Un’indagine rileva che soldati israeliani hanno sparato a dei cittadini palestinesi solo per aver fatto un’inversione a U

0
232

tratto da: rete Italiana ISM

13 marzo 2020

https://www.middleeastmonitor.com/

Un’indagine del giornale israeliano Haaretz ha rivelato che i soldati israeliani hanno aperto il fuoco su un veicolo palestinese il cui autista stava semplicemente facendo un’inversione a U, in quello che i funzionari militari hanno descritto all’epoca come un tentativo di “attacco d’auto”.

Secondo il giornale, il 20 febbraio, il portavoce dell’esercito israeliano ha riferito che i soldati avevano sparato a un veicolo palestinese che accelerava verso di loro nel villaggio di Beitin, “in quello che i media riportano come un sospetto attacco a bordo di un’auto”.

In effetti, dopo aver ottenuto due video e intervistato i sopravvissuti e i testimoni, Haaretz ha riferito che le forze di occupazione israeliane hanno aperto il fuoco “mentre l’autista stava facendo un’inversione a U e ha colpito un sasso, e che i soldati non hanno affrontato nessuna situazione pericolosa per la loro vita”.

Nella notte in questione, quattro adolescenti palestinesi della vicina Deir Dibwan stavano guidando verso Beitin alle 20.30, quando “hanno visto una jeep militare scendere lungo la strada nella corsia opposta”.

In preda al panico “poiché l’autista non aveva la patente, ha fatto un’inversione a U per tornare a Deir Dibwan ma ha colpito una pietra sul lato della strada”, ha spiegato Haaretz. I soldati israeliani sono quindi usciti dalla jeep, sparando in aria e poi alla macchina.

Uno dei passeggeri, Mohammed Sarameh, è ​​rimasto gravemente ferito ed è in attesa di ulteriori interventi chirurgici. Secondo il documento, “il suo dossier medico afferma che un proiettile lo aveva colpito alla schiena e un altro alla sua coscia sinistra”, e che “non può muovere gli arti e ha subito molte lesioni all’addome”.

Haaretz ha osservato che nessuno dei giovani nella macchina era “sospettato di attacchi o tentativi di attacco” dalle autorità israeliane.

Inoltre, “uno sguardo all’auto mostra che i segni di proiettili compaiono solo sul retro del veicolo. Se i soldati avessero sparato mentre la macchina si dirigeva verso di loro, allora tali segni avrebbero dovuto apparire sulla parte anteriore o sui lati del veicolo. ”

L’esercito ha anche “cambiato la sua versione degli eventi sull’incidente”, ha aggiunto Haaretz. Per questo ultimo articolo, il portavoce militare israeliano ha semplicemente riconosciuto che “le truppe hanno visto un’auto accelerare verso di loro e hanno pensato che si trattasse di un tentativo di speronamento, quindi hanno sparato al veicolo”.

 

Un’indagine rileva che soldati israeliani hanno sparato a dei cittadini palestinesi solo per aver fatto un’inversione a U

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.