncia le gravi negligenze dell’esercito israeliano nel servizio di scorta, oltre a condannare la violenza ad opera dei coloni israeliani nei confronti dei bambini e dei volontari internazionali.
Alla luce dei dati raccolti si può affermare che la presenza della scorta militare non rappresenta una soluzione stabile ed efficacie per la protezione degli studenti provenienti dai vicini villaggi palestinesi, né un deterrente contro la violenza dei coloni.
Questa forma di tutela necessita di una reale revisione, azione che dovrebbe vedere coinvolte anche tutte le realtà locali soggette all’occupazione israeliana.

S1880002

Tuwani(R)Esiste

A DANGEROUS ROAD TO EDUCATION: SUMMARY OF THE 2016-2017 SCHOOL YEAR – 1 st SEMESTER

http://tuwaniresiste.operazionecolomba.it/a-dangerous-road-to-education-summary-of-the-2016-2017-school-year-1-st-semester/

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.