«UNO DEI PEGGIORI INCIDENTI NUCLEARI AVVENUTI IN RUSSIA DA CHERNOBYL, FORSE»

0

LUNEDÌ 12 AGOSTO 2019

Il New York Times descrive così una misteriosa esplosione avvenuta giovedì durante un test nucleare nel Mar Bianco, su cui la Russia non sta dicendo molto

 (un frammento del video diffuso dal ministro della Difesa russo in cui si vede un missile Burevestnick/Skyfall)

A distanza di quattro giorni, esperti e analisti in tutto il mondo stanno ancora cercando di capire cosa sia successo esattamente giovedì 8 agosto in una base militare russa nella regione di Arkhangelsk, nel nord della Russia, sulle coste del Mar Bianco. L’agenzia atomica russa ha ammesso in maniera piuttosto criptica che cinque scienziati sono morti in seguito a un incidente nucleare, ma l’annuncio è arrivato dopo due giorni di smentite e non è stato seguito da nessuna informazione sulle cause e la portata dell’incidente. L’esplosione, peraltro, è avvenuta meno di una settimana dopo lo smantellamento di un altro pezzo del sistema di trattati nazionali fra Stati Uniti e Russia per il controllo degli arsenali nucleari.

Ogni volta che succede un episodio simile, e in passato ne sono accaduti diversi, analisti e osservatori citano l’esempio dell’esplosione della centrale nucleare di Chernobyl, avvenuta nel 1986 quando la Russia era dominata dall’Unione Sovietica. Fu il più grande disastro nucleare della storia, e si ritiene che parte dei danni fu causata dalla lentezza con cui il regime sovietico si occupò dell’esplosione a cause dei moltissimi strati di burocrazia, dell’endemica corruzione dei propri funzionari e della propaganda ufficiale, che nei giorni seguenti all’incidente tenne nascosta la sua vera portata alla comunità internazionale.

La Russia di Vladimir Putin ha problemi simili, in termini di corruzione e trasparenza, e diversi osservatori temono che un incidente come quello di Chernobyl possa essere gestito oggi più o meno nella stessa maniera. Le informazioni ufficiali sull’incidente di giovedì, per esempio, sono molto scarne e sono cambiate nel giro di due giorni. Sulla base di alcuni pareri il New York Times ha ipotizzato che l’esplosione sia avvenuta durante il test di un missile, e lo ha descritto come «forse uno dei peggiori incidenti nucleari avvenuti in Russia da Chernobyl» (anche se di scala molto minore). E però, di nuovo: ottenere conferme ufficiali sarà praticamente impossibile.

L’incidente è avvenuto giovedì al largo delle coste di Nenoksa, circa 470 chilometri a est in linea d’aria dal confine con la Finlandia, non è chiaro se su una piattaforma o una nave. Poche ore dopo il ministero della Difesa russo raccontò che due persone erano morte e sei erano state ferite in un’esplosione accidentale causata da una perdita di carburante. Nelle stesse ore però il comune di Severodvinsk, situato 50 chilometri a est, aveva pubblicato sul proprio sito un rapporto secondo cui due rilevatori di radiazioni avevano raggiunto un picco. Il rapporto è stato successivamente rimosso dal sito, ma nel frattempo gli abitanti di diverse città vicine si erano affrettati a fare scorta di iodio, una sostanza che neutralizza in parte gli effetti delle radiazioni.

Due giorni dopo l’agenzia atomica russa ha diffuso un comunicato in cui dichiarava che l’esplosione era avvenuta a causa di «una fonte isotopica per un missile a carburante liquido». Il New York Times ha fatto notare che «malgrado la confusa scelta di parole, è stata l’ammissione che l’incidente aveva avuto una natura nucleare». La portata dell’incidente non è stata chiarita: alcuni giornali russi hanno parlato di un picco di radiazioni pari a 200 volte i livelli normali, mentre Greenpeace ha parlato di livelli 20 volte più alti registrati nella città di Severodvinsk, dopo avere analizzato dati interni del governo russo. Nel frattempo i morti sono diventati sette, fra cui cinque scienziati che il capo di una divisione dell’agenzia atomica russa ha definito «eroi nazionali».

Diversi funzionari dell’intelligence statunitense hanno raccontato al New York Times di sospettare che l’esplosione abbia coinvolto un prototipo di missile che la Russia chiama 9M730 Burevestnick, e la NATO SSC-X-9 Skyfall. È un missile a propulsione nucleare su cui la Russia sta lavorando da alcuni anni: nel 2018 Putin ne ha persino parlato nel suo comizio di fine anno.

Il Burevestnick/Skyfall è un tipo di missile che le agenzie di intelligence statunitensi temono molto. Da tempo infatti le principali potenze al mondo stanno cercando di superare la tecnologia che alimenta i missili terra-aria, che in estrema sintesi funzionano ancora a combustibile, cosa che li rende lenti e prevedibili. Un missile a propulsione nucleare, invece, si muoverebbe molto più velocemente (fino a cinque volte la velocità del suono, dicono i russi), potrebbe colpire qualsiasi punto del pianeta e soprattutto renderebbe inefficaci gli attuali sistemi di difesa missilistici degli Stati Uniti e della NATO.

Già nel febbraio del 2018 gli organi di informazione russi avevano diffuso un video che sembrava mostrare il Burevestnick/Skyfall in aria, suggerendo che fosse già funzionante. In realtà il video è stato giudicato un falso. Fra febbraio e novembre del 2018 il missile è stato lanciato in via sperimentale per quattro volte, hanno raccontato alcune fonti a CNBC, e ogni test si è concluso con un fallimento.

L’ipotesi di un nuovo test del missile Burevestnick/Skyfall è rafforzata anche da alcuni immagini satellitari diffuse dalla società americana Planet Labs. Nella giornata dell’8 agosto, il satellite ha ripreso una nave militare russa specializzata nel trasporto di sostanze nucleari al largo di Nenoksa. La stessa nave era stata avvistata durante un altro dei test del missile Burevestnick/Skyfall.

Il Burevestnick/Skyfall, però, non è un missile come gli altri: monta una tecnologia che non è mai stata sperimentata con successo e che altri paesi hanno già abbandonato. «Il tentativo di sviluppare missili a propulsione nucleare che riescano ad arrivare ovunque è folle», ha raccontato al New York Times Ankit Panda, un analista esperto di armi nucleari. «Non è chiaro se qualche burocrate russo sia riuscito a convincere una leadership meno informata della nostra che sia una buona idea: gli Stati Uniti avevano sperimentato questa tecnologia, avevano scoperto rapidamente i suoi limiti e rischi, e l’hanno abbandonata con buone ragioni». Lasciare alla Russia la possibilità di testare armi del genere, insomma, comporta sia il rischio che la sviluppi con successo e che abbia una nuova potente arma con cui minacciare l’Occidente; sia che gli incidenti avvenuti durante i test abbiano conseguenze gravi e indesiderate.

Le ultime notizie ufficiali riguardo l’incidente risalgono a sabato, e non è chiaro se da allora il numero dei morti sia aumentato. Il Guardian scrive che nel frattempo il governo russo ha chiuso una delle baie del Mar Bianco, «rafforzando le congetture di una contaminazione dell’acqua o di un’operazione di ricerca» per recuperare il missile.

 

«UNO DEI PEGGIORI INCIDENTI NUCLEARI AVVENUTI IN RUSSIA DA CHERNOBYL, FORSE»

«Uno dei peggiori incidenti nucleari avvenuti in Russia da Chernobyl, forse»

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.